Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Benjamin Netanyahu è morto dopo dodici anni – VG

EX e NUOVO: Benjamin Netanyahu (a sinistra) è diventato Primo Ministro di Israele. Il prossimo primo ministro sarà Naftali Bennett (a destra). Foto: Ronen Zvulun/Reuters

Dopo un dibattito e un voto alla Knesset domenica pomeriggio, questa volta è il momento come Primo Ministro di Israele prima di Benjamin Netanyahu (71).

Inserito:

Il nuovo governo di coalizione di Israele è stato approvato domenica sera con un margine ristretto.

60 parlamentari hanno votato a favore e 59 parlamentari hanno scritto contro Il New York Times.

Anche il nuovo primo ministro israeliano, Naftali Bennett, 49 anni, che guida il partito nazionalista di destra Yamina, ha prestato giuramento.

Tuttavia, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu non è stato coinvolto in politica per 12 anni.

“Se si decide che siamo all’opposizione, lo faremo con le nostre spalle fino a quando non rovesciamo questo governo pericoloso e torniamo a guidare il Paese sulla nostra strada”, ha detto. Netanyahu guida il partito conservatore Likud.

Domenica sera è stato votato dai suoi avversari politici, che sono riusciti nell’impresa che Netanyahu non è riuscito a realizzare negli ultimi due anni: formare un governo.

Anche dopo quattro elezioni in questo periodo, Netanyahu non è riuscito a formare un nuovo governo. Netanyahu è il primo ministro di Israele da 12 anni.

Invece, otto parti si sono accordate su una sola Coalizione di governo il 2 giugno.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto di accogliere il nuovo governo.

Gli Stati Uniti continueranno a impegnarsi per la sicurezza di Israele e non vedo l’ora di lavorare con Bennett e promuovere tutti gli aspetti della cooperazione tra i nostri due paesi. Biden ha detto che Israele non ha miglior amico degli Stati Uniti, tra le altre cose.

Nuovo uomo a Tet: il primo ministro entrante Naftali Bennett ha iniziato il suo discorso alla Knesset ringraziando Netanyahu per i suoi molti anni al servizio dello Stato di Israele. Foto: Abeer Sultan/EPA

quasi una maggioranza

Il destino di Benjamin Netanyahu non è stato rivelato prima del voto di domenica, in cui il nuovo governo di coalizione si è assicurato la maggioranza più ristretta possibile, prendendo 61 seggi su 120, riferisce NTB.

READ  La Germania e tutta la Svezia ricevono requisiti di quarantena - VG

Il veterano guerriero politico Benjamin Netanyahu ha radunato i suoi sostenitori per attirare i legislatori dell’opposizione al voto.

Tra coloro che hanno votato per formare un nuovo governo c’era la lesione del midollo spinale Emily Mwati, che ha lasciato l’ospedale e ha dovuto votare sdraiata.

Rompere il caos: MK Bezalel Smotrich del partito di estrema destra Otzma Yehudit ha gridato proteste alla Knesset e ha dovuto calmarsi, scrive il New York Times. Foto: Emmanuel Dunand/AFP

Ampere

Nel dibattito precedente c’era un amplificatore alla Knesset.

Il nazionalista di destra Naftali Bennett (a destra), che secondo l’accordo di governo sarà primo ministro per due anni prima che il politico di centrodestra Yair Lapid prenda il potere, è stato accolto con un’invettiva dalla sala quando è salito sul podio.

I sostenitori del primo ministro uscente Benjamin Netanyahu hanno ripetutamente infastidito Bennett durante il suo discorso alla Knesset domenica pomeriggio, secondo quanto riportato dal quotidiano israeliano. Ha’aretz.

Nonostante le richieste di silenzio di Bennett, ha applaudito le accuse rumorose di parlamentari apparentemente arrabbiati, che ora devono guardare a una vita di opposizione.

Durante il discorso, i lealisti di Netanyahu, tra cui il ministro dei Trasporti Miri Regev e il ministro della Cooperazione regionale Ofir Akunis, secondo quanto riferito, si sono inchinati e gridato. Ha’aretz.

I lealisti di Netanyahu hanno cantato “vergogna” e “bugie”, scrive a Reuters.

Il nuovo primo ministro ha affermato nel suo discorso che il nuovo governo “rappresenta tutto Israele”.

Poi ha fortemente messo in guardia dal rinnovare l’accordo nucleare internazionale con l’Iran, descrivendolo come un grosso errore.

