Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Bloomberg: un anno da incubo per il famoso commerciante di petrolio

Bloomberg: un anno da incubo per il famoso commerciante di petrolio

Pierre Andurand, un gestore di hedge fund francese, è tra i trader di energia più noti al mondo. È dietro la società di investimenti in materie prime Andurand Capital, con il norvegese Håkon Haugnes come direttore delle finanze e delle operazioni.

Dall’inizio dell’anno, secondo Bloomberg, l’Andurand Commodities Enhanced Fund ad alto rischio è sceso del 46%. A maggio, si diceva che il fondo fosse sceso del nove percento.

Il declino arriva dopo tre anni di folli ritorni. Nel 2020, il fondo spazzatura ha ricevuto un enorme rendimento del 154%, dopo che il coronavirus ha causato il crollo dei prezzi del petrolio. Nel 2021 e nel 2022, il fondo è aumentato rispettivamente dell’87 e del 59%.

Huegnes ha incontrato Andurand quando studiava a Tolosa, in Francia, negli anni ’90. Dopo alcuni anni come imprenditore tecnologico in Norvegia, Haugnes si è trasferito a Londra e lavora per Andurand dal 2009.

Tutto ciò che facciamo è l’analisi della domanda e dell’offerta. Quando è uscito il coronavirus, abbiamo lavorato giorno e notte per capire come si sarebbe diffuso e cosa avrebbe significato per il mercato petrolifero, ha detto in precedenza Haugnes a DN.

Crede nell’aumento dei prezzi del petrolio

Andurand Capital commercia solo in opzioni e contratti futures, principalmente in petrolio e prodotti petroliferi. Tutte le decisioni di investimento sono prese dallo stesso Andurand, mentre Haugnes è responsabile degli aspetti operativi.

Solo tre mesi fa, Huegness ha dichiarato a DN che i prezzi del petrolio non riflettono i fondamentali del mercato petrolifero. Ritiene che parte della spiegazione potrebbe essere che ci sono meno professionisti del petrolio che commerciano sul mercato ora rispetto a prima, quindi viene posta maggiore attenzione sulle variabili a breve termine e sul rumore macroeconomico.

C’è qualcosa che non va nel mercato petrolifero. Se si guarda dall’alto, c’è una riapertura in Cina, massima produzione di petrolio in quasi tutti i Paesi e fine dell’approvvigionamento di petrolio da giacimenti strategici negli USA. Haugnes ha affermato che variazioni significative del prezzo del petrolio non sono visibili in questo momento e che probabilmente emergeranno nel prossimo trimestre.

In un’intervista con DN nella primavera del 2022, poco dopo lo scoppio della guerra, Andurand pensava che il prezzo del petrolio potesse salire a 150 dollari. Andurand credeva che il petrolio russo non sarebbe tornato sul mercato occidentale sotto Vladimir Putin e che solo una parte del petrolio sarebbe stata reindirizzata verso paesi come Cina e India.

– Il mercato può impiegare molto tempo per valutare cose come questa, poiché pochi comprendono come andranno avanti le dinamiche di mercato. Andurand ha affermato che i prezzi del petrolio aumenteranno rapidamente quando gli operatori del mercato si renderanno conto che esiste una carenza fisica di petrolio.

Ancora petrolio russo

secondo Financial Times Le esportazioni di petrolio della Russia hanno raggiunto 8,3 milioni al giorno ad aprile, il livello più alto in tre anni. Ciò è stato trainato principalmente dalle importazioni dalla Cina e dall’India, che hanno importato rispettivamente 2,1 e 2,0 milioni di barili, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia. Allo stesso tempo, le entrate della Russia derivanti dalle esportazioni di petrolio sono diminuite del 27% rispetto all’anno precedente.

Dopo l’invasione dell’Ucraina, c’erano più di Andurand che credevano che la produzione di petrolio russa sarebbe diminuita drasticamente. Un anno fa, l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) ha stimato che la produzione di petrolio russa sarebbe scesa a una media annua di 8,7 milioni di barili, ma la produzione di petrolio della Russia il mese scorso è stata di quasi 11 milioni di barili.

Sei mesi fa, l’Unione Europea ei paesi del G7 hanno concordato un prezzo massimo di 60 dollari per il petrolio russo. L’obiettivo era che la Russia avesse redditi più bassi, ma l’obiettivo era mantenere il petrolio sul mercato, fino a quando l’inflazione non si fosse stabilizzata.

Un price cap significa, tra l’altro, che la prestazione di servizi ai vettori petroliferi – come assicurazioni, finanziamenti e assistenza tecnica – è vietata se il petrolio è venduto a un prezzo superiore al limite fissato. Sebbene non vi siano restrizioni all’importazione tra Cina e India, le società che spediscono loro petrolio russo potrebbero risentirne.

“La Russia sembra avere poche difficoltà a trovare acquirenti disponibili per il suo greggio e i suoi prodotti petroliferi, spesso a spese di altri membri dell’OPEC+”, ha scritto di recente l’Agenzia internazionale per l’energia, aggiungendo che la Russia potrebbe aumentare la produzione per compensare le mancate entrate.(condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri stati utilizzando collegamenti che conducono direttamente alle nostre pagine. La riproduzione o altro uso di tutto o parte del Contenuto può essere effettuato solo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per ulteriori termini vedere qui.