martedì, Luglio 16, 2024

Annullato il corso di psicologia per andare in pizzeria – VG

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "
Prigione di Mandal: Jonathan Christer Andersen ha trascorso del tempo a Mandal a gennaio 2021. Otto mesi dopo, l’11 settembre, è stato trovato morto nella sua cella.

Due giorni prima che Jonathan fosse trovato morto in prigione, uno psichiatra ha dovuto valutare il suo rischio di suicidio. La lezione è stata sospesa perché due agenti lo hanno portato in città a mangiare la pizza.

Inserito:

La trasferta alla pizzeria Mandal è avvenuta nonostante l’appuntamento con lo psichiatra del servizio sanitario specializzato fosse stato fissato con due settimane di anticipo.

La routine prevede che l’ufficiale penitenziario venga informato lo stesso giorno dell’appuntamento e che il prigioniero sia accompagnato dall’appuntamento dello psichiatra, afferma il manager dell’unità Kenneth Lindberget della clinica psichiatrica ambulatoriale DPS Strømme, Kristiansand og Mandal.

Secondo il piano, la lezione di psicologia avrebbe dovuto svolgersi il 9 settembre 2021, due giorni fa Jonathan Christer Andersen (20 anni) è stato trovato morto Nella cella del carcere di Mandal.

Verdetto: nel 2017 Jonathan Christer Andersen è stato condannato a 11 anni di carcere. Questa foto è stata scattata pochi mesi prima degli omicidi del 2016.

Aumento del rischio di suicidio

Nell’ora precedente, lo psichiatra aveva parlato con il 20enne condannato per duplice omicidio di essersi fatto male, con segni sul braccio, secondo la cartella del paziente.

Ha anche parlato allo psichiatra di un precedente tentativo di suicidio dopo essere stato trasferito nella prigione di Mandal nel gennaio 2021.

Durante la lezione, lo psicologo ha chiesto come ha provato il rimedio – ha aiutato:

“Ha chiarito che è bello avere qualcuno con cui parlare e pensare”.Lo psichiatra scrive nella cartella del paziente.

La valutazione dello psicologo dopo la lezione è stata che il ventenne aveva maggiori probabilità di suicidarsi.

Mandal Center: Jonathan Christer Andersen viene accompagnato in un tour della città e in una pizzeria nella città meridionale il 9 settembre 2021.

Non voglio sapere la prigione

Il 20enne, il Servizio Sanitario Specializzato, ha rifiutato di trasferire le valutazioni del rischio di suicidio alla prigione di Mandal. Pertanto, la prigione non è stata informata dell’aumento del rischio di suicidio.

READ  Continua a caricare le scorte di petrolio | Finansavisen

Giovedì 9 settembre, in una lezione di psicologia, è stata programmata una rivalutazione dell’aumento del rischio di suicidio, secondo i documenti del direttore statale di Agder.

Ma quando ha incontrato lo psichiatra del Servizio Sanitario Specializzato della prigione di Mandal, l’attentatore suicida di 20 anni non c’era. Aveva cancellato la lezione poco tempo fa. Nella cartella del paziente è scritto:

“Stai attento. In produzione oggi, quando avrebbero dovuto essere le lezioni. L’orologio sta cambiando. “

Leggi anche

La reazione dei detenuti dopo il suicidio: – È un peccato

Jonathan Christer Andersen, 20 anni, si è suicidato mentre era in prigione.

– Ho mangiato una pizza

L’appuntamento dello psichiatra è stato fissato alle 12.30. Ma proprio giovedì, la prigione di Mandal ha deciso di portare il ventenne al suo primo cosiddetto social show nella fascia oraria dalle 11:00 alle 14:00.

Nel registro degli incidenti della prigione di Mandal dice:

“Siamo andati nel centro di Mandal e, secondo i desideri di Jonathan, l’obiettivo era passeggiare un po’ in città con il bel tempo. La prima tappa è stata il ristorante Smoi, dove abbiamo mangiato cibo italiano con un buon servizio. Jonathan ha detto che era bello, mangiato pizza e chiacchierato molto”.

Inoltre, sono saliti a un punto di vedetta sopra il Mandal, hanno camminato attraverso il vecchio complesso di case in legno e hanno mangiato un gelato.

Gli ufficiali della prigione hanno riferito di aver avuto l’impressione che il giovane avesse 20 anni “Divertiti e trai vantaggio dalla produzione.”

Cella: Ecco come appaiono le celle della prigione di Mandal.

Il Dipartimento di Correzione decide la produzione

– Come vede il servizio sanitario specializzato un carcere che offre un’offerta sociale a un detenuto contestualmente all’appuntamento con il paziente detenuto?

Il Dipartimento di Correzione decide la produzione. Il terapeuta non è sempre informato quando questo è fatto. L’isolamento prolungato della prigione è anche un fattore di rischio per il suicidio e presentarti attraverso la capacità di avere un’esperienza positiva può anche essere una prevenzione del suicidio, afferma Lindbergt, capo dell’unità del DPS, che è il supervisore diretto del ventenne. psicologo.

READ  Un recente sondaggio di HelloFresh: i giovani norvegesi preferiscono il cibo straniero

Quanto è importante seguire il corso del trattamento e le sessioni programmate dello psichiatra per un paziente con un aumentato rischio di suicidio?

