Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Alla madre furono rifiutate le visite ad Alina, malata terminale (17)

Ha 44 anni ed è un attivista russo per i diritti umani che si distingue sotto molti aspetti.

È una madre single, originaria della Siberia, ed è anche la prima donna in Russia ad essere condannata al carcere per la sua partecipazione a “organizzazione indesiderata.

Oltre a ciò, sono stato testimone della cosa peggiore che un genitore possa affrontare.

Prima che il regime la mettesse agli arresti domiciliari, aveva tre figli. Adesso ne ha due.

VG parla con Shevchenko telefonicamente da Vilnius, dove lei, la madre, il figlio Mikhail (12) e la figlia Vlada (20) vivono in esilio dall'agosto 2022. Ma avrebbe dovuto avere un terzo figlio con sé: Eldstedteren Alina.

Anastasia Shevchenko (44 anni) con le sue figlie Vlada (20 anni). Foto: privata

Una madre single agli arresti domiciliari

Nel 2019 la casa dove Shevchenko vive con i suoi figli è stata saccheggiata.

La madre di tre figli è stata arrestata per i suoi presunti legami con Open Russia, gestita dall'attivista per i diritti umani Mikhail Khodorkovsky.

È stata agli arresti domiciliari per due anni in attesa del processo e non le è stato permesso di lasciare l'appartamento, mentre i bambini avrebbero dovuto entrare e uscire e continuare la loro vita come al solito.

READ  Un noto scrittore russo afferma che l’economia russa è in ottima forma. Ma gli esperti dubitano che possa durare.

Il bambino più piccolo, Michael, aveva solo sette anni. Ha raccontato a VG dell'impotenza che ha provato quando il suo giovane marito si è perso mentre tornava a casa e lei non poteva andare a cercarlo.

Sostegno: i bambini Vlada e Mikhail, che avevano 15 e 7 anni quando la loro madre fu messa agli arresti domiciliari. Foto: privata

Ma il momento peggiore è stato quando la figlia maggiore, Alina, 17 anni, è stata ricoverata in ospedale. Ciò è avvenuto poco dopo il suo arresto nel gennaio 2019. Nonostante le ripetute suppliche di Shevchenko di far visita a sua figlia, le è stato impedito di lasciare la sua casa.

Quando finalmente il tribunale russo concesse a Shevchenko il permesso di partire, era troppo tardi.

– Sono arrivato all'ospedale e l'ho vista, ma non ha aperto gli occhi. Non sapevi mai che stavo arrivando.

Alina è morta da sola in ospedale.

– Il regime di Putin è responsabile della morte di mia figlia. Shevchenko afferma di non essere l'unica bambina vittima del sistema.

L'omicidio di Alina ha scatenato un'ondata di proteste in tutta la Russia nell'inverno del 2019. Nove manifestanti sono stati arrestati durante le manifestazioni di sostegno nella più grande città della Russia.

Fuga

Quando le forze di Putin entrarono in Ucraina con i carri armati il ​​24 febbraio 2022, lei si trovava nella sua casa nella città di Rostov sul Don, vicino al confine con l'Ucraina.

Il caos che ne seguì, quando così tante persone volevano lasciare la Russia, rese impossibile per la famiglia fuggire immediatamente. La soluzione fu una fuga attentamente pianificata nell'agosto dello stesso anno.

READ  Biden avverte la Russia dopo il vertice della NATO - NRK Urix - Notizie e documentari esteri

Indossando occhiali da sole e cappelli, la famiglia ha attraversato il confine con la Bielorussia nel cuore della notte e, con loro grande sollievo, le guardie di frontiera non hanno aperto i loro passaporti quando hanno visto che erano russi. Allora è stato opportuno che l’ambasciata lituana presentasse la domanda di asilo.

A Vilnius i quattro si stabilirono. Tuttavia, gli ultimi anni hanno messo a dura prova l’intera famiglia. Shevchenko dice che quando cammina con il figlio dodicenne per una strada in Lituania, lui sussulta ancora se vede gli agenti di polizia.

Anastasia, madre e figli insieme nella loro città natale temporanea di Vilnius in Lituania. Anastasia spera ancora di poter tornare in Russia un giorno. Foto: privata

Il critico del regime recentemente scomparso Alexei Navalny è stato un suo importante sostenitore durante il periodo in cui era agli arresti domiciliari.

– Alekseej ha inviato a mia figlia un video in cui scherzava e sorrideva. Non ha parlato di me come di una vittima, ha solo detto: “Dì a tua madre che sono molto orgoglioso di lei. Perché se è stata arrestata è perché era un pericolo per il sistema. E questo è molto positivo. Noi” la stiamo aspettando.”

In uscita dal tribunale: a Rostov sul Don. Notate le cavigliere. Foto: privata

Uno stato di paura costante

Parte di ciò su cui sta lavorando l’attivista Shevchenko con sede a Vilnius è lo scambio di lettere con prigionieri politici in Russia. La sua esperienza di due anni agli arresti domiciliari le fa capire quanto sia importante comunicare con il mondo esterno.

– La vita esiste ancora. Lasciare la scuola è stato come uscire da una macchina del tempo, come entrare direttamente in un ologramma. “I colori intorno a me erano così forti, gli odori così eccitanti, le impressioni così forti”, ricorda.

Attraverso i contatti con esponenti dell'opposizione che vivono ancora in Russia, vede uno sviluppo che la preoccupa: le pressioni esercitate dal Cremlino sui dissidenti portano sempre più all'autocensura.

READ  La guerra in Ucraina: potrebbe congelarsi e marcire

– Recentemente ho chiesto a uno dei miei conoscenti di mettere dei fiori sulla tomba di Navalny. Ma l'interessato non ha osato farlo per paura di essere arrestato. Mettere fiori sulla tomba! Dice.

Shevchenko nomina diverse persone che sono state incarcerate di recente, tra cui un pensionato di 72 anni condannato a cinque anni e mezzo per aver condiviso sui social media un post sulle vittime russe in Ucraina.

– Non è che rappresentino una minaccia per il regime. Dice che lo fanno per dare ai russi la sensazione che non si sa mai chi potrebbe essere il prossimo.

Collaterale: Anastasia con suo figlio Mikhail (12 anni) a Vilnius. Foto: privata

Chiamata il giorno delle elezioni

Domenica 17 marzo si terranno le elezioni presidenziali in Russia.

All’inizio di quest’inverno, gli elettori hanno fatto lunghe file al freddo pungente per votare per Boris Nadezhdin contro la guerra. Adesso era chiaro che non poteva restare in silenzio. Ma ciò che Shevchenko e gli altri oppositori vogliono adesso sono le stesse lunghe file alle urne il giorno delle elezioni.

Alle 12, i critici del Cremlino, incluso Navalny prima della sua morte, invitano le persone a esprimere il proprio voto.

Le lunghe file affollate diventano una protesta silenziosa ma visibile che è difficile immaginare che qualcuno possa impedire.

Non perché pensino che ciò significhi che Putin non uscirà vincitore, ma perché così le persone potranno vedersi, dice l'attivista a VG.

– È la migliore medicina contro la paura e la solitudine che molti provano adesso. Allora le persone si rendono conto che non sono sole.

Esempio: Vlada (20 anni) è coinvolta politicamente come sua madre. Foto: privata