Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Attacchi mortali di droni, sabotaggi e rapimenti. Questa è la guerra ombra tra Iran e Israele in mare.

Due guardie di sicurezza sono state uccise quando un drone ha attaccato una petroliera la scorsa settimana. Martedì è stato riferito che un’altra nave era stata dirottata, probabilmente dalle Guardie rivoluzionarie iraniane.

La petroliera Mercer Street è stata attaccata da un drone la scorsa settimana. Due membri dell’equipaggio sono stati uccisi. La petroliera è gestita da una compagnia di navigazione israeliana.

Ora la guerra delle ombre a volte calda si svolge nella corsia di navigazione più trafficata del mondo. I componenti sono attacchi mortali di droni e tattiche di hacking.

Le vittime sono petroliere in viaggio verso o fuori dallo Stretto di Hormuz. I due principali nemici presunti sono Iran e Israele.

L’evento più recente è il presunto dirottamento della nave cisterna Asphalt Princess, registrata a Panama, nel Mar Arabico.

Secondo quanto riferito dalla Lloyd’s List Maritime Intelligence, uomini armati sono saliti a bordo della nave martedì e le hanno ordinato di navigare verso l’Iran.

Ma mercoledì mattina, gli uomini che sono saliti a bordo della nave devono essere sbarcati di nuovo. La nave è ora al sicuro, secondo UKMTO, l’agenzia marittima mercantile del Regno Unito.

L’Iran respinge i rapporti secondo cui è collegato al caso. I portavoce iraniani la chiamano guerra psicologica contro l’Iran, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Fars.

Due membri dell’equipaggio uccisi in attacchi di droni

La tensione è aumentata nella regione da giovedì della scorsa settimana. Poi la petroliera israeliana Mercer Street è stata attaccata da un drone. Nell’attacco sono rimasti uccisi il capitano romano e una guardia di sicurezza britannica.

Secondo Reuters, Gran Bretagna, Romania e Liberia accusano l’Iran di essere dietro a tutto questo. Martedì al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, hanno affermato che era “altamente probabile” che l’Iran stesse usando uno o più droni durante l’attacco al largo delle coste dell’Oman.

READ  Il miliardario ha realizzato un'app molto popolare tra gli avversari di Putin. Quando la gente ha iniziato a votare, ha ceduto alle pressioni.
La portaerei statunitense USS Ronald Reagan ha inviato soldati in elicottero per assistere la petroliera Mercer State.

I tre paesi hanno scritto in una lettera al Consiglio di sicurezza che “l’attacco ha interrotto la navigazione internazionale, ha minacciato la sicurezza ed è stata una chiara violazione del diritto internazionale”.

Teheran nega il coinvolgimento.

Attività ostile in corso

Navigando sotto bandiera liberiana, la petroliera Mercer Street è di proprietà giapponese e gestita dalla compagnia di navigazione di proprietà israeliana Zodiac Maritime. Fino a poco tempo fa, la petroliera era di proprietà di Zodiac Maritime e faceva parte del portafoglio del miliardario israeliano Eyal Ofer.

Era in viaggio da Jeddah in Arabia Saudita alla città portuale di Jebel Ali negli Emirati Arabi Uniti e sembra che fosse in missione regolare quando è avvenuto l’attacco.

Israele afferma che continuerà a prendere tutte le misure necessarie per proteggere i suoi cittadini.

Le continue attività ostili dell’Iran minacciano la regione e le aree remote. Ci aspettiamo che il Consiglio di sicurezza adotti misure concrete per fermare questa crescente minaccia, ha scritto Gilad Erdan, ambasciatore di Israele presso gli Stati Uniti e le Nazioni Unite.

Domenica, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno dichiarato che avrebbero collaborato con i loro alleati per rispondere all’attacco.

La guerra fredda e calda tra Israele e Iran

L’incidente a Mercer Street è avvenuto appena dieci giorni dopo che l’Agenzia per l’energia atomica iraniana (AEOI) ha annunciato che era stato evitato un attacco a uno degli impianti nucleari del Paese.

