Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Attrae l’intestino più bello del mondo

Film: La folle e affascinante storia di un giovane svedese che si rivolta contro la sua volontà e diventa una star del cinema e un montatore di poster.

Lo svedese Björn Andrésen è stato nominato “il ragazzo più bello del mondo” ed è diventato una star mondiale. Il problema è che non lo vuole lui stesso.
Pubblicato: Pubblicato:

Grado: da 6 a 5

Il ragazzo più bello del mondo

Prima cinematografica: 21.01.2022. Titolo originale: Il ragazzo più bello del mondo. Cast: Björn Andrésen, Annike Andresen, Silva Filmer. Categoria: Documentari. Regia: Christina Lindstrom, Christian Petrie. Cittadinanza: Svezia, 2021. Lingua: inglese/francese/italiano/giapponese/svedese. Durata: 1 ora e 33 minuti.

I documentari sono emersi come un evento negli ultimi anni. Amanda, ad esempio, è andata al film cinematografico norvegese 2020, ad esempio, al fantastico film “L’artista e il ladro”.

Ma i buoni documentari non si fanno solo in Norvegia. Lo svedese “Il ragazzo più bello del mondo” racconta una storia molto folle, e se qualcuno l’avesse presentata come proposta di sceneggiatura per un film di finzione sarebbe stato respinto in quanto molto inaffidabile.

Inizia con il quattordicenne Bjrn Andreson che entra in una selezione con il regista italiano Luccino Viscondi alla fine degli anni ’60. Il regista è alla ricerca del giovane giusto per l’adattamento di “La morte a Venezia” di Thomas Mann e si è lamentato della nipote di Anderson. Anderson sorride incerto alla telecamera, nemmeno dopo che le ha detto di spogliarsi.

Coinvolto nel ruolo di un giovane svedese insicuro, al lancio di un film a Cannes nel 1971, Viscondi afferma che il ragazzo che ha avuto era il ragazzo più bello del mondo. Anderson finisce nel mezzo di un vortice di media e attenzione, viaggiando per il mondo, finendo in Giappone e vivendo una frenesia come quella dei Beatles.

READ  Ristorante, Fatto | Ecco perché, in attesa del cibo, al ristorante sono disponibili pane e burro

L’unico problema è che a Bjorn non piace questo, non ha precondizioni o strumenti per gestirlo e ha i suoi demoni. Non gli andava bene.

Il team del documentario combina l’immagine che esisteva 50 anni fa e il fatto che ora segue l’uomo vecchio, magro e stampato. La vita non gli andava bene, che una volta era il ragazzo più bello del mondo. Non rischia la sua vita né quella di chi lo circonda.

Ma come film, risulta essere un argomento affascinante. Caldo e intimo. Sfortunatamente, questo sembrava quasi incredibile. Ma ancora vero.

Pubblicato: