Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Abbiamo bisogno di una nuova umanità?

Abbiamo visto oltre il ramo verde su cui eravamo seduti. Dobbiamo ripensare a come la nostra tradizione umanistica occidentale può fornire una difesa della diversità della natura e il rispetto dei suoi limiti, scrive Christian Rossack.

Christian Russack è consulente organizzativo presso la Society for Human Ethics e in precedenza ha lavorato per le Nazioni Unite.

I decenni dopo il 1945 furono un periodo d’oro ottimista per i valori umani. Ci siamo attivamente riuniti attorno a un ordine mondiale basato su diritti, convenzioni e principi. Migliore cooperazione mondiale e maggiore rispetto della dignità umana e dei diritti umani. In particolare, siamo stati in grado di mirare ad aumentare l’aspettativa di vita globale, le democrazie sono cresciute, ci sono meno guerre, meno morti in guerra, le economie si gonfiano, più persone ricevono istruzione e una migliore assistenza sanitaria.

Ma ora vediamo nuvole scure all’orizzonte non lontano.

Oggi il potere di coesione si sta indebolendo, paesi e popoli scivolano in società di interesse frammentate. Le democrazie sono sotto pressione e la crisi climatica e naturale sta dimostrando che l’umanesimo liberale non può sostenersi da solo e che stiamo distruggendo le fondamenta delle generazioni future.

Crisi grave con traiettoria lenta

Rapporto delle Nazioni Unite che riassume dieci anni di lavoro obiettivi di Aichi Per fermare la distruzione della natura, nel 2020 abbiamo ricordato che stiamo affondando la testa nella sesta estinzione di massa. L’UNICEF ha sviluppato un indice dei rischi climatici per i bambini. mostralo miliardi I bambini di 33 paesi sono ora a grave rischio per una combinazione mortale di minacce climatiche e ambientali e comunità vulnerabili. Il giorno del consumo eccessivo, la data in cui abbiamo esaurito le risorse che la terra può produrre in un anno, arriva sempre prima. Nel 2021, la data è il 29 luglio. Stiamo andando nella direzione sbagliata e gli avvertimenti sono chiari.

Quella che stiamo affrontando è una crisi naturale e climatica guidata dai consumi e che si rafforza a vicenda.

La capacità intrinseca della natura di immagazzinare carbonio diminuisce, mentre la perdita della natura indebolisce le barriere naturali contro vento, acqua e siccità. Questo colpisce prima di tutto coloro che hanno contribuito di meno alla crisi, e che hanno di meno con cui proteggersi, e il mondo diventa un luogo più pericoloso.

READ  Membro della settimana di Tekna: - Hai scritto che il database è molto impreciso

La guerra al terrorismo, la crisi finanziaria del 2008 e la pandemia che stiamo ancora vivendo, hanno dimostrato che siamo in grado di organizzare misure contro le crisi acute con un chiaro profilo di minaccia. La crisi naturale e climatica, con il suo lento decorso, non sembra acuta. Esistono relazioni causali complesse, un quadro pervasivo della minaccia e un orizzonte a lungo termine sia per la perdita che per il guadagno. Richiederebbe una manifestazione molto più ampia contro di essa. Stiamo attraversando un brutto momento.

Sembra che la natura debole sia normale

Dopo una lunga vita con l’intera Terra come luogo di lavoro, il documentarista sulla natura David Attenborough dà uno sguardo unico a come la natura è indebolita e sminuita. Come un meraviglioso comunicatore delle relazioni e della bellezza della natura – il mare, le foreste, il ghiaccio e le montagne – ha pensato che fosse sufficiente per farci desiderare di proteggerla e coltivarla.

I cambiamenti nella natura, visti in televisione, attraverso le lenti di Attenborough, sono drammatici e di vasta portata. Ma attraverso la finestra della cucina non ci accorgiamo che gli insetti stanno scomparendo e la diversità delle specie diminuisce. Una percezione di ciò che è l’ambiente naturale e la natura selvaggia si crea in ogni generazione. Una natura sempre più vulnerabile sembra essere normale. E se non lo vedi, non perderlo.

Per più di 90 anni, Attenborough è stato ospite frequente delle Nazioni Unite e di vari vertici per parlare della nostra dipendenza dalla biosfera. “Il mondo come lo conosco sta scomparendo”, dice. pezzo dopo pezzo. I tessuti della vita sono ridotti a brandelli.

Sottolineiamo gli ecosistemi con l’inquinamento e le tasse eccessive. Stiamo distruggendo le riserve naturali di carbonio e ciò che protegge dalle condizioni meteorologiche estreme: foreste, comprese foreste pluviali e mangrovie, zone umide, aree costiere vulnerabili, barriere coralline. La natura selvaggia e la ricca diversità delle specie sono sostituite dalla monocoltura industriale e concreta.

