Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

|  A volte dobbiamo lottare per la pace

| A volte dobbiamo lottare per la pace

commento Esprime le opinioni dello scrittore.

Il 9 aprile 1940 la Norvegia fu attaccata dalla Germania nazista. Dopo alcune considerazioni, il governo Nygaardsvold scelse di non sottomettersi alle richieste tedesche e scelse di combattere.

Quindi scelsero di non fare la pace combattendo per l’indipendenza della Norvegia.

Nonostante avesse combattuto coraggiosamente e inflitto a Hitler la prima sconfitta della guerra nella battaglia di Narvik, il governo norvegese si arrese il 10 giugno 1940. La pace allora prevalse in Norvegia.

Non siamo più in guerra. Parlando tecnicamente.

Celebriamo la Giornata della Pace il 10 giugno? Ovviamente no. Celebriamo la Festa della Liberazione l’8 maggio. Perché in molti casi la libertà è più importante della pace. La pace non è necessariamente pace. La pace deve essere conquistata.

È espresso in modo molto elegante nel nostro inno nazionale, dove si dice che a volte è necessario “accamparsi per la sua pace”. In altre parole; A volte dobbiamo lottare per la pace.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Norsk Debatt

Tutta la pace è buona?

Esistono molti tipi di pace. La pace è semplicemente l’assenza di guerra.

Se dobbiamo credere ad alcuni attivisti pacifisti che gridano a gran voce per la pace in Ucraina, la pace è l’unica cosa che conta. L’Ucraina deve rinunciare a tutto per la pace.

Secondo questa logica, la Norvegia non avrebbe dovuto entrare in guerra nel 1940. Avremmo dovuto arrenderci immediatamente e garantire la pace. Il Regno Unito dovrebbe fare lo stesso. Hitler avrebbe potuto controllare tutta l’Europa e noi avremmo potuto avere la pace. E forse anche la pace eterna.

Un’area che ha visto la pace continua dal 1953 è la penisola coreana. Forse questo è l’esempio perfetto della differenza tra pace e pace. In Corea del Sud hanno pace e libertà. Pace con diritti fondamentali e poteri responsabili del governo del Paese. In Corea del Nord le persone muoiono di fame mentre vivono sotto uno dei regimi più repressivi che il mondo abbia mai visto.

Non è possibile misurare la sofferenza vissuta da ogni persona che ha vissuto in Corea del Nord dal 1953 ad oggi.

READ  Viaggio senza successo ai Caraibi di William e Kate - NRK Norvegia - Una panoramica delle notizie da diverse parti del paese

Ma forse quello che dovremmo fare è fare questo esercizio di pensiero:

La guerra di Corea è stata estremamente brutale e ha causato enormi sofferenze alla popolazione civile.

Un altro anno di guerra in cui la Corea del Nord fu sconfitta e l’intera penisola coreana liberata avrebbe potuto essere migliore?

Non lo sapremo mai.

Forse non era possibile. Ma dobbiamo fare l’esperimento mentale ogni volta che pensiamo che qualcun altro dovrebbe fare la pace a tutti i costi perché pensiamo che la pace sia meglio della guerra.

Nella maggior parte dei casi, la pace è meglio della guerra. Ma non sempre.


Jorn Sund Henriksen

Jorn Sund Henriksen è stato osservatore elettorale a Kiev durante la Rivoluzione arancione del 2004 e ha lavorato per il comando della guardia costiera. È stato coinvolto nell’intelligence indipendente (OSINT) per più di 10 anni in molti conflitti ed è un leader della Società degli amici ucraino-norvegese. I suoi contributi si basano su ricerche open source e sono quindi un accumulo e un’analisi delle informazioni attualmente disponibili, con i rischi di approvvigionamento errato.

per conquistare la pace

E questa è la battaglia che l’Ucraina sta combattendo adesso.

Lotta per la pace. Pace con libertà, non sottomissione.

Bisogna raggiungere la pace, affinché diventino la Corea del Sud e non la Corea del Nord.

Stanno lottando per la loro esistenza. Proprio per questo nessuno, tranne loro, può avere un’opinione legittima se si debba fare la pace o combattere..

Gli ucraini non sono un popolo testardo che ignora gli eventi che li circondano. Sono rappresentati nel loro destino.

Combattevano perché credevano che la vita e la possibile morte in battaglia fossero preferibili alla sottomissione a una forza che li avrebbe distrutti.

Se Zelenskyj avesse scambiato oggi parti dell’Ucraina con la pace, il popolo lo avrebbe rovesciato e avrebbe continuato a combattere.

Dire che gli stessi ucraini decidono di combattere o di fare la pace non è solo una frase. Questo è il nocciolo della questione.

Perché noi, che non conosciamo il costo della guerra o dell’occupazione, dovremmo avere voce in capitolo su ciò che dovremmo scegliere?

READ  Tutta New Orleans senza elettricità - VG

È poco saggio e moralmente sbagliato collegare le esigenze dei negoziati di pace con il sostegno all’Ucraina. L’Occidente deve sostenerli con ciò che è necessario per ottenere la pace.

Senza riserve.

Leggi anche

E doveva finire così. Non puoi sfidare Putin e farla franca

Che aspetto ha la pace con la Russia?

Sebbene non sia affatto il primo a fare tali valutazioni, la questione ha attirato l’attenzione di tutto il mondo quando Stian Jensen, capo dello staff di Jens Stoltenberg, ha reso omaggio all’Arendal Week.

Lo ha immediatamente ritrattato, ma alcuni ritengono che questo sia un indizio importante per poter “ripensarci” e porre fine a questo conflitto.

Il primo problema è che i russi rispondono male alle proposte di compromesso. Lo vedono come una debolezza e un’opportunità per chiedere di più.

La risposta immediata all’alta mentalità di Jensen è stato il tweet qui sotto dell’ex presidente Medvedev che affermava che la proposta era interessante, ma poi avrebbero dovuto rinunciare anche a Kiev:

Il problema è che cedere territori ai russi in cambio della pace non è un’idea nuova.

Questo è un vecchio modo di pensare.

Non è un esercizio teorico, ma è già stato sperimentato nella pratica. Minsk 1 e 2 sono esempi di tali accordi e dimostrano che è impossibile fidarsi dei russi.

L’accordo con loro non ha alcun valore (nota personale, vedere sia l’accordo Deleline che quello delle Svalbard).

Il presidente ucraino Petro Poroshenko non era disposto a firmare gli accordi di Minsk perché sapeva cosa significavano. Una pausa nella guerra per i russi, che consentì loro di consolidare le loro posizioni e lanciare nuovi attacchi quando si sentirono pronti.

Poroshenko è stato costretto a firmare.

Soprattutto dalla Germania Angela Merkel e Francia Francois Hollande.

READ  Qui, la vita torna a Kiev - scorre verso le spiagge

La Francia ha più volte sottolineato che l’Ucraina deve fare delle concessioni per raggiungere la pace.

Nicolas Sarkozy Recentemente ha affermato che l’Ucraina non dovrebbe aderire alla NATO e che la Francia dovrebbe riprendere il dialogo con Putin.

Allo stesso tempo è indagato per aver ricevuto denaro da una compagnia di assicurazioni russa.

La Moldavia e la Georgia hanno concluso diversi accordi di pace con la Russia negli anni ’90, ma gran parte dei loro territori sono ancora sotto l’occupazione russa.

Anche la Georgia è stata nuovamente invasa nel 2008 e ora ha un governo filo-russo che interferisce con la sua popolazione. In allontanamento dall’Europa e legami più stretti con la Russia.

Qui puoi leggere altri post di Jørn Sund-Henriksen

Occupazione russa

I resoconti di coloro che hanno vissuto sotto l’occupazione russa nel Donbass o in Crimea ricordano più la Corea del Nord che parte della società moderna.

Quasi tutti gli uomini in età di mobilitazione sono stati mobilitati con la forza e inviati al fronte a combattere per la Russia attraverso le pseudorepubbliche che hanno creato.

Non esiste libertà politica e le repubbliche sono in gran parte gestite dalla criminalità organizzata e dal caos generale. Le persone che si esprimono in direzione filoucraina tendono a scomparire.

Quante persone saremmo disposti a condannare per aver vissuto in tali condizioni? E per quanto tempo?

Ci sono molti ucraini che sono fuggiti dai territori occupati e ora vivono in altre parti dell’Ucraina. Le loro famiglie sono state lasciate nei territori occupati e non accetteranno di condividere il loro destino con coloro che sono occupati nel Donbass dal 2014.

Gli ucraini stanno scegliendo il proprio destino e ci sono molti segnali che stanno facendo progressi sul campo di battaglia.

Nessuno dovrebbe venire a mezzanotte e imporre loro una pace che getti le basi per una nuova guerra quando conviene alla Russia.

L’Ucraina sta ora combattendo una guerra d’indipendenza e decide da sola quando questa guerra finirà.