Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Avverte della nuova ondata: – Serio

“Siamo di nuovo l’epicentro dell’epidemia”, ha detto. Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità in Europa, Hans Kluge In una conferenza stampa all’inizio di novembre.

Due settimane dopo, la mappa delle infezioni dell’FHI per l’Europa sta diventando sempre più oscura.

La scorsa settimana, l’autorità di controllo delle infezioni dell’Unione europea ha annunciato il deterioramento della situazione Corona in 44 regioni d’Europa.

Su 100 casi di corona registrati quotidianamente nel mondo, 68 di questi sono in Europa, secondo Tracker covid-19 Reuters. A livello mondiale, tre dei cinque paesi con i casi più registrati sono paesi europei.

La stessa panoramica mostra che un totale di 13 paesi in Europa ha ora un trend di infezione vicino al “punto di picco”, ovvero, in media, i nuovi casi segnalati al giorno raggiungono il livello più alto che un paese ha vissuto durante la pandemia.

L’Europa sta arrivando

Il Regno Unito è uno dei paesi sulla mappa dell’infezione da FHI rosso scuro e, secondo una panoramica di Reuters, il Regno Unito rimane il paese in Europa con il terzo numero più alto di casi coronarici al giorno. Tuttavia, i tassi di infezione e il numero di ricoveri sono in calo da metà ottobre, mentre quelli nel resto d’Europa sono in aumento.

Il primo ministro britannico Boris Johnson sta ora lanciando un avvertimento su ciò che i paesi europei possono aspettarsi. Lui e molti esperti ritengono che l’Europa sia dietro la Gran Bretagna, dove una quarta ondata di contagi ha annunciato il suo arrivo.

READ  Diversi piccoli paesi hanno presentato alle Nazioni Unite nuovi obiettivi climatici. Alcuni grandi errori di scadenza.

– Vedo nuvole temporalesche che si addensano su parti del continente europeo, e devo essere onesto con le persone, siamo già stati qui e ricordo cosa è successo quando la marea ha cominciato a scorrere, come ha detto il Primo Ministro, secondo Notizie dal cielo.

Allo stesso tempo, Johnson sta incoraggiando tutti coloro a cui viene offerta una terza dose del vaccino a usarla.

Vede l’effetto calante del vaccino

Il professor Mark Woolhouse dell’Università di Edimburgo ha dichiarato all’Observer che il Regno Unito è in vantaggio rispetto al resto d’Europa e che le infezioni osservate nel Regno Unito stanno ora seguendo il resto d’Europa, secondo Guardiano. Woolhouse sottolinea che la variante delta che vediamo ora in Europa è il tipo che ha spazzato il Regno Unito all’inizio di questo autunno.

È significativamente più pericoloso delle varianti precedenti e ha colpito molti paesi europei molto più tardi del Regno Unito. Si è stabilito in queste nazioni da un po’ di tempo e la protezione contro il vaccino – di solito tra i più vulnerabili e quelli vaccinati – sta iniziando a diminuire in modo significativo. Non è affatto una situazione ideale, ha detto Woolhouse.

Michael, presidente dell’Università di Southampton, sottolinea che il Regno Unito ha iniziato la vaccinazione prima rispetto alla maggior parte degli altri paesi europei. Pertanto, anche la protezione del vaccino è diminuita prima e l’incidenza è aumentata. Pensa che sia quello che vediamo ora in Europa.

“Il Regno Unito ha lanciato il programma vaccinale prima della maggior parte dei paesi, e quindi ha subito gli effetti di una ridotta immunità in passato”, ha detto Head al Guardian.

READ  Quindi non c'è via d'uscita dal casino - VG

Instabile per il Nord

I Paesi Bassi sono uno dei paesi in Europa che ha registrato un forte focolaio di infezione. Prima del fine settimana, hanno introdotto una nuova chiusura. Questo fine settimana, ristoranti e negozi, oltre ai negozi di alimentari, chiudi le porte dalle 19:00

La Norvegia ha anche introdotto misure nazionali per la corona prima del fine settimana. Ora, tra le altre cose, diversi comuni prenderanno in considerazione l’uso dei passaporti Corona nella comunità. Il governo ha anche modificato i requisiti di ingresso per la quarantena da diverse regioni d’Europa. Poi sono state, tra le altre, le Isole Baleari e le aree di Danimarca, Finlandia e Svezia a ricevere i requisiti di quarantena per l’ingresso, se non si dispone di un certificato Corona valido.

Anders Tegnell, un epidemiologo del governo svedese, ha detto lunedì a Dagens Nyheter che lo è Preoccupato per l’infezione nei paesi nordici.

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1156 nuovi casi di corona e ci sono 35 nuovi ricoverati Da venerdì.

Aumenta: Il capo della divisione FHI, Line Vold, risponde alle domande sull’aumento dell’infezione da corona. Giornalista: Frod Andersen. Video: Anton Lear.
Mostra di più

Bassa copertura immunitaria

Il denominatore comune per molti paesi che ora stanno vivendo uno stress significativo sul sistema sanitario è che la copertura vaccinale è bassa.

Paesi come la Romania e la Bulgaria hanno la peggiore copertura vaccinale in Europa. per me guardiano Solo il 34,5% della popolazione rumena è stato completamente vaccinato e le cifre rappresentano solo il 23% della popolazione bulgara.

La Romania non l’ha mai registrato prima Molte morti per corona Come fanno adesso. Il bilancio delle vittime giornaliero è equivalente a un villaggio al giorno.

READ  Gaza - nuovi raid aerei su Gaza

A ottobre, le autorità russe hanno bloccato il Paese per una settimana nel tentativo di eliminare l’infezione. La scorsa settimana, il Paese ha battuto un nuovo triste record con 1.241 morti in un solo giorno e 39.256 nuove infezioni.

Il risultato del mondo globalizzato

Il professore di epidemiologia all’Università di Tromsø, Elif Lund, sottolinea che l’intera pandemia di corona è stata segnata dall’infezione.

– È il risultato di un mondo globalizzato in cui viaggiamo molto. Questo è qualcosa che dobbiamo accettare quando vogliamo un mondo globalizzato, dice Lund.

Il professor Tromso usa come esempio.

– Non abbiamo una panoramica della quantità di infezione a Tromsø basata sulle infezioni importate, ma abbiamo visto che il turismo era in aumento quando le infezioni sono aumentate.

Lund collega l’aumento delle infezioni alla stagione e vede il coronavirus come un virus stagionale.

I ricercatori non capiscono cosa sia, ma ora stanno assistendo a un’altra caduta in cui l’incidenza aumenta durante l’autunno e diminuisce durante l’inverno. È chiaramente un virus stagionale con cui abbiamo a che fare, e potrebbe turbarci ancora di più, dice a Dagbladet.

Sottolinea che è chiaro ancora una volta che l’infezione aumenta durante l’autunno e diminuisce con l’avvicinarsi dell’inverno. Lund mette in evidenza il passaggio di Corona come una potenziale soluzione, dove l’infezione è generalmente più alta nelle città densamente popolate.