Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Cadrà la socialdemocrazia svedese? – V.G

La posizione solida: il primo ministro Magdalena Anderson ha condotto bene la campagna e Susanna guiderà dalle elezioni del 2017. Ma il potere potrebbe scivolare, anche solo per il minimo margine.

E con loro, la narrativa di lunga data della Svezia come il paese più nuovo del mondo per sempre?

Inserito:

iconaQuesto è un commento. Il commento riflette la posizione dell’autore

Noi dei media siamo un po’ contenti delle grandi parole. Una grande partita di calcio viene spesso definita un “dramma pazzo” e quando il leader di un piccolo partito, per così dire, annuncia le sue dimissioni, i commentatori ricorrono a metafore esagerate del tipo “terremoto”.

Quest’ultima è un po’ di autocritica da parte del sottoscritto.

Quando si tratta di andare avanti, la colpa è di tutti noi commentatori di TV e giornali.

Ma a rischio di parlare con una lingua biforcuta, non è particolarmente rumoroso affermare che l’elezione di oggi, lungi dall’essere un bel fratello ora più triste di un simpatico fratello, è particolarmente tesa.

Al contrario: elimina quasi il dramma drammatico.

Perché oggi, 11 settembre 2022, a poche ore dalla chiusura delle urne, nessuno osa prevedere chi andrà via con una vittoria alle elezioni parlamentari svedesi.

È quanto si può ottenere, se vogliamo credere alle aspettative. Potrebbe essere intorno a uno stato. Parliamo di 20.000 voti.

Questo significa un vicolo cieco, per così dire, che a sua volta potrebbe significare che le elezioni non saranno chiare fino a giovedì, quando si conteranno i voti stranieri. L’ultima volta, 80.000 svedesi che vivono all’estero hanno votato. Questa volta, si ritiene che il numero sia più alto.

In fila per votare: la stazione centrale di Stoccolma ieri, 10 settembre.

Quindi la domanda è: importa davvero chi vince: i rossi e i verdi o la borghesia?

Forse no. La campagna elettorale di quest’anno è stata uno spettacolo strano. Sì, i migliori politici si rimproverano a vicenda e ricorrono a svolte drammatiche quasi quanto il resto di noi commentatori, indipendentemente dal fatto che la vittoria sia rossa o blu. Ma le differenze sono minime nelle questioni più importanti.

READ  La fiducia nelle cadute di Biden - VG

Tutti vogliono combattere il famigerato crimine dei gangster con mano pesante. La questione della NATO è un “affare concluso”. Anche gli scettici Saussar sono aperti a più energia nucleare e possiamo andare avanti così. Sì, anche nella politica dell’immigrazione i partiti sono, per così dire, sulla stessa pagina, anche se le descrizioni tra di loro su quanto sia brutto o stupido l’avversario in questa questione ancora delicata nella politica svedese.

La realtà degli svedesi durante la crisi dei rifugiati del 2015/2016 e dei Democratici svedesi (SD) hanno vinto la battaglia per la narrazione della “casa del popolo” del nostro tempo: una struttura fatiscente, costruita senza adeguate planimetrie o piani per la manutenzione necessaria.

Laddove una volta avevi l’etichetta razzista scolpita sulla fronte se alludevi a problemi, ad esempio, con la segregazione sociale lungo linee razziali, ora i primi ministri dei socialdemocratici usano espressioni come “Somalitown”.

È così che ti stropicci gli occhi.

È comune usare parole grosse sulla Svezia. Trump, che non si è calmato, ha messo in guardia la Svezia. Nella retorica di destra in Norvegia, per molto tempo si poteva solo dire “Svezia …” e tutti ridevano ad alta voce, perché il paese era “semplicemente stupido”.

Questa è, ovviamente, un’esagerazione selvaggia. La Svezia è uno dei paesi migliori e più gestiti al mondo. Anche senza petrolio e gas, la Svezia è una macchina economica ben oliata. Il paese è ben integrato nell’Unione Europea e presto nella NATO (possiamo crederci) e ha un punteggio elevato nella maggior parte delle classifiche.

Ma c’è però qualcosa che non va nel paese svedese, quasi a dirlo con il principe Amleto di Shakespeare. Criminalità tra bande, sparatorie, alieni, apartheid, il contrasto tra città e campagna: la narrazione del paese più nuovo del mondo è sempre stata sfidata con una narrativa di decadenza, e sia la Norvegia che la Danimarca, senza dimenticare la Finlandia, superano gli svedesi nel Campionati nordici per essere i migliori e i più felici della società.

READ  22 morti alla stazione ferroviaria ucraina - attacco a treni presumibilmente presi di mira - NRK Urix - Notizie e documentari esteri
Svolta: è molto probabile che la “risposta politica svedese a Voldemort”, Jimmy Okesson, sia il vincitore delle elezioni di quest’anno.

