Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Berlusconi lascia così l’economia italiana – E24

Dieci anni con Silvio Berlusconi al potere hanno reso le persone più povere.

Arviderici: lo stesso Silvio Berlusconi dice che ora vuole dimettersi.

Inserito:

Martedì sera è diventato chiaro: il presidente italiano Giorgio Napolitano ha confermato che il primo ministro italiano si sarebbe dimesso una volta votato il nuovo pacchetto di riforme economiche per l’Italia.

Ciò significa che dalla prossima settimana Berlusconi non sarà più il primo ministro italiano.

Il controverso 75enne ha guidato l’Italia per la maggior parte degli anni 2000, un periodo che non è stato altro che un periodo di massimo splendore economico.

Se i funzionari eletti del paese avessero usato l’economia e solo quella come linea guida, Berlusconi sarebbe stato licenziato molto tempo fa.

freni europei

Dal 2001 al 2010, il PIL dei paesi dell’Unione Europea è cresciuto dell’1,1% annuo.

L’Italia è cresciuta solo dello 0,2 per cento, mentre la popolazione è aumentata.

Quando il PIL è distribuito tra la popolazione, il risultato è che gli italiani sono diventati più poveri sotto Berlusconi.

I dati mostrano che l’italiano medio aveva 23.500 euro per vivere nel 2010, rispetto ai 24.000 euro del 2000, secondo Dati Eurostat, corretti per l’inflazione.

In confronto, il reddito medio tedesco è aumentato da 26.300 euro nel 2000 a 29.000 nel 2010.

Il calo del reddito pro capite significa che il benessere è in declino e la disoccupazione è in aumento. L’elevata disoccupazione è una grande sfida per l’Italia, afferma il capo economista Peter Elif de Lange di Sparebanken 1 SMN a E24.

All’inizio di novembre l’8,3 per cento degli italiani era disoccupato. La disoccupazione giovanile è stata di un impressionante 29,3%.

Leggi anche: La paura potrebbe costare all’Italia 67 miliardi

non competere

La mancanza di crescita è dovuta principalmente alla bassa produttività della società. per me Indice Eurostat Gli italiani oggi creano l’1 per cento in meno ogni ora lavorata rispetto al 2000.

Nello stesso periodo, la produttività è migliorata del 4% in Germania e fino al 17% nell’Estonia, nuova arrivata nell’UE.

L’Italia è divisa al centro: la mappa Eurostat del potere d’acquisto pro capite mostra che l’Italia settentrionale può rivaleggiare con la Baviera e l’Italia meridionale con Portogallo e Grecia. Sulla mappa, il verde scuro è il rosso più ricco e il più povero. Dati del 2007.

La competitività si è indebolita da quando il paese ha adottato l’euro nel 1999.

La produzione è diventata più costosa da gestire senza aumentare il valore delle merci in cambio.

La bilancia commerciale perde come un setaccio. Sebbene gli italiani siano abili nel design, nella moda e nel lusso, i proventi delle esportazioni da qui saranno piccoli nel quadro generale, afferma de Lange.

Secondo l’OCSE, non da ultimo, la regolamentazione pubblica ostacola la crescita della produttività (si veda il riquadro in calce al numero).

Gli italiani hanno revisionato la legislazione nel 2006 per consentire una maggiore concorrenza in parti più ampie della società.

In un recente rapporto Tuttavia, l’OCSE rileva che gli italiani hanno ancora molta strada da fare prima di attuare modifiche legislative.

Né il sistema fiscale è particolarmente efficiente, secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Guarda anche:Quando l’Europa si è indebitata – Cronologia E24 per la crisi dell’euro 2008-2011

Ricchi al nord, poveri al sud

L’economia italiana è divisa tra un nord ricco e industriale e un sud povero dominato dall’agricoltura.

I milanesi, infatti, hanno un potere d’acquisto paragonabile a quello della Baviera, dell’Inghilterra meridionale e della Scandinavia, le parti più ricche d’Europa.

D’altra parte, gli abitanti della parte italiana devono fare i conti con un reddito pari a quello che vivono estoni, portoghesi e greci.

– Forse molti italiani lo sperimentano in modo che le regioni meridionali siano sostenute dalle regioni settentrionali. Fornisce naturalmente una base per una profonda lotta politica, dice de Lange, dato che l’Italia prima di Berlusconi cambiava governo in media una volta all’anno.

Niente parla di crescita

L’Italia lotta con il più grande debito pubblico di tutti i paesi dell’eurozona.

Sebbene il paese non stia attualmente spendendo più denaro di quanto guadagna, i tassi di interesse più elevati minacciano di creare una spirale negativa del debito che nel tempo significa che l’Italia dovrà fallire con il debito pubblico.

De Lange ritiene che non ci sia nulla nell’economia italiana che faccia pensare che la crescita accelererà presto.

Il commercio al dettaglio è caduto come una roccia negli ultimi mesi. La crescita dei consumi diminuisce e il risparmio aumenta. Allo stesso tempo, la domanda di investimenti da parte del settore delle imprese è vicina allo zero. Per come la vedo io, le autorità non possono sottolineare, perché non ci sono altri ingredienti che avrebbero potuto contribuire alla crescita, afferma de Lange.

Ritiene che l’Italia – come molti altri Paesi del sud Europa – dovrà sottoporsi a cure equine entro i prossimi 10 anni.

Dovrebbero attuare riforme strutturali e con ogni mezzo evitare di aumentare le dimensioni del settore pubblico, afferma de Lange.

Leggi anche: Silvio Berlusconi – Presidente del Consiglio con nove vite

READ  Triplo record a Wall Street mentre Snap volava - E24