Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Asilo nido privato

Libertà di scelta: quando i bambini trascorrono molto tempo all’asilo, è fondamentale che lo stato faciliti l’accesso dei genitori alla vera libertà di scelta, ritiene Dagen. Foto: Gorm Kallestad / NTB / NPK

Inasprire le condizioni per gli asili nido privati ​​è la strada sbagliata se c’è davvero diversità nella società norvegese.

La scorsa settimana, una commissione guidata dal direttore statale ed ex politico sindacale Knut Storberget ha presentato un nuovo modello per finanziare gli asili nido privati.

La maggioranza darà ai comuni più libertà di gestire il settore degli asili nido rispetto a oggi. Il motivo è che si ritiene che ci siano molti profitti e molte grandi catene internazionali negli asili nido privati.

Tra coloro che interagiscono c’è il direttore generale di NLM-barnehagene AS, Harald Berge Breistein. Per quanto riguarda Dagen, è particolarmente critico su tre delle proposte: che i comuni controllino la durata degli asili nido e le sovvenzioni per loro. Dovrebbe esserci un requisito che ogni asilo nido sia organizzato come un’entità legale. E che gli asili non ricevono prestiti dalla Housing Bank.

In breve, questo creerà una situazione molto imprevedibile. La costruzione e la gestione di un asilo richiedono investimenti significativi. È anche un’attività in cui sono essenziali dipendenti qualificati e dedicati. Si assumono la responsabilità del nostro bene più prezioso: i nostri figli.

Non torneremo indietro di molti decenni prima che i bambini norvegesi all’asilo diventassero meno comuni come lo sono oggi. Quando abbiamo uno sviluppo sociale che significa che oltre ai genitori si prendono cura dei bambini per la maggior parte del tempo in cui sono svegli, è molto importante che i genitori abbiano una reale opportunità di scegliere quale profilo dovrebbe avere l’asilo.

La legge sugli asili nido afferma ancora che gli asili nido “devono essere basati sui valori fondamentali del patrimonio e delle tradizioni cristiane e umanistiche”. Ma i genitori che vogliono portare i propri figli a un’educazione cristiana non possono contare su molto aiuto da un normale asilo pubblico. Versetti da mensa, racconti biblici e celebrazioni delle feste cristiane non sono affatto una cosa normale negli asili nido comunali. Al contrario, in molti luoghi sarebbe irragionevole consentire tali articoli.

È difficile trovare modelli di finanziamento equilibrati per i servizi pubblici. È quasi impossibile evitare effetti indesiderati. Ad esempio, è chiaro che un sistema di indennità di malattia così generoso come quello che abbiamo in Norvegia presuppone un’elevata etica del lavoro. Può essere sfruttato se qualcuno non ha scrupoli nei suoi confronti.

Naturalmente, non è intenzione dei programmi di welfare norvegesi diventare una vacca da latte per le grandi imprese. Ma non si può diventare così ansiosi di colmare potenziali scappatoie da indebolire le libertà ei diritti fondamentali, tra le altre cose, delle istituzioni basate sulla filosofia. Allora la società sarà più povera e più stretta.

La leader sindacale dell’Associazione nazionale degli asili nido privati, l’ex Children’s Ambod Ann Lindbow, sottolinea che la parità di trattamento dei bambini, indipendentemente dal fatto che vadano all’asilo pubblico o privato, è stato fondamentale per noi oggi per avere una copertura completa dell’asilo.

Molti partiti non socialisti credevano che la proposta dovesse essere messa nel cassetto. Nell’anno elettorale, è anche interessante chiarire quali condizioni di vita daranno i politici alle istituzioni indipendenti, come gli asili nido. Si tratta di vero liberalismo.

READ  Lily Country Club - il tuo country club