Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Bjørndalen è messo in discussione – VG

Ole Einar Bjørndalen ha incontrato Vladimir Putin nel 2007.

Ole Einar Bjørndalen ha sostenuto l’indipendenza dello sport dalla politica fino all’estremo. Come si comporta ora con sua moglie che attacca l’esclusione dei praticanti russi e bielorussi?

Inserito:

Questo è un commento. Il commento riflette la posizione dell’autore

Naturalmente, il 48enne non sarà direttamente responsabile della posizione lasciata dalla moglie, Darga Domratsjeva. È lei che respinge l’attacco all’esclusione di Russia e Bielorussia dalla maggior parte degli sport, che descrive l’invasione dell’Ucraina come un “conflitto”.

Ma questo crea un problema che il marito conosce fin troppo bene nel consiglio: È possibile affrontare la domanda di sport in isolamento dalla politica?

Ole Einar Bjørndalen non è ancora sceso in campo per quanto riguarda le conseguenze dello sport della guerra.

Ma con una proposta così controversa a chi gli è più vicino – vista per quanto riguarda le scelte di Bjorndalen nel corso degli anni – sarebbe saggio prendere una posizione chiara.

L’incontro con Putin è avvenuto poco prima dell’assegnazione di Sochi.

Ora è in discussione.

Finora, Bjørndalen è emerso come un attore estremo per aver lasciato che lo sport vivesse nel proprio regno, anche se l’idealismo è in conflitto con la realtà. Ha scelto volontariamente di entrare a far parte del gigantesco progetto di lavanderia sportiva in Cina, chiamato anche Giochi Olimpici.

Ovviamente, l’evento freddo è stato letteralmente incentrato sullo splendore della dittatura e i cinesi sono praticamente riusciti a tenere sotto controllo la storia del gioco.

READ  Hamilton uccide la sua stessa macchina: la confronta con la sua peggiore guida di sempre

Forse questo non è strano, finché c’è stata una minaccia nascosta di conseguenze per coloro che hanno dovuto dare voce a qualcosa che non piaceva al sistema.

Quindi c’era calma.

Ole Einar Bjørndalen è sposato con Daria Domratsjeva.

Prima di allora, Bjørndalen faceva parte dello staff tecnico della Bielorussia ai Giochi Olimpici del 2018. All’epoca, il dittatore Alexander Lukashenko era a capo del Comitato Olimpico Nazionale. È stata la posizione che ha ricoperto per 23 anni, prima che suo figlio prendesse la posizione l’anno scorso.

Quando Bjørndalen ha aiutato ad allenare gli atleti per l’oro e il lustro, è diventato anche uno strumento per mantenere l’ordine. Ci sono anche innumerevoli storie su come venivano trattati gli atleti bielorussi se non ballavano sulla pipa di Lukashenko.

Inoltre, Ole Einar Bjørndalen ha una trama con Vladimir Putin. Mentre la Russia ha lottato duramente per portare le Olimpiadi a Sochi, nel 2007 il norvegese è stato portato appositamente nella residenza del presidente fuori Mosca come calamita.

Nel 2016, Bjorndalin ha dichiarato: “Penso che la Russia sia molto fortunata ad avere un presidente del genere, dal punto di vista sportivo” e “partecipa attivamente allo sviluppo dello sport nel paese, ha fatto un ottimo lavoro per le Olimpiadi di Sochi .”

A questo punto, Bjørndalen non poteva dire quanto il doping avrebbe influenzato i giochi. Ma i prezzi sono diminuiti molto tempo dopo che la Russia ha iniziato ad annettere la Crimea.

Mezzogiorno: gli atleti russi, tra cui Alexander Bolshunov, hanno preso parte alla celebrazione quando venerdì scorso Vladimir Putin e la Russia hanno celebrato l’ottavo anniversario dell’annessione della Crimea allo stadio Lushnik di Mosca.

In breve, è comunque interessante che un praticante in molti contesti si sia lasciato usare da persone al potere che rappresentano una forma di governo diversa dalla nostra.

READ  Questa data potrebbe essere una brutta notizia per lo United

Tradizionalmente, molti nello sport hanno sostenuto il principio di stare lontano dalle questioni politiche.

Il CIO continua a cercare di argomentare in questo senso, sebbene sia felice di partecipare quando lo ritiene opportuno.

In una certa misura è possibile comprendere la volontà di concentrarsi solo sullo sport. Da un punto di vista umano, si può anche comprendere la frustrazione di Domracheva. Certo, fa male non potersi unire ai praticanti, non ultimi quelli che non supportano la guerra.

Tuttavia, si tratta di professionisti che rappresentano uno stato e un sistema e vengono utilizzati attivamente come strumenti. Allora sarebbe sembrato molto strano se russi e bielorussi avessero potuto partecipare, mentre i praticanti ucraini erano nella loro patria per difendere il loro paese.

Le immagini dei praticanti russi con la lettera Z, che Putin ha usato attivamente, dicono davvero tutto su questa discussione. Andando avanti, possiamo sperare che le figure di spicco dello sport diventino più consapevoli del tipo di sistemi che stanno utilizzando.

Dovremmo essere in grado di chiedere spiegazioni migliori rispetto a “Mi concentro solo sullo sport” se le personalità sportive scelgono di confrontarsi con le dittature. Questo vale indipendentemente da quanti ori hai nel tesoro.