Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Chi può riempire il vuoto lasciato da Angela Merkel?

Le dimissioni della Merkel l’8 dicembre, dopo 16 anni come primo ministro, non solo hanno inaugurato una nuova era in Germania, ma hanno anche sconvolto gli equilibri di potere nell’Unione europea. Chi vuole sostituire la madre nazionale tedesca non può mancare di autostima né di ambizione.

Angela Merkel è considerata uno dei politici più importanti della sua generazione. È vista come la leader de facto dell’Unione Europea e “leader del mondo libero”, ha detto all’AFP Sebastian Reich della IESE Business School in Spagna.

Un sondaggio di opinione condotto dal Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR) Questa caduta ha mostrato che il 41% dei cittadini dell’UE avrebbe votato per Angela Merkel e il 14% per il presidente francese Emmanuel Macron come “presidente dell’UE” se avesse potuto.

Crisi anticipate

I critici sottolineano che le tattiche della Merkel di anticipare le crisi e dare priorità agli interessi economici, comprese le relazioni con Russia e Cina, non hanno accelerato l’integrazione europea.

Tra quelli menzionati per poter ricoprire il ruolo di Merkel c’è il suo successore e leader della più grande economia europea, Olaf Schulz (63).

Altri due forti rivali provengono dall’estremo sud dell’Europa: il presidente Emmanuel Macron (44) ha un sogno francese di lunga data di diventare il più importante d’Europa, mentre il primo ministro italiano Mario Draghi (74) ha portato stabilità in un paese che si è distinto. Problemi e scandali.

– Draghi potrebbe colmare il vuoto dopo Angela Merkel come creatore di consenso al Parlamento europeo. “Rispetto all’approccio cauto della Merkel, potrebbe aggiungere un nuovo dinamismo ai principali settori dell’Unione europea”, ha detto all’Afp Nicoletta Pirosi dell’istituto di ricerca italiano Instituto