È importante condurre sessioni terapeutiche in questi casi. Il paziente è stato seguito regolarmente con visite settimanali e diversi specialisti hanno valutato il rischio di suicidio. Tuttavia, anche l’isolamento in carcere è un fattore di rischio. Lindbergt dice che andare in terapia con uno psichiatra non aiuta molto con la solitudine.

Sensori: La prigione di Mandal è una prigione all’avanguardia, con alcune celle dotate di sensori di respirazione e di movimento. Jonathan Christer Andersen non era in una prigione del genere quando è morto.

Primo viaggio fuori dal carcere

Gli atti del caso e gli appunti privati ​​del 20enne indicano che alcune ore di vita quotidiana in carcere erano attese con impazienza. Ripetutamente dopo essere arrivato al carcere di Mandal, aveva fatto domanda e chiesto informazioni sulle varie festività, ma ogni volta gli era stato rifiutato.

La gita in pizzeria è stata la prima per il ventenne fuori dal carcere di Mandal.

Sia l’unità giovanile della prigione di Bjørgvin che quella di Bergen, i due luoghi in cui ha trascorso del tempo dopo i doppi omicidi nel 2016, lo hanno regolarmente coinvolto in varie attività fuori dalle mura della prigione, documenti che VG può visualizzare.

20 anni: Jonathan Christer Andersen è stato fotografato una volta durante l’estate del 2021. Poi la famiglia ha reagito alle sue condizioni fisiche e mentali.

Il detenuto ha visitato lo psichiatra del centro di detenzione

Nello stesso momento in cui il ventenne stava mangiando pizza e passeggiando per il Mandal con gli agenti della prigione, uno psichiatra che avrebbe dovuto valutare il suo rischio di suicidio è stato avvicinato da un detenuto nel cortile di ventilazione della prigione di Mandal:

“Un altro detenuto riferisce che Bass ha espresso pensieri suicidi e ha parlato con il paziente”.Lo psichiatra scrive nella cartella del paziente.

READ  Jovik, GOBB | GOBB avvia un servizio di car sharing a Gjøvik

VG ha parlato con il detenuto che ha visitato lo psichiatra quel giorno.

– Stavo per prendere una tregua, quando ho fermato lo psichiatra nell’arena aerea. Ero molto preoccupato per lui, perché parlava di suicidio. “Devi fare qualcosa”, ha detto il prigioniero, che ha parlato in condizione di anonimato.

Leggi anche

Ricercatore sulla violenza sull’assassino condannato Jonathan: – Lo hanno chiaramente deluso

La ricercatrice sulla omicidi Vibeki Ottesen ha avvertito all’inizio che Jonathan Christer Andersen, 20 anni, era a rischio di suicidio.

La psicologia informa il carcere

Secondo la cartella del paziente, questo psichiatra lo portò immediatamente all’assistente sociale della prigione di Mandal per indagare se avesse registrato qualche cambiamento nelle condizioni del 20enne:

“Può riferire che non c’è aumento dell’ansia/cambiamenti evidenti nelle condizioni del paziente, e che questo è ba. Ora sulla produzione sociale con due ufficiali dove stavano andando a mangiare in un ristorante locale”come riportato nella cartella del paziente.

VG è stato in contatto con l’assistente sociale. Gli è stato impedito di commentare il caso a causa della riservatezza.

Il giorno dopo la gita in pizzeria, nel registro degli eventi del carcere viene registrata una conversazione con il 20enne:

“Era molto contento della prestazione di ieri […] Ha spiegato che ha beneficiato del concentrarsi su cose positive e che diventa “stupido” dal sedersi troppo in cella.

Interagito: Roger Johansson ha lavorato come gangster nella prigione di Mandal con Jonathan Christer Andersen. Dice che il ventenne è cambiato dopo la fotografia sociale.

– Tutti mi guardano

VG ha parlato con diverse persone che hanno trascorso del tempo nella prigione di Mandal con il ventenne. Pensano che le sue condizioni siano peggiorate dopo un breve viaggio in pizzeria.

– Vagò in giro e sentì che tutti lo odiavano. Non gli piaceva molto e gli dispiaceva. Aveva paura di come sarebbe stato quando sarebbe uscito, se tutti avessero saputo chi era, se tutti lo odiassero. Il giorno dopo era completamente meccanico. Eravamo in molti preoccupati per lui, dice il prigioniero che ha allertato lo psichiatra del centro di detenzione.

Roger Johansen, 52 anni, che ha anche trascorso del tempo con il ventenne, dice lo stesso:

– Dopo quel pacchetto di lusso, è diventato totalmente strano, ancora più strano. Poi mi ha detto: “Mi sento come se tutti mi stessero guardando quando esco”. Proprio mentre pensava che tutti fossero contrari, Johansen ha detto a VG.

Prigione: segreta

La prigione di Mandal generalmente risponde che tutti i detenuti sono monitorati dal personale della prigione secondo le testimonianze. La prigione risponde a tutte le domande di VG su Jonatan Krister Andersen nel modo seguente:

Il Dipartimento Correttivo non può rispondere a domande sul caso e sulla persona, in merito all’obbligo legale di riservatezza.

Questo nonostante il fatto che i sopravvissuti di 20 anni abbiano accettato di revocare l’obbligo di riservatezza.

Il funzionario statale di Agder ha concluso dopo un esame che il servizio sanitario specializzato, che in questo caso è sotto la supervisione di Sørlandt Seckhaus, aveva violato la clausola di responsabilità nel trattamento di Jonathan Christer Andersen.

More articles

Latest article