Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Borr Drilling di Tor Olav Trøim concorda con i creditori nel differire il debito di 12 miliardi di NOK

Un “grande passo” sulla strada per una soluzione completa ai problemi del debito: così Borr Drilling, l’operatore della piattaforma di Tor Olav Trøim, descrive il nuovo accordo con i suoi maggiori creditori per rinviare un totale di 1,4 miliardi di dollari verso la scadenza del debito, o 12,4 miliardi corone.

L’accordo copre gli obblighi di Bohr nei confronti dei suoi cantieri navali di Singapore, PPL e Keppel, che sono ora posticipati dal 2023 al 2025, ha scritto la società in un annuncio di borsa lunedì mattina.

L’importo corrisponde a circa due terzi dei debiti e delle passività vantati da Borr.

nuovo problema

Trøim ha avviato Borr Drilling nel 2016 e la ricetta era quella di acquistare piattaforme a buon mercato dopo il crollo del mercato, a causa del forte e persistente calo dei prezzi del petrolio. Ma nonostante un inizio promettente, le scommesse si sono inasprite mentre la ripresa attende, ed è solo peggiorata dopo che la pandemia di Corona ha colpito il mercato nel 2020.

Bohr e Trom hanno più volte coinvolto creditori e investitori in soluzioni che hanno portato a significativi ritardi nel debito. L’ultima volta è stata poco più di un anno fa, quando la società ha dovuto completare la sua terza emissione in nove mesi per ottenere concessioni dai finanziatori.

Il nuovo patrimonio, e quindi la nuova diluizione degli azionisti esistenti, fa parte dell’ultimo accordo. Tra le altre cose, Burr ha impegnato oltre 50 milioni di dollari in costi e interessi maturati nel 2022, di cui 22,4 milioni di dollari già a gennaio. Per coprire questa conversione, Borr raccoglierà circa 30 milioni di dollari in una nuova emissione di azioni.

READ  La Juventus è diventata campionessa della coppa quando sono tornati i tifosi

I pagamenti ai cantieri navali nel 2022 raggiungeranno i 24 milioni di dollari a cui hanno diritto in base a un precedente contratto di debito.

Dobbiamo essere d’accordo con gli altri

Un’altra condizione importante del nuovo accordo è che Borr deve anche raggiungere un accordo con gli altri suoi creditori, compresi gli obbligazionisti, sul posticipo del debito residuo della società entro giugno del prossimo anno.

Anche queste scadenze dovrebbero essere posticipate dal 2023 al 2025 al più presto e, in caso contrario, le scadenze del debito del cantiere torneranno a quanto originariamente previsto. Alla fine di settembre, Bor aveva un totale di 2,2 miliardi di dollari di debiti e altre passività, la maggior parte dei quali scaduti nel 2023.

Burr continuerà le trattative con i restanti creditori, ha scritto la società. Questi includono le principali banche norvegesi DNB e Hayfin Fund, nonché detentori di obbligazioni convertibili.

Nonostante queste condizioni, l’accordo con i cantieri è ben accolto alla Borsa di Oslo. Poco prima delle 15:00 di lunedì, le azioni sono aumentate di quasi il 13%.

Supporto stimato

Borr Drilling apprezza molto il supporto ricevuto dai suoi più importanti creditori. È una testimonianza della fiducia in Borr Drilling e della ripresa del mercato a cui stiamo assistendo, afferma il CEO di Borr Patrick Schorn nell’annuncio della borsa.

La società aggiunge inoltre che prevede di avere “almeno” 18 impianti in funzione entro la metà del prossimo anno e che fornirà un reddito maggiore rispetto ai 13 impianti attualmente in funzione. Bohr si era già posto l’obiettivo di avere una flotta completa di 23 impianti di perforazione entro la fine del 2022.

READ  Juventus in grave difficoltà - Sporten.com

– Siamo in grado di trarre il massimo vantaggio dalla ripresa del mercato delle piattaforme per gru. Schorn aggiunge che crediamo che questa transazione avvantaggia tutti gli stakeholder, creando una soluzione a lungo termine con miglioramenti sia per i creditori che per gli azionisti.

Con il rally di lunedì, il titolo è cresciuto di oltre il 35% finora quest’anno e ora viene scambiato a poco più di 20 corone. Tuttavia, è a miglia di distanza dalle vette di oltre 400 corone nel 2018, quando il mercato degli impianti di perforazione sembrava andare nella giusta direzione per un po’ di tempo, prima che l’ottimismo scemasse di nuovo in autunno.

Le prospettive per le società di perforazione sembrano ora molto più rosee di quanto non siano state da molto tempo, dopo aver sottoinvestito in petrolio e gas per diversi anni. Sebbene Borr ne stia approfittando e abbia preso una quota crescente delle sue piattaforme appaltate, l’azienda è rimasta a lungo aperta alla necessità di una soluzione permanente del debito. Nella sua relazione del terzo trimestre del mese scorso, la società ha affermato di aver raggiunto un accordo con uno dei suoi principali creditori sul differimento, soggetto ad accordi con altri finanziatori.

Nell’edizione precedente, Christen Sveaas è arrivata con un investimento di quasi 100 milioni di NOK, acquistando azioni per la partita di oggi a poco più di 14 NOK per azione (le azioni di Bor sono state divise di recente e il numero è stato dimezzato). Questo gli ha dato poco più del cinque percento delle azioni di Burr. Trøim, da parte sua, è stato annacquato, sebbene abbia costantemente contribuito a nuove emissioni e oggi ne possiede poco più del 6%. (Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per termini aggiuntivi guarda qui.

READ  Tizen and Wear OS - Fitbit si integra con i nuovi orologi