Abbiamo visto oltre il ramo verde su cui eravamo seduti. Dobbiamo ripensare a come la nostra tradizione umanistica occidentale può fornire una difesa della diversità della natura e il rispetto dei suoi limiti.

READ  Quando Dio lascia l'edificio - la nostra terra

Il paesaggio è dentro di noi

Le persone che ho conosciuto e gli amici che mi sono fatto da bambini vivono con me nei miei ricordi. Così è il paesaggio in cui sono cresciuto. Quando sono diventato padre, mi sono sorpreso a ricercare la natura che esploravo e in cui giocavo da bambino. Dovevo tornare a casa per fare una passeggiata nel bosco e camminare lungo il fiume. Sono comparsi i ricordi di remare nel fiume, lentamente sotto gli alberi caduti, di trovare un caldo molo sabbioso, di vestirsi e di gettarsi nudo nell’acqua dolce. Scopri il sentiero delle alci, la tana dei castori, le piscine e i punti di pesca. Foresta di mirtilli in estate e stagni di rane in primavera. L’odore dell’inverno nella pineta. Sono fortunato ad averlo mostrato a mio figlio.

Quando le persone che conoscevo e amavo muoiono, mi sento triste. E ricordo quelli a cui non penso quotidianamente, ma che vivono in me, nel mio corpo e nella mia mente. Quando la natura e i paesaggi che amo scompaiono o vengono danneggiati, provo un dolore ambientale. Dolore per la natura perduta.

Non è difficile sentirsi tristi mentre le turbine eoliche hanno la meglio sulla natura incontaminata, mentre il fiordo diventa una terra per i rifiuti minerari. O il dolore per i boschi e le paludi spostati dal campo di capanne.

Abbiamo bisogno di nuove storie

Non lontano da dove vivo adesso, è in costruzione un’autostrada a quattro corsie. I pianificatori avevano originariamente stabilito un percorso che avrebbe protetto meglio le paludi, le antiche foreste e i sentieri degli animali. Quando i politici hanno deciso che la strada avrebbe dovuto resistere a 110 chilometri, i requisiti per il traffico e la sicurezza del traffico hanno superato le considerazioni naturali e molta natura preziosa è andata persa. Irrevocabile. Era davvero necessario? Quali profondi bisogni umani hanno spinto questo in avanti? Cosa manca nei conti delle prestazioni comunali?

L’autore Yuval Noah Harari afferma che le persone sono uniche nella loro capacità di mobilitarsi per un’azione comune e comprendere la realtà attraverso le storie. A volte storie serie come il fascismo e il nazismo. Ma anche contro-narrazioni sui diritti universali e indivisibili, come i diritti umani e la dignità umana. e le Nazioni Unite.

READ  No, non ottieni una bolletta elettrica inferiore collegando una spina magica a una presa elettrica

Sappiamo che il cambiamento climatico e le perdite naturali sono ingiusti e sappiamo di essere su una strada pericolosa. Finora, nessuna scienza, sostenendo l’interesse personale a lungo termine, l’intimidazione o gli argomenti morali, ha avuto un effetto sufficiente. Anche le storie che dovrebbero portarci via dal pericoloso cambiamento climatico e salvare la natura, non possono riguardare “evitare l’inferno”. O che il prezzo è una vita di compromesso più ristretta e grigia. Non lo vogliamo. Dobbiamo trovare idee su un futuro condiviso che desideriamo, un posto in cui vogliamo arrivare, perché è meglio là fuori. Tempo più sicuro e più libero, cibo migliore e salute migliore, più facile e meno impegnato. L’umanità, come ha mostrato la tendenza dopo Hiroshima e l’Olocausto, può aiutarci con storie, immagini di speranza, che ci spostino nella giusta direzione?

Il futuro è qualcosa che facciamo noi

Il paesaggio in cui è cresciuto mio figlio era la città, la foresta e le colline. Rivive il ricordo della pesca con granchi e cozze. Se avesse dei figli, i suoi paesaggi potrebbero essere disponibili solo come ricordi esotici. Ma non deve essere così. Se ci ripuliamo e lasciamo in pace la natura, tornerà sorprendentemente rapidamente.

Il pensiero che ci ha portato a questi problemi non è certo il pensiero che ci mostrerà la via d’uscita. Qualche anno fa ero in viaggio di studio in Nepal. Stavo per vedere come le Nazioni Unite hanno lavorato con gli agricoltori di montagna per adattarsi al clima. Ho soggiornato per un breve periodo al Kathmandu Guesthouse. Nel tranquillo giardino c’era una capsula del tempo con questa iscrizione:

Il futuro non è il risultato di scelte tra le strade alternative fornite dal presente, ma un luogo che si crea – creato prima nella mente e nella volontà, che poi si crea nell’attività.

Il futuro non è un luogo in cui andiamo, ma un luogo che creiamo. Le tracce non si trovano, ma la loro realizzazione e l’attività di farle cambiano sia il costruttore che la destinazione.