Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Caro lettore di Tromsø: benvenuto su Skindbuksen

Ricordo come ieri: Nonostante abbia visitato molte volte Breelaton, Jonas, Futlofedt e Pizza Houset, nella mia vita peccaminosa, non avevo mai visto una discoteca come questa.

C’erano calzini di pelle Come bar e locanda dal 1728, in altre parole, Tromsø ha acquisito lo status di città 66 anni fa. Non c’è da stupirsi che qualcuno in viaggio per la prima volta nella storia interessato e senza speranza abbia quasi provato affetto religioso durante questa visita.

In primo luogo, è stata stabilita la posizione Come bar del Grand Cafe. A questo punto il bar aveva il nome Nr. 4, dal nome del suo numero civico. Fu solo negli anni ’30 che l’hotel divenne noto come Skintbuckson.

Sfondo per questa selezione di nomi Per molti anni, questo bar è stato la casa più popolare per i contrabbandieri / tassisti della città e una parte importante del loro abbigliamento da lavoro erano i pantaloni di pelle solida. (Un dirottatore è qualcuno che porta merci e persone in giro per la città usando cavalli e carri).

Sotto Skintbucks attraverso le scale Holward Birkland.
Foto: Privato

E se parliamo di camionisti. Dalla vita notturna di Tromsø, in realtà menzioniamo una storia simile. A metà del 20° secolo, Tromsø era la più grande città di contrabbando della Norvegia per popolazione e quando Ølhallen aprì nel 1928, oltre a pescatori e cacciatori, il pub divenne rapidamente la casa preferita dei contrabbandieri della città. .

Preso qui Di solito mangiano il pranzo, che include pranzi al sacco e una pinta rinfrescante o due. Il venerdì pomeriggio, dopo l’orario di lavoro, a volte erano le 7 e le 8 nei tipi di gommapiuma e, se l’autista non poteva lasciare la stanza da solo, lo aiutava a salire sul cavallo e sullo skateboard. , Dopo di che il cavallo ha trovato il suo indirizzo di casa.

È stato detto C’erano due posti all’interno della città in cui i rapitori si fermavano completamente, ogni volta che passavano per Ølhallen e Vinmonopolet. In altre parole: cambiare le cattive abitudini è doloroso.

L’ultimo rapitore della città, Ad Anderson ha guidato i suoi ultimi lotti di carri nel 1979, dopodiché è stato ospite regolare a Ølhallen fino alla sua morte nel 2015. Su una delle pareti di halhallen è appeso un dipinto di Odd Klaudiussen e un omaggio in forma poetica a due dei rapitori e regolatori della città menzionati di seguito, Odd Andersen e Arne Hansen.

Caro residente di Tromsø: Un caloroso benvenuto al Bo-Bi Bar

Sono quasi trecento anni Sul retro dei suoi pantaloni, Skindbuksen è uno dei più antichi editori di Copenaghen oggi. Nella stessa zona all’angolo si trova la discoteca Hviids Vinstu, fondata nel 1723, e l’Hotel d’Angleterre, uno dei primi hotel di lusso in Europa, fondato nel 1765.

Anche Tromsø All’inizio del 20esimo secolo c’era un caffè chiamato D’Anglitter, situato a Prostneset, e fu rapidamente ribattezzato Tangla nella normale Tromso.

Indirizzo dei calzini in pelle Lille Kongens è la Porta 4, quindi appartenente all’area geografica del centro città, che a suo tempo si chiamava Minefeldt.

L’area era nel 19 ° secolo Prendendo il nome da innumerevoli hotel, i clienti avevano un meraviglioso mix di artisti, Copenaghen assetata, prostitute e criminali.

In altre parole: È stato facile fare il vero botto qui, o il mio se volete, con le pericolose conseguenze che può avere sulla vita e sulla salute. Signore, lo ero! Il caffè dell’artista più famoso di Copenaghen in questo momento è senza dubbio il Cafe Bernina, fondato nel 1881 all’angolo tra Badstustrædet / Strøget.

Le grandi cose ai loro tempi erano qui Knut Hamson, Christian Croke, Amalie Scramm, August Strindberg e Edward Munch. In Bernina, Hamson era il re del partito:

“Abbiamo iniziato con tre o quattro panini aperti con snap danesi, poi abbiamo continuato con Lysholmer norvegese, whisky scozzese, Old Tom inglese, Curacao olandese, Cognac francese e Cerdosa italiano. .

Il caffè chiuse nel 1953.

A Tromsø, ovviamente, la comunità degli artisti Nel 17° e 19° secolo, la città dei Re è sempre stata molto più piccola di quanto potesse essere orgogliosa. Ciononostante, citerò i quattro locali notturni di Tromsø, che nel corso della storia hanno avuto una certa reputazione come luogo di ritrovo per bohémien, intellettuali e nostri artisti locali. I locali notturni a cui penso sono Stenberg’s Cafe and Restaurant, Sesame, Topan e Brylaton.

Stenbergs Cafe- & Restaurant è stata fondata nel 1904.
Foto: Privato

Stenberg, fondata nel 1904. Divenne presto noto come il Collegium Politics, un luogo di ritrovo per tutti coloro interessati a sciogliere il sindacato dalla Svezia nel 1905, e il luogo divenne gradualmente una casa popolare per giornalisti, scrittori in erba e politici locali. Volta. Il caffè si chiamava anche Boynes Force.

Sesamo, fondata nel 1969, Divenne la discoteca più frequentata da musicisti e appassionati di letteratura della città. Di solito qui vengono organizzate le cosiddette “serate U-pop” con sermoni, canti e letture di poesie.

All’ultimo piano del Polar Hotel, Il leggendario ristorante Toppen, considerato il primo locale notturno della città “boema locale”. È stato visitato da un’ampia varietà di figure culturali, attori, intellettuali e alcuni semi-intellettuali di HT. Uova di merluzzo, pane arrosto e fetta di limone, è il piatto più popolare del menu. Il ristorante è stato fondato nel 1983.

Arcivescovo, istituito nel 1975, Questo potrebbe essere il cortile di Tromsø che ha raccolto più ospiti dall’ambiente culturale della città. Il preside è diventato la stampella. Qui si incontravano musicisti di città, scrittori, originari della città, universitari, politici, sì, anche Sami qui aveva il proprio programma tribale.

Tromsø più Copenaghen Vero!

Hai un senso di esposizione minima? In termini di arredamento, sì, Skindbuksen non è il posto che fa per te. Qui entri in un seminterrato, un armadio, con ciondoli, dipinti sul soffitto, pianoforte, ritratti di ospiti abituali, vecchie bottiglie di birra e boccali in mostra. E ovviamente il mio cappello: non credevi che avessi trovato un posto sul muro “Ode to Copenhagen” firmato qui sotto.

Qui ti incontri Copenhageners vivaci, divertenti e adeguatamente animati, panini danesi, una cotoletta di vino, una birra e un delizioso strato in un attimo. E per non parlare del fatto che norvegesi e svedesi, ovviamente, marinavano un po’ più di un'”animazione adeguata” in generale. Il personale saggio, allegro e diplomatico, tuttavia, si assicura che tutto vada liscio e felicemente.

A volte suona il ritornello Rumoroso ed entusiasta in tutta la stanza e gli ospiti ballano ai tavoli. Lo adoro!

Caro residente di Tromso: Benvenuto in Skindbuksen.

READ  Kern Portal: gelide delusioni con Ring 3