Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Aumento a Wall Street – I principali indici sono saliti oltre l’1%.

Questo è il terzo giorno consecutivo in cui Wall Street è in rialzo e quando il mercato azionario chiude, tutti e tre i principali indici sono in rialzo di oltre l’1%.

Ecco come si presentava a Wall Street all’orario di chiusura:

  • L’ampio indice S&P 500 ha chiuso all’1,23%.
  • L’heavy-tech Nasdaq è salito dell’1,33%.
  • Il Dow Jones Industrial Average ha chiuso in rialzo dell’1,22%.

Dopo l’annuncio del tasso di interesse della Federal Reserve statunitense mercoledì sera nell’ora norvegese, i principali indici di Wall Street si sono ritirati dal rally di oggi.

Tuttavia, verso la fine del trading, l’umore è rimbalzato drammaticamente e tutti e tre i principali indicatori hanno chiuso bene mercoledì.

L’indice Nasdaq è salito di circa il 4%, mentre gli indici Dow Jones e Standard & Poor’s sono aumentati rispettivamente dell’1,5% e del 2,2%.

Prima dell’apertura del penultimo giorno di negoziazione della settimana, l’operazione precedente indicava un calo dopo un rally di mercoledì. È stata anche la decisione di tutti e tre i principali indici all’apertura delle negoziazioni. Poche ore dopo, si presenta così: l’ampio S&P 500 è aumentato di circa lo 0,5%. E l’heavy-tech Nasdaq è salito dello 0,3%. Il Dow Jones Industrial Average è aumentato dello 0,45%.

Questo sviluppo arriva dopo che la Federal Reserve mercoledì ha alzato il tasso di interesse di un quarto di punto percentuale, mentre la banca centrale prevede ora altri sei aumenti dei tassi nel 2022.

lo spettro dell’inflazione

Uno dei temi caldi degli ultimi mesi è stato l’impennata dei prezzi. Non era senza motivo. L’inflazione negli Stati Uniti è al livello più alto degli ultimi 40 anni, mentre la guerra in Ucraina e le continue interruzioni nelle catene di approvvigionamento hanno rovinato un quadro già complesso.

READ  La compagnia petrolifera Aker BP di Kjell Inge Røkke ha stabilito un altro risultato record

Quando il governatore della Banca centrale Jerome Powell ha incontrato la stampa dopo aver introdotto la decisione sul tasso di interesse, gli sono state poste diverse domande su come la Federal Reserve prevede il quadro successivo.

– Prima dell’invasione dell’Ucraina, direi che l’aspettativa di un’inflazione più bassa sarà durante il primo trimestre. Powell ha detto, che è stato abbastanza chiaro che ci vorrà più tempo per portare l’inflazione all’obiettivo del 2% rispetto a quanto previsto in precedenza.

Nel rapporto che accompagna l’annuncio del tasso di mercoledì, i membri del comitato sui tassi di interesse della Federal Reserve prevedono un’inflazione del 4,3% nel 2022, rispetto al 2,6% di dicembre. Non è fino al 2024 e oltre che la Fed prevede che l’inflazione scenderà al di sotto del 2,5%.

È abbastanza chiaro non solo dalla Federal Reserve, ma anche da altre banche centrali, che è l’inflazione il problema più grande. Le previsioni di crescita per il 2022 sono state notevolmente abbassate, in gran parte a causa delle influenze dell’Ucraina, ma allo stesso tempo le stime per il prossimo anno non saranno riviste al rialzo, ha affermato il capo economista Kjetil Martinsen della Swedishbank.

La Fed ora stima una crescita del PIL del 2,8 per cento quest’anno, in calo rispetto alla stima del quattro per cento di dicembre.

Aumento del prezzo del petrolio

Dopo un trend ribassista degli ultimi giorni, giovedì pomeriggio il prezzo del petrolio del Mare del Nord e del petrolio dolce leggero statunitense è in aumento. Il prezzo di un barile di petrolio del Mare del Nord è ora di circa $ 104, in aumento di circa il sette percento.

READ  Politica, politica internazionale | Forse la politica determinerà più dell'epidemia quanto sia cattiva o buona

Anche il West Texas Intermediate, il light sweet crude statunitense, è aumentato di circa il 6%. Il prezzo di un barile ora supera di poco i 100 dollari.

secondo CNBC L’acquisto è stato effettuato dopo che l’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) ha avvertito che circa tre milioni di barili di petrolio russo al giorno rischiavano di scomparire dal mercato ad aprile. (Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.