Laddove in passato la Svezia è sempre stata anni avanti a noi, è nella direzione opposta. Gli svedesi restano indietro. Gli sfortunati, quasi insignificanti democratici svedesi hanno ottenuto la loro svolta finale nelle elezioni di quest’anno, indipendentemente dal blocco che alla fine vincerà le elezioni.

Ma i populisti norvegesi e svedesi, e ovviamente la destra finlandese, lo fanno da molto tempo. Sì, ci sono grandi differenze tra i partiti di estrema destra nei paesi nordici, ma riempiono tutti lo stesso spazio politico – come un’esibizione di elettori disamorati, alla destra del partito borghese tradizionalmente più grande su questioni di cultura e valori, ma anche un po’ di più sulla politica economica.

SD potrebbe ottenere più del 20 percento nelle elezioni di oggi, il che è eccitante, ma non di molto. Almeno non se consideriamo la Svezia come uno dei tanti paesi e non qualcosa di eccezionale, come spesso facevano gli stessi svedesi.

Nelle elezioni generali del 2005, era chiaro che il partito FRP era il più grande partito borghese in Norvegia. È facile dimenticare quanto fosse controverso il partito Karl Hagen nella politica norvegese negli anni ’80, ’90 e ’80. In Danimarca, il Partito popolare danese, un tempo di successo, è quasi crollato, ma la difesa (un po’ mitica) del danese è stata sostituita, alla maniera danese, da molti altri partiti che svolgono più o meno lo stesso ruolo.

Susarna, il Partito Socialdemocratico Svedese dei Lavoratori (SAP), il più grande e potente partito operaio della regione nordica, nonostante tutti i solchi e le fratture nella barriera popolare, ha mantenuto una forte presa sulla politica e sulla società svedesi, e anche attraverso la politica del turbolento periodo di Lovanio. Se oggi il Primo Ministro Magdalena Anderson riuscirà a vincere le elezioni di oggi, non sarà un’impresa da poco.

READ  Il tribunale russo decide se le organizzazioni marittime sono estremiste - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Il partito del primo ministro danese Mette Frederiksen è spesso visto come un modello per ciò che la socialdemocrazia deve contribuire ora con l’avvicinarsi del ventunesimo secolo. Forse si dovrebbe, almeno altrettanto facilmente, guardare alla Svezia.

O – oppure: il nuovo primo ministro svedese sarà Olaf Christerson, un moderato, o l’attuale primo ministro, Magdalena Andersson (S).

Perché i sondaggi d’opinione mostrano che Magdalena Anderson, al potere da meno di un anno, si dirige verso un forte risultato elettorale nella sua prima elezione a leader del partito. È più probabile che i socialdemocratici avanzino rispetto all’ultima volta e riceveranno il sostegno di quasi un terzo dell’elettorato. È un supporto che Jonas Gahr Støres Ap può solo sognare in questo momento.

Nonostante l’ululato di molti venti di crisi in Europa, Andersen ha tenuto duro e ha usato il raro anno in cui ha governato per consolidare la sua già potente posizione di politico più popolare della Svezia. Il contendente alla carica di presidente del Consiglio, Ulf Christerson di Modratrina, invece, soffre di favoritismo, e non è riuscito ad ottenere “Magda” nei numerosi duelli tra loro in campagna elettorale.

Comprensibilmente, la maggior parte delle persone parla del Partito socialdemocratico sempre più consapevole e “trumpista” e di Jimmy Akesson, che ora è almeno a metà strada nella faida dalla parte borghese ed è probabile che diventi il ​​secondo partito più grande della Svezia. Ma la posizione dura di Susanna – e il ruolo emergente di Anderson come una sorta di “madre patriottica” nella nostra brutta epoca – non è stato sufficientemente comunicato.

È molto probabile che lei e i partiti cooperanti non saranno in grado di ottenere i voti necessari per vincere l’unico mandato necessario per mantenere il potere, e che il probabile perdente alle elezioni Christerson diventerà il nuovo primo ministro quando il nuovo Parlamento si riunirà per votalo. Il nuovo governo (la Svezia ha una cosiddetta inaugurazione – il che significa che il nuovo governo deve avere un voto di fiducia nell’Assemblea nazionale per entrare in carica) – con Jimmy Okesson come potente fornitore di nuove politiche di governo.

Ma anche così, la socialdemocrazia svedese è straordinariamente stabile.

Non è un risultato da poco in un paese che non è più il più moderno del mondo, ma uno tra tanti: un paese alla ricerca di una nuova narrativa nazionale.

Stasera si scrive un nuovo capitolo di questa storia. Scusate le parole grosse, sarebbe un vero shock.