“Israele non permetterà all’Iran di armarsi di armi nucleari”, ha detto.

Indagine sulla corruzione

Netanyahu è Primo Ministro di Israele dal 2009, ed è stato anche Primo Ministro per tre anni dal 1996 al 1999.

Sotto inchiesta per casi di corruzione dal 2016, era nel 2019 وكان Accusato di abuso di fiducia, corruzione e frode. Ha negato tutte le accuse contro di lui.

– Ora deve comparire in tribunale e rischia di essere incriminato per corruzione. La corona di lavoro del premier potrebbe finire in galera. Lo storico e professore all’Università di Oslo, Hilde Henriksen Wag, ha detto a VG all’inizio di giugno, quando la coalizione era pronta, che la magistratura israeliana è dura e ha già condannato altri primi ministri.

Secondo l’Associated Press, Netanyahu desidera disperatamente rimanere in carica durante il processo, poiché ha usato la sua posizione per mobilitare sostenitori e fuorilegge contro la polizia, i pubblici ministeri e i media.

Avanti: Il leader del partito di centro Yesh Atid, Yair Lapid, dovrebbe assumere la carica di primo ministro dopo due anni. Foto: Abeer Sultan/EPA

Otto lati da fuori a fuori

nuovo rcomposizione dell’assieme È il leader dell’opposizione e un politico di centrodestra Yair Lapid che ha raccolto, con partiti di destra, sinistra e centro, oltre a un piccolo partito islamico.

READ  L'amministrazione Trump ha ottenuto i dati del telefono dal suo avvocato

Naftali Bennett, che appartiene all’ala destra, sarà centrale nel governo di coalizione.

– Il futuro primo ministro Naftali Bennett del partito Yamina ha affermato che ciò porrà fine a una crisi politica di due anni e mezzo.

Contesto: mentre l’attenzione del mondo è sul dramma di Gaza, palestinesi e israeliani si stanno giustiziando a vicenda per le strade di Israele. Tutti i sogni di convivenza stanno per crollare: La scintilla che ha acceso tutto:

Finale: Benjamin Netanyahu non si arrenderà, anche se non diventerà primo ministro in futuro: – Continuerò con il compito più grande della mia vita, che è quello di garantire la sicurezza di Israele, come ha detto nel dibattito parlamentare. Foto: Emmanuel Dunand/AFP

La prima festa araba

Il nuovo governo è composto da 27 ministri, nove dei quali sono donne Ha’aretz.

Il piccolo partito arabo Ra’im (Lista Araba Unita) sarà il primo partito del suo genere ad aderire a una coalizione di governo israeliana.

Il leader Mansour Abbas ha detto nel suo discorso alla Knesset:

Siamo di fronte ad una grande opportunità, non vogliamo abbandonare i nostri principi.

Abbas ha spiegato nel suo discorso arabo come l’alleanza avrà molte ripercussioni sulla comunità araba, compreso l’aumento dei finanziamenti per le comunità arabe.

Mansour Abbas è in cima alla lista araba unificata del partito arabo-israeliano. Foto: Ariel Shalit/Associated Press

diventa duro

La storica e professoressa dell’Università di Oslo, Hilda Henriksen Wag, prevede un futuro difficile per il nuovo governo.

– Il problema del nuovo governo emerge mentre parlano di politica. Sarà difficile passare. E Hilda Henriksen Wag pensa che esploderà come un nano per il Sole.

Lo paragona alla situazione in cui Rødt, FrP, MDG e SV hanno dovuto formare un governo.

– Come valuta il fatto che un partito arabo abbia partecipato per la prima volta?

Il partito arabo-israeliano e islamico, Ra’im, ha promesso di fornire fondi per diversi tipi di infrastrutture ai palestinesi. Questi sono palestinesi che vivono in Israele e che detengono la cittadinanza israeliana, circa il 20% della popolazione israeliana. Quindi, questo gruppo, discendente di palestinesi che non sono fuggiti nel 1948, avrà probabilmente scuole e case, dice Henriksen Wag.

Tuttavia, la stragrande maggioranza dei palestinesi vive in Cisgiordania e non ottiene nulla, sottolinea Henriksen Wag.

Bennett è un politico di estrema destra. Potrebbe non essere in grado di costruire tutti i nuovi insediamenti israeliani che ha promesso, e probabilmente sarà presto visto come qualcuno che sta tradendo i suoi elettori, dice.

Storica e docente all’Università di Oslo, Hilda Henriksen Wag. Foto: Harald Berg Sævereid, VG