Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Birmania, Telenor | La società di telefonia mobile ha venduto al miliardario sulla “lista sporca”. La Norvegia è oggetto di dure critiche

Human Rights Watch ritiene che la controversa vendita di Telenor dovrebbe essere indagata dal Parlamento.


La giunta militare del Myanmar ha ucciso più di 900 persone e ha effettuato quasi 7.000 arresti dal golpe militare del 1° febbraio di quest’anno. Gli eroi della democrazia nel Paese vengono braccati in modo sistematico. Il monitoraggio dei dati dei telefoni cellulari è uno degli strumenti utilizzati quando la giunta militare deve reprimere tutte le forme di resistenza dell’opposizione nel paese.

Un registro delle chiamate può essere un buon strumento quando gli oppressori si disintegrano nelle reti degli oppressi.

Questo è il contesto in cui Telenor sta ora vendendo la sua attività di telefonia mobile in Myanmar. Il ritiro di Telenor dopo sette anni nel Paese ha suscitato attenzione e disgusto tra le organizzazioni internazionali per i diritti umani e gli attivisti per la democrazia.

Gli attivisti per la democrazia del Myanmar hanno considerato Telenor Myanmar il fornitore di telefoni cellulari “più sicuro” del Paese. Telenor è stata elogiata per essersi opposta alla richiesta della giunta di consegnare i dati dei telefoni cellulari, ma la filiale asiatica di Human Rights Watch osserva Nettavisen che “l’uso del telefono cellulare in Myanmar è diventato molto più pericoloso”.

Leggi anche: Telenor vende le sue operazioni mobili in Myanmar

Venduto al miliardario su “Lista sporca”

A luglio, è trapelata la notizia che Telenor stava vendendo Telenor Myanmar alla controversa società di investimento M1 Group, fondata dal miliardario libanese Najib Mikati e da suo fratello Taha. Il gruppo M1 è stato uno dei principali attori mobili in regimi autoritari come Yemen, Siria, Liberia e Sudan. Il gruppo M1 è anche accusato di avere stretti legami con il consiglio militare del Myanmar, menzionato anche in un rapporto delle Nazioni Unite del 2019.

Il Comitato birmano nel Regno Unito ha collocato il miliardario Mikati e il gruppo M1 all’interno di «lista sporca“Già nel 2019. Questa è una lista di persone e aziende che si occupano di generali violenti in Myanmar.

Anche Mikati è elencato su Lista ricca di Forbes Con una fortuna stimata di $ 2,9 miliardi ($ 25 miliardi).

Il responsabile delle informazioni di Telenor, Tormod Sandstø, ha dichiarato a Nettavisen che la vendita necessitava dell’approvazione delle autorità locali prima che l’accordo potesse essere completato. Solo allora M1 Group gestirà le operazioni, le relazioni con i clienti e i dati degli utenti.

READ  Tragedia familiare: una madre e tre figli muoiono in un incidente

Vendere un’attività in Myanmar non è stata una decisione facile. Abbiamo considerato con attenzione tutte le possibili alternative, ma non possiamo più continuare in Myanmar con gli alti valori e gli standard che abbiamo posto la nostra attività in una situazione sempre più impegnativa, dice Sandstø a Nettavisen.

Leggi anche: Una bambina di 7 anni è stata uccisa in Myanmar dalla polizia davanti al resto della famiglia

Il parlamento norvegese deve indagare su questo processo

Lo stato norvegese è il principale azionista di Telenor con una quota di proprietà del 53,97 percento, secondo Telenors. Relazione annuale 2020. Il Ministero del Commercio e dell’Industria, con il Ministro responsabile Iselin Nybø (V), gestisce questa proprietà.

Il governo norvegese è stato molto silenzioso su ciò che ha fatto e non ha fatto e su ciò che sta facendo in relazione a questo accordo. Questa restrizione è l’esatto opposto di quello che abbiamo visto quando Telenor ha fatto un’offerta e ha vinto un contratto per lavorare in Myanmar, ha detto a Nettavisen il vicedirettore di Human Rights Watch per l’Asia, Phil Robertson.

Il parlamento norvegese dovrebbe avviare un’indagine sull’intero processo, utilizzando come punto di riferimento le dichiarazioni spesso ripetute del governo sulla politica estera favorevole ai diritti umani, afferma Robertson.

Anche il gruppo di attivisti Justice For Myanmar è critico nei confronti dei maggiori azionisti Telenor e Telenor.

La vendita di Telenor mette molti in Myanmar, che stanno eroicamente combattendo per la libertà e la democrazia, in immediato pericolo ora che i militari hanno intensificato la sorveglianza e ampliato la loro campagna terroristica. In qualità di maggiore azionista di Telenor, il governo norvegese è responsabile dei danni che la vendita di Telenor provocherebbe e dovrebbe essere ritenuto responsabile delle proprie azioni. Esortiamo il governo norvegese a esercitare il suo potere come proprietario di Telenor per fermare questa vendita crudele e irresponsabile prima che sia troppo tardi, ha detto a Nettavisen il portavoce di Justice for Myanmar Yadanar Maung.

Trasferisci tutte le responsabilità a Telenor

Tuttavia, ci sono poche indicazioni che ci sarà un calo delle vendite avviato dal ministero.

La situazione in Myanmar è molto pericolosa per la popolazione e ci sono stati scambi molto difficili per Telenor, il consigliere per le comunicazioni presso il ministero del Commercio e della pesca, Yngve Angvik, ha scritto in una e-mail a Nettavisen.

READ  Circa 3000 persone si sono radunate nell'Oslo Park - VG

Leggi anche: Nuovo video dal Myanmar: – Ha fermato un’ambulanza e ha colpito gli operatori sanitari con il calcio di una pistola

Il Ministero del Commercio e dell’Industria, in qualità di principale azionista, può esercitare un’efficace governo societario e annullare la vendita?

Il Ministero del Commercio e dell’Industria esercita la proprietà statale di Telenor in conformità con i principi statali di governo societario, compresa la divisione delle responsabilità e dei ruoli nella legislazione aziendale, ha scritto Anjevik.

Il consiglio di amministrazione e la direzione della società sono responsabili della gestione della società, comprese le valutazioni e le decisioni relative all’investimento della società in Myanmar. Pertanto, le domande relative alla vendita della società in Myanmar dovrebbero essere rivolte alla società. Telenor ha dichiarato di aver considerato tutte le possibilità e di ritenere che la vendita dell’azienda sia la migliore soluzione possibile in questo caso, scrive Angvik.

Difficilmente rispetterà la privacy

Sia Justice for Myanmar che Human Rights Watch temono che M1 consegnerà i dati degli utenti dei 18 milioni di abbonati di Telenor Myanmar alle forze armate una volta completato l’accordo.

– Non c’è motivo di aspettarsi che il Gruppo M1 rispetterà la privacy degli utenti o che aderirà a qualsiasi attività responsabile, afferma Yadanar Maung di Justice For Myanmar.

Chiaramente, la preoccupazione immediata e più grande ora è che la privacy dei clienti di Telenor è a rischio di essere esposta da una nuova società più che disposta a svolgere le funzioni della giunta. Phil Robertson di Human Rights Watch afferma che Telenor dovrebbe dettagliare ciò che stanno facendo per affrontare le legittime preoccupazioni sui dati degli utenti mobili e sul diritto alla privacy.

Leggi anche: Il Dipartimento di Stato taglia un milione di aiuti: – Abbiamo più che mai bisogno della Commissione Birmania

Telenor conferma che M1 Group non avrà accesso a quanto detto e scritto dai clienti mobile.

– Tutte le reti di telecomunicazioni generano dati utente che contengono informazioni importanti per la manutenzione dei servizi, come l’ora e il luogo di una telefonata. Questi dati utente non contengono informazioni sul contenuto effettivo della connessione e pertanto Telenor non dispone di alcun dato su ciò che viene detto in una conversazione telefonica o su ciò che viene scritto in un messaggio o e-mail, afferma Sandstø.

Denuncia all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico

Alla fine di luglio, Telenor Denuncia al punto di contatto dell’OCSE Qui in Norvegia. Dietro la denuncia ci sono 474 organizzazioni civiche. La denuncia sostiene, tra l’altro, che Telenor non ha eseguito una revisione aziendale soddisfacente del gruppo M1, che Telenor non ha consultato adeguatamente i gruppi di interesse prima della vendita e che Telenor ha dimostrato poca trasparenza durante il processo stesso.

READ  È uno dei peggiori disastri di Israele: VG

Telenor afferma di non essere d’accordo con le critiche alla denuncia dell’OCSE.

– Ma condividiamo le preoccupazioni delle organizzazioni sulla grave situazione in cui si trova il paese e sosteniamo il punto di contatto dell’OCSE con fatti e chiarimenti, afferma Sandstowe.

Leggi anche: Kjell Magne Bondevik: – Ho notato che Aung San Suu Kyi era nel profondo

Sandstø aggiunge che Telenor si è impegnata a rispettare le Linee guida dell’OCSE per le multinazionali e le Linee guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, e questo è in linea con i valori e gli standard di Telenor.

– Questi sono gli stessi valori che ora sono la ragione per cui dobbiamo lasciare il Myanmar, dice Sandstu.

Razzista e discriminatorio

Il consulente della M1 Joe Issa El Khoury ha descritto le critiche all’acquisizione come “razziste e discriminatorie”. Ha detto in un’intervista a Financial Times A fine luglio, il gruppo M1 non intraprenderà in alcun modo alcuna azione contraria ai diritti umani.

Al popolo del Myanmar saranno lasciate due opzioni, afferma Issa El Khoury, riferendosi al ritiro di Telenor.

– O è un gruppo del Medio Oriente disposto a correre dei rischi, o è lo Stato che comanda, dice.

Leggi anche: Il ridicolo video di danza che ritrae uno storico colpo di stato militare diventa virale su Internet

Issa Al-Khoury non ha risposto per commentare come il gruppo M1 avrebbe risposto a qualsiasi richiesta del consiglio militare.

“Non preoccupiamoci delle aspettative, ma piuttosto aspettiamo e vediamo cosa potrebbero ordinare le autorità”, ha detto.

Telenor dice che non avevano scelta migliore che ritirarsi dal Myanmar.

“La vendita dell’attività è stata l’alternativa meno dannosa per i nostri 730 dipendenti, 18 milioni di clienti e molti dei nostri fornitori, che stanno vivendo non solo una crisi umanitaria e dei diritti, ma anche una catastrofe economica nazionale con poche opportunità di miglioramento”, afferma Sandstowe .