Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Brutta regola a Minsk – VG

Dr. Challenge: Svetlana Tikanovskaya mostra una foto di suo marito, il leader dell’opposizione Sergei Tikhanovsky, quando ha parlato in Parlamento a Praga quest’estate. Il ragazzo voleva fingere di essere un rivale del presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko. Quindi ora è stato condannato a 18 anni di carcere.

Quando il regime condanna un leader dell’opposizione a 18 anni di carcere, dice qualcosa su quanto sia profonda la corruzione politica.

Inserito:

Questo è un capitano. Il leader esprime la posizione di VG. L’editore politico di VG è responsabile del leader.

Sergei Tikhanovsky aveva pianificato di sfidare il presidente bielorusso Alexander Lukashenko alle elezioni dello scorso anno. Invece è stato arrestato e accusato di disturbo dell’ordine pubblico.

Il “processo” del 43enne si è svolto a porte chiuse a Minsk. Martedì è stato dichiarato colpevole di aver organizzato disordini e incitamento all’odio. Tikhanovsky è stato anche condannato per una serie di altre accuse.

Nello stesso caso sono stati condannati altri cinque “complici”, tra cui Mykola Statkevich (65). Il politico veterano ha ricevuto 14 anni di carcere.

Non sorprende che un sistema moralmente fallito operi in questo modo. Il presidente Lukashenko ha dimostrato per molti anni di non rispettare i diritti umani, la libertà di associazione o il diritto internazionale.

L’assurda farsa del processo e l’esito spaventoso rappresentano ancora un nuovo minimo per Lukashenko. Dimostra che il tiranno di Minsk non solo controlla le forze di sicurezza, la polizia e la magistratura del paese, ed è pronto a diffondere il potere statale contro il suo stesso popolo. Ma queste basi possono anche essere utilizzate.

La situazione è particolarmente pericolosa, perché questo attacco statale all’opposizione a Lukashenko dimostra che i tribunali non sono in grado di resistere, ma, al contrario, sono una parte calcolata dell’apparato repressivo del regime.

Non si può affermare con maggiore chiarezza che la Bielorussia è separata dal diritto e dalla giustizia internazionali. Una società alla mercé del presidente, in cui il regime usa senza scrupoli i mezzi di potere dello Stato per tenere a freno l’opposizione politica.

Se sembra una dittatura, si comporta come una dittatura e si comporta come una dittatura, probabilmente è una dittatura. E questo è in Europa.

L’UE condanna la condanna di Sergei Tikhonovsky, citando la sua persecuzione e altre figure dell’opposizione come “parte della repressione in corso, brutale e sistematica di tutte le voci indipendenti in Bielorussia”.

“Il dittatore si sta vendicando pubblicamente di uno dei suoi più forti avversari”, ha scritto ieri su Twitter la moglie di Tikhanovsky, Svetlana Tikanovskaya. È diventata leader dell’opposizione dopo l’arresto del marito e ora coordina l’opposizione politica a Lukashenko dall’esilio nella vicina Lituania.

Leggi anche

Il dittatore, le donne coraggiose e gli uomini verdi sospettosi

Dal 2020 sono stati arrestati centinaia di critici del presidente. Molti di loro sono stati condannati a lunghe pene detentive. Il sistema stesso afferma che 650 persone sono incarcerate per “vari crimini contro lo stato”, ma si stima che questo numero sia gravemente sottostimato.

Si dice che il presidente russo Vladimir Putin non sia particolarmente colpito da Alexander Lukashenko. La loro relazione personale dovrebbe essere misurata in modo equo. Allo stesso tempo, con la sua posizione ai confini esterni sia della NATO che dell’Unione Europea, la Bielorussia è un importante alleato.

READ  - È troppo pesante per me - NRK Norvegia - Panoramica delle notizie da diverse parti del paese

Alla luce della serie di aggressioni di Putin verso l’Ucraina, i russi vedono bene il fatto che la Bielorussia di Lukashenko rimane un baluardo stabile e inquieto contro l’Occidente. Sfortunatamente, questo non è di buon auspicio per i bielorussi che sognano la libertà e la democrazia.