Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Chat room sicura per la comprensione reciproca

Attraverso il dibattito culturale, Andrea Kotlikova creerà spazi più sicuri per le minoranze.
Foto: Claudio Castillo

(Punto esclamativo in Slovacchia): In una piccola stanza nel centro di Bratislava, Andrea Kotlikova e la sua famiglia si sforzano di creare sicurezza e comprensione reciproca tra le diverse culture in Slovacchia.




51Coinvolti

Ultimi messaggi di Claudio Castillo (mostra tutto)

Kutlikova è una sostenitrice dell’istruzione e un’operatrice culturale, ed è stata coinvolta personalmente, tra le altre cose, nella difficile situazione dei Rom, avendo vissuto lei stessa con un background Rom.

Gestisce quotidianamente l’Istituto Culturale Kalapp, che si concentra sul dialogo tra le minoranze slovacche e la maggioranza della popolazione.

Gestisce il centro con la sua compagna, sorella e marito, che era un insegnante di lingue per gli slovacchi etnici in Romania.

– In quanto persona a maggioranza slovacca, non ero a conoscenza dei problemi che i Rom hanno dovuto affrontare nel paese. Solo quando ho avuto un coinquilino, un coinquilino, ho ottenuto la proprietà personale delle sue sfide nella comunità, ha detto a Otrop.

Contrappeso all’estrema destra

Il centro è nato sei anni fa, dopo aver aumentato il sostegno degli elettori ai partiti di estrema destra.

– Non solo a Bratislava, ma anche in tutto il paese, le idee che promuovono la xenofobia e l’intolleranza hanno conosciuto una rinascita. Abbiamo pensato che la creazione di un tale centro potesse fungere da contrappeso. Abbiamo notato che la maggior parte delle persone parla raramente o con le minoranze, e quindi spesso come parte di un’attività culturale che si svolge una o due volte l’anno in un forum pubblico. Volevamo rendere questo qualcosa di più comune.

Gli eventi che si svolgono nel centro culturale hanno spesso come gruppi target anziani e giovani.

READ  La BRI ritiene che la moneta della banca centrale digitale sarà un'alternativa interessante alla criptovaluta - E24

– Abbiamo laboratori per bambini delle scuole e anziani, in modo che possano conoscere meglio le questioni relative alle minoranze etniche.

Data di immigrazione sconosciuta

A Clapp sono tante le attività e gli incontri artistici.

– Stiamo anche cercando di collaborare con altre ONG, perché crediamo che gli sforzi congiunti aiuteranno a combattere l’intolleranza prevalente in Slovacchia. L’intolleranza è comune perché non conosciamo gli “altri” e la nostra storia di immigrazione.

L’organizzazione collabora anche con associazioni slovacche all’estero.

– In Serbia ci sono circa 50.000 persone di origine slovacca, cosa sconosciuta qui. Penso che abbia a che fare con il fatto che molte persone hanno l’idea che lo status di minoranza sia qualcosa che “scegli”. Quando si tratta degli slovacchi che ora vivono in Serbia, si tratta del fatto che hanno vissuto nello stesso posto per diverse generazioni, dall’impero austro-ungarico (1867-1918).

I confini stanno cambiando e dobbiamo pensare a noi stessi più come cittadini del mondo che come cittadini di una nazione, pensi.

Rifugiati e minoranze sessuali

Anche i rifugiati e i richiedenti asilo, così come le persone con disabilità e le persone con un background LGBT+ sono altri gruppi coinvolti nelle attività.

La Slovacchia è in ritardo rispetto agli altri paesi europei in generale per quanto riguarda l’inclusione di vari gruppi minoritari. Quindi è importante per noi mettere le cose all’ordine del giorno, che si tratti di serate di cinema, serate di lettura o altre attività.

Crede che la chat room sia già stata ampliata durante la pandemia.

La chiusura ha posto fine alle attività fisiche ea tutte le attività di viaggio. La soluzione era fare tutto ciò che potevamo fare online, in particolare blog e gallerie online. Abbiamo guadagnato più seguaci da fuori Bratislava, non da ultimo dagli slovacchi all’estero.

READ  Perché ci svegliamo disperati piangendo, urlando e ridendo?

Mostre d’arte sull’immigrazione

All’interno della stanza, Kutlikova ci mostra con orgoglio diversi dipinti che vengono mostrati più volte all’anno.

La chiamiamo “l’arte dell’immigrazione”. Molti slovacchi che vivono all’estero hanno una sorta di idea onirica sul paese, quindi quando vengono qui subiscono una sorta di shock culturale e orientato alla realtà. Per loro, l’arte è un modo per trovare una connessione con la Slovacchia. I nonni oi bisnonni spesso raccontavano loro storie di com’era.

I contributi artistici provengono dalla cittadina di Kovacica, situata nel nord della Serbia, famosa per il suo stile ingenuo. Le autorità culturali serbe e slovacche stanno cercando di porre l’arte minoritaria sotto la protezione dell’UNESCO.

– Una delle cose più divertenti è che i dipinti non sono realizzati da artisti professionisti, ma da persone che lavorano in agricoltura o su cose completamente diverse.

Porta argomenti proibiti

Il centro culturale sembra quasi una casa con soggiorno e cucina. Qualcosa che Kutlikova crede sia intenzionale.

– Le persone dovrebbero sentirsi a casa qui, soprattutto considerando che abbiamo a che fare con cose che sono spesso argomenti tabù nel contesto slovacco. Cose come l’estremismo, il razzismo e l’orientamento sessuale. Qui dovresti sentirti al sicuro e aperto a parlare insieme. Riteniamo che sia importante non concentrarsi troppo sul fatto che tu abbia uno sfondo o un altro sfondo, ma invece avere un focus umano.

La lettura come strumento di empatia

Esempi che cita sono le serate di libri, in cui i cani invitano spesso giovani con una qualche forma di minoranza (zingari, rifugiati, omosessuali), di solito studenti, insieme alla maggioranza slovacca più anziana.

– Anche durante la pandemia, questa era una procedura comune, poiché le persone si incontravano tramite piattaforme online. Prima della pandemia, abbiamo letto, tra le altre cose, un libro in cui un giovane gay era il personaggio principale e abbiamo sperimentato che questo offriva ai lettori conservatori e più anziani un’apertura a un mondo che non conoscevano.

READ  Vivi l'incubo del noleggio: questo è ciò a cui devi prestare attenzione - NRK Norvegia - Una panoramica delle notizie da diverse parti del paese

Kutlikova ha concluso che questo è un modo molto migliore per avere una discussione che semplicemente avere un “dibattito sui diritti puri” con fronti scoscesi.

Leggendo, abbiamo stabilito una comprensione comune dell’empatia. Non è necessario cambiare la propria visione del mondo, ma attraverso una visione della “realtà dell’altro” si vede la persona che non si conosce come un essere umano con diverse prospettive di vita. Qui si tratta di pura umanità.

Invasione degli ucraini

Kotlikova ritiene che il dibattito sull’immigrazione sia cambiato dalla crisi dei rifugiati nel 2015.

Cinque anni fa ho lavorato per integrare i rifugiati siriani, e allora l’opinione era completamente diversa. Pochi di loro sono venuti in Slovacchia, ma hanno lottato per ottenere l’ammissione. Ora sono arrivati ​​migliaia di ucraini e il tono del dibattito politico è che “dobbiamo aiutare”.

In futuro, Clapp lavorerà anche con progetti rivolti agli ucraini appena arrivati, che stanno fuggendo dalla guerra nella loro patria.

– Dopo quello che è successo, molti slovacchi hanno capito che dovresti avere un atteggiamento più aperto nei confronti di coloro che vengono nel nostro Paese. L’Ucraina è il nostro vicino e lo stesso può succedere a noi.

Questo caso fa parte del viaggio di studio di Utrobe nel paese, realizzato con il finanziamento dello Spazio economico europeo