Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Centinaia di ebrei nazionalisti di destra hanno manifestato a Gerusalemme – VG

NELLA CITTÀ VECCHIA: Martedì pomeriggio, i nazionalisti ebrei di destra con in mano la bandiera israeliana hanno ballato e cantato canti religiosi mentre attraversavano la parte islamica della Città Vecchia. Foto: Maya Alleruzzo / AP NTB

Nazionalisti ebrei di destra, inclusi alcuni che gridavano “Morte agli arabi”, hanno marciato nella Città Vecchia di Gerusalemme occupata, in segno di protesta da parte dei leader palestinesi.

Inserito:

Nazionalisti ebrei di destra, per lo più giovani, hanno ballato con la bandiera israeliana blu e bianca e hanno cantato canzoni religiose con musica ad alto volume. Una volta, dozzine di giovani hanno cantato “Morte agli arabi” e “Lascia che il tuo villaggio bruci”.

I palestinesi di Gaza hanno risposto etichettando palloncini fiammeggianti che hanno causato almeno 10 incendi nel sud di Israele.

In precedenza, 2.000 agenti di polizia israeliani sono stati chiamati in relazione al controverso raduno, che è stato grande ma sembra essere molto più piccolo di quello organizzato a maggio.

La polizia israeliana ha permesso ai nazionalisti di destra di percorrere la strada principale della Gerusalemme Est occupata, fino alla Porta di Damasco che conduce alla Città Vecchia. Non avevano il permesso di usare il cancello, ma potevano fare la cosiddetta danza della bandiera all’esterno.

L’esercito israeliano aveva inviato rinforzi nella Cisgiordania occupata, e c’era una maggiore prontezza lungo il confine con la Striscia di Gaza.

La cosiddetta marcia della bandiera si tiene solitamente il 10 maggio, anniversario dell’occupazione israeliana di Gerusalemme Est nel 1967.

Bandiera bruciata: I palestinesi hanno risposto bruciando la bandiera israeliana e cantando slogan anti-israeliani. Foto: Adel Hanna/AP/NTB

La guerra è finita

Quest’anno si è concluso con violenti scontri tra le forze di sicurezza israeliane e manifestanti palestinesi, e una guerra di 11 giorni tra Israele e Hamas ha causato la morte di 260 palestinesi e 13 persone dalla parte israeliana.

READ  La Turchia costruisce un muro gigante per prevenire i rifugiati - VG

Una delle ultime cose che il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu ha fatto prima di dimettersi la scorsa settimana è stata quella di dare ai nazionalisti di destra il via libera per fare un nuovo tentativo di marciare.

Lunedì il nuovo governo israeliano ha sostenuto la decisione, che alcuni commentatori israeliani hanno salutato come un tentativo di Netanyahu di alimentare il conflitto, e ha visto la fragile coalizione del primo ministro Naftali Bennett dividersi e riconquistare il potere.

eccitazione

Il primo ministro palestinese Muhammad Shtayyeh descrive la marcia come provocatoria.

“Avvertiamo le pericolose conseguenze delle forze di occupazione che consentono ai coloni israeliani estremisti di svolgere la marcia della bandiera”, ha scritto lunedì su Twitter.

Hamas, che ha influenza nella Striscia di Gaza, ha invitato i palestinesi a “resistenza coraggiosa” e ha chiesto manifestazioni nella Città Vecchia.

“Dobbiamo opporci agli occupanti e resistere con tutti i mezzi per fermare i crimini e la loro aggressione”, ha affermato la leadership di Hamas in una nota.

Gli Stati Uniti hanno anche messo in guardia contro lo svolgimento della marcia.

– A nostro avviso, è molto importante non prendere provvedimenti che aumentino la tensione. Abbiamo visto tutti perché è scoppiata l’ultima ondata di violenza e sappiamo tutti quanto sia delicata la situazione, ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato all’inizio di questo mese.

Provocatore: Itamar Ben Gvir, che guida il partito Jewish Power, è un provocatore di estrema destra in Israele. Sulla parete del suo soggiorno ha una foto di Baruch Goldstein, che ha massacrato 29 palestinesi nel 1994 durante la preghiera del venerdì in una moschea di Hebron. Ben Gvir è uno dei più forti sostenitori della marcia della scienza. Foto: AP/NTB

Estremisti di destra

Il leader del partito sionista di estrema destra, Bezalel Smotrich, era tra i più desiderosi di organizzare la manifestazione.

READ  Un orribile omicidio: una famiglia bruciata a morte

Smotrich, che era ministro dei trasporti nel governo di Netanyahu, nel corso degli anni ha fatto una serie di dichiarazioni e proposte controverse, inclusa la richiesta alle forze di sicurezza israeliane di “sparare per uccidere” i lanciatori di pietre palestinesi.

Anche il partito Jewish Power, composto dai sostenitori del defunto rabbino ed estremista di destra Meir Kahane e del suo partito Kach, bandito e bollato come terrorista in Israele nel 1988, ha tirato le fila.

Il leader del partito Itamar Ben Gvir è una figura provocatoria di estrema destra, che ha un ritratto dell’assassino di massa Baruch Goldstein sulla parete del soggiorno e si è espresso a favore del rifiuto dei cristiani, che ha descritto come “vampiri assetati di sangue”, dal celebrare Natale in campagna.