Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

4.000 nuovi decessi registrati in India. Ma la cifra reale potrebbe essere molto più alta.

Per la prima volta, il numero di nuovi morti Corona ha raggiunto i 4.000 in un giorno in India. Ma gli esperti ritengono che il numero reale potrebbe essere da cinque a dieci volte superiore.

I resti di un’altra vittima della Corona saranno trasferiti in un improvvisato crematorio all’aperto a Nuova Delhi, in India, giovedì 6 maggio. Foto: Ishant Chauhan / AP / NTB

4.187 nuovi morti, hanno detto sabato le autorità indiane. Ufficialmente, finora sono stati registrati quasi 240.000 morti per Corona e 22 milioni di feriti. Ma gli esperti stimano che questa sia solo una frazione dei numeri veri.

Il numero effettivo di persone infette in India potrebbe essere di 65 milioni, secondo una stima dell’Istituto sanitario IHME dell’Università di Washington, USA, secondo i rapporti. Tempi dell’India.

E indica che il numero di morti potrebbe essere molto più alto, perché molti paesi tengono traccia solo di coloro che muoiono negli ospedali o di coloro a cui è stato diagnosticato il virus.

Il primo ministro indiano Narendra Modi è stato sottoposto a crescenti pressioni per imporre un rigido blocco a livello nazionale, nonostante le difficoltà economiche che potrebbero derivarne.

Venerdì i negozi hanno chiuso e le strade di Jammu, in India, erano silenziose. Sono stati imposti rigidi blocchi locali, ma molti chiedono misure nazionali. Foto: Channi Anand / AP / NTB

Esperti sanitari, leader dell’opposizione e giudici della Corte suprema hanno acconsentito alla richiesta di restrizioni nazionali. Dicono che la combinazione di misure locali non è sufficiente per rallentare l’epidemia.

La situazione è diventata così grave che anche i commercianti, che sapevano che le loro attività sarebbero state colpite, ora chiedono una chiusura completa. E non vedono altre soluzioni.

READ  Dibattito norvegese ... Mahmoud Farahmand | Una vittima della lotta di liberazione

Solo se la nostra salute è buona possiamo fare soldi, dice Aruna Ramji, che possiede un negozio di fiori a Bengaluru.

Leggi anche

Gli indiani in Norvegia raccolgono fondi per attrezzature per l’ossigeno inviate in India

Lungo krematoriekøer

Nuove varianti virali e un tentativo di riapertura fallito sono stati accusati dell’epidemia, che è aumentata a febbraio. Il paniere del contagio sta ora iniziando a stabilirsi nelle principali città come Nuova Delhi e Mumbai.

Ma il virus si sta ancora diffondendo rapidamente nell’India meridionale e nel Bengala occidentale nord-orientale con la città di Calcutta e nelle campagne.

La TV indiana trasmette immagini di persone sdraiate in barella fuori dagli ospedali in attesa del loro ricovero. C’è carenza di letti e ossigeno negli ospedali.

In campagna, i pazienti vengono curati in ospedali improvvisati all’aperto, con gocce IV che pendono dagli alberi.

I crematori e gli orti funerari sono così affollati e affollati che le persone devono aspettare ore con i cadaveri dei loro cari prima di poter scappare.

Leggi anche

La variante del virus indiano minaccia di riaprire? La direzione norvegese della sanità e FHI non sono d’accordo.

Vaksineknapphet globale

La tragica situazione ha messo sotto pressione le autorità di molti altri paesi, che soffrono di sistemi sanitari inadeguati e scarso accesso ai vaccini.

In Africa, vedono più paura nelle previsioni, anche perché l’India è un produttore significativo di vaccini. In particolare, il programma Covax, che è la cooperazione internazionale per garantire ai paesi poveri l’accesso ai vaccini, si affida ai produttori in India.

Ma alla fine di marzo le autorità indiane hanno deciso di limitare l’esportazione di vaccini, scrive CNN. Hanno bisogno di tutto per la loro gente.

READ  La polizia temeva che nella capitale americana sarebbe scoppiata una nuova rivolta violenta. Pochissimi manifestanti hanno partecipato.

Sabato, le persone si sono coperte il volto per proteggersi dall’infezione mentre erano in fila per i vaccini a Prayagraj, in India. Foto: Rajesh Kumar Singh / AP / NTB

Gli effetti a catena si fanno sentire in tutto il mondo.

I vaccini sono già terminati in Tunisia, Libia, Togo, Botswana, Eswatini, Ruanda, Ghana e Senegal. Le autorità sanitarie del paese e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno avvertito che il Kenya è pericolosamente vicino a fare lo stesso.

I critici dicono che l’OMS si è presa un rischio enorme facendo affidamento sugli impianti di produzione in India.

Mettono molte uova nello stesso paniere, dice Andrea Taylor. È ricercatrice presso il Center for Global Health and Innovation della Duke University negli Stati Uniti.

È stato un errore strategico, visto che quanto sta accadendo in India era del tutto prevedibile.

Una politica catastrofica

Il primo ministro indiano Narendra Modi è ora in maltempo. È accusato di aver causato ed esacerbato l’ondata di infezioni.

Nel frattempo, le critiche sono imbavagliate. I giornalisti che hanno criticato le politiche delle autorità sono stati sottoposti a maltrattamenti e arresti.

La fiducia in Modi è debole tra molti indiani.

Non è solo questione di rotazione o assenza di poteri. Hanno contribuito attivamente a peggiorare la situazione, afferma Milan Vaishnav, capo del programma Asia meridionale presso il Carnegie Research Center a BBC.

Tra le altre cose, le autorità hanno permesso a milioni di indiani di riunirsi per settimane per celebrare una festa indù sulle rive del fiume Gange. Si sono tenute anche grandi riunioni elettorali.

Questa pretesa di abbandono o di sfida alla situazione è stata scioccante in altre parti del mondo, afferma Alex Travely, corrispondente di The Economists India.

READ  D'accordo e credi finché la bugia non cade