Secondo gli analisti, gli eventi dovrebbero essere visti nel contesto dei combattimenti di coltelli in corso tra l’arcinemico Iran e Israele.

Il regime dei mullah in Iran ha classificato gli Stati Uniti e Israele come i più grandi nemici dell’Iran. Da parte sua, Israele afferma che l’Iran vuole eliminare Israele. Il conflitto va avanti da anni su più livelli.

  • Israele afferma che l’Iran sta cercando di sviluppare armi nucleari.
  • Israele afferma che l’Iran controlla, finanzia e arma le milizie anti-israeliane in paesi come Libano, Siria, Iraq e Yemen.
  • Si dice che queste milizie siano state ripetutamente attaccate da bombardieri e droni israeliani. In Siria, molti soldati iraniani sono stati uccisi.
  • Funzionari chiave iraniani sono stati uccisi in Iran. Israele è accusato di esserci dietro.
  • Ci sono state numerose segnalazioni di sospetti sabotaggi all’interno dell’Iran. Ci sono stati anche frequenti attacchi informatici.
  • Questa guerra segreta si è estesa al traffico navale negli ultimi due anni.

stessa valuta

Dal 2019 Israele ha ripetutamente attaccato navi iraniane che trasportano petrolio o armi nel Mar Rosso e nel Mediterraneo orientale, e l’Iran ha risposto con la stessa moneta. A marzo e aprile, secondo funzionari israeliani, navi mercantili di proprietà israeliana sono state bombardate.

READ  Gli incendi boschivi infuriano: il fumo si estende per 3000 km

Dall’inizio dell’attacco alle navi associate a Israele, gli Stati Uniti hanno offerto protezione attraverso scorte militari nel Golfo Persico e nelle acque vicine. Il monitoraggio statunitense dei territori ha anche fornito a Israele preavvisi di possibili azioni iraniane.

Gli attacchi sono iniziati negli ultimi sei mesi a febbraio, quando la nave mercantile israeliana Helios Ray è stata bombardata al largo delle coste dell’Oman mentre si dirigeva da Dammam in Arabia Saudita a Singapore. Le esplosioni hanno fatto due buchi nello scafo della nave, ma non ci sono state vittime. L’Iran ha respinto l’affermazione che ci siano loro dietro.

petrolio per la Siria

A marzo, la nave da carico statale iraniana, Shakir-e-Cord, è stata colpita da un esplosivo che ha perforato lo scafo della nave. Il giorno successivo, il Wall Street Journal ha riferito che Israele aveva denunciato almeno 12 navi che trasportavano petrolio iraniano al regime siriano dal 2019.

Secondo il quotidiano israeliano Haaretz, questa era solo la punta dell’iceberg, poiché Israele, secondo le sue fonti, ha attaccato e sabotato decine di petroliere iraniane e causato danni per miliardi di dollari.

Teheran ha risposto valutando “tutte le possibilità” e ha affermato che c’erano tutte le ragioni per credere che gli attacchi fossero stati effettuati dal regime di occupazione israeliano.

Le autorità iraniane hanno dichiarato ad aprile che si era verificata un’esplosione sulla nave mercantile Saviz al largo della costa di Gibuti. Secondo l’agenzia di stampa iraniana, la nave è stata danneggiata da cariche esplosive magnetiche.

READ  I nuovi requisiti di accesso portano a una tempesta telefonica: - La gente ha iniziato a chiamarci giovedì sera

Router USA

Il New York Times ha scritto che Israele ha detto agli Stati Uniti che c’era dietro gli attacchi e che erano una rappresaglia per i precedenti attacchi iraniani in mare.

Più tardi, ad aprile, la nave Hyperion Ray gestita da Israele è stata attaccata al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti. Fonti della sicurezza hanno detto a Channel 12 di Israele che ci sono stati danni minori, ma che dietro c’era l’Iran.

Un canale televisivo libanese ha riferito che la nave registrata alle Bahamas era stata identificata e che la nave era gestita dalla compagnia israeliana Ray Shipping.