Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Abbiamo avuto un problema anche prima di omikron – E24

Bjarne Schieldrop di SEB ritiene che l’OPEC si allontanerà dal piano per aumentare la produzione di petrolio, dopo che i prezzi sono scesi venerdì. Ritiene che in questo caso gli Stati Uniti non abbiano ottenuto altro che ridurre le proprie scorte.

Paura del virus: il calo dei prezzi del petrolio venerdì è stato uno dei più grandi da molto tempo, secondo Ole-Rikard Hammer di Arctic Securities.

Inserito: Inserito:

Venerdì, i prezzi del petrolio sono scesi di oltre l’11% a meno di 73 dollari al barile.

L’analista petrolifero Ole-Rikard Hammer di Arctic Securities ha notato il drammatico calo, dato il breve tempo impiegato.

Allo stesso tempo, va notato che il mercato è stato completamente “sbilanciato” a favore di un aumento dei consumi, nonostante i ripetuti avvertimenti, secondo Bjornar Tonhagen dell’agenzia di analisi Rystad Energy.

“Ci si aspetterebbe un traffico aereo lento ma sicuro a livello globale”, ha scritto in un SMS.

Il collega Bjarne Schieldrop sottolinea la stessa cosa.

– Se osservi la relazione tra le scorte di petrolio e il prezzo, scopriamo che il prezzo è recentemente aumentato di $ 10 al di sopra del normale. Questo perché il mercato ha fissato le sue aspettative per un aumento dei viaggi e dei consumi e dipenderà dalle scorte.

Ma ora si sta diffondendo il timore che la nuova variante di Corona, soprannominata omikron, porti a nuove ondate di chiusure e restrizioni. Scheldrop afferma che dopo il calo di ieri, questo equilibrio tra le scorte di petrolio e il prezzo sta diventando più normale.

Allora puoi chiederti: il mercato ha fatto la cosa giusta? Non sappiamo molto della nuova variante, quindi il tempo lo dirà.

Continua a leggere E24 +

Dividendi per coloro che possono sopportare l’aumento e la caduta dei prezzi del petrolio

Gli investitori pensano di essere felici

Bjarne Schieldrop sottolinea inoltre che siamo in un periodo dell’anno in cui potrebbe esserci meno resistenza tra i principali investitori petroliferi.

È stato un anno molto redditizio per gli investitori petroliferi, quindi alcuni potrebbero pensare che preferirebbero uscire con la bandiera in alto. Che è meglio chiudere i libri e prendersi le vacanze di Natale con il profitto dell’anno, piuttosto che sedersi e guardare cosa succede all’infezione.

Analista di materie prime Bjarne Schieldrop presso SEB.

Allo stesso tempo, l’impatto del nuovo virus non si limita ai mercati, osserva l’analista di SEB.

– Abbiamo avuto un problema con l’aumento dell’infezione anche prima di usare Omicron. E non siamo ancora in pieno inverno, dove le persone sono al chiuso piuttosto che all’aperto, il che facilita più infezioni. Quindi forse dovremmo guardare al segmento primaverile prima di iniziare a sperare in una normalizzazione.

Leggi anche

La produzione petrolifera norvegese si dirige verso i “massimi storici”

Penso che l’OPEC si stia allontanando dal piano

Questa settimana si è saputo che gli Stati Uniti prevedono di immettere sul mercato 50 milioni di barili e che Cina, India, Giappone, Corea del Sud e Regno Unito seguiranno l’esempio.

La domanda è cosa accadrà quando il cartello petrolifero dell’OPEC si riunirà all’inizio di dicembre. Il loro piano attuale è di aumentare la produzione di 0,4 milioni di barili al giorno.

L’Arabia Saudita è il paese leader nella cooperazione OPEC. Qui, il ministro dell’Energia Abdulaziz bin Salman Al Saud.

– Penso che ci sia una probabilità abbastanza alta ora che l’OPEC abbia deciso di non aumentare, afferma Bjarne Schieldrop.

In tal caso, ciò significherebbe che l’offerta aggiuntiva degli Stati Uniti diminuirà leggermente nei prossimi mesi, sottolinea.

– Sarebbe molto amaro per loro. Se ciò accade, gli Stati Uniti non hanno ottenuto altro che ridurre le proprie scorte strategiche.

Leggi anche

La Danimarca chiede alla Norvegia di fissare una scadenza per la produzione di petrolio

Mercato incerto per le scorte di aeromobili

Gli azionisti delle compagnie aeree sono stati costretti a guardare i loro valori correre venerdì. Alla Borsa di Oslo, la società norvegese è in cima alla lista dei perdenti, con un calo del 10,3 per cento. Questo è successo dopo l’emergere del virus sudafricano.

L’analista dell’aviazione Hans Jørgen Elnæs osserva che non sono necessariamente le restrizioni ai viaggi nella parte meridionale dell’Africa a causare la quota inferiore.

Hans Jørgen Elnæs, consulente e analista di Winair.

— Il traffico aereo nella parte meridionale dell’Africa rappresenta solo lo 0,5 percento della capacità totale mondiale e l’80 percento di esso è di nuovo costituito da voli nazionali. In un contesto globale, non c’è molto traffico aereo in entrata e in uscita da quest’area, afferma Elnæs.

– Tuttavia, le tariffe aeree ne risentono e questo dimostra quanto siano instabili i mercati, afferma.

La paura di un nuovo tipo di virus potrebbe influenzare le nostre abitudini di viaggio, il che a sua volta avrebbe un impatto negativo sul reddito della maggior parte delle persone.

L’inverno, che di solito è una brutta stagione per le compagnie aeree, è spesso offerto da chi prenota le vacanze estive a dicembre e gennaio.

– Se le persone si siedono sul recinto e aspettano le prenotazioni, le compagnie aeree devono bruciare contanti, dice.

READ  Audi A1: il successo della piccola Audi sta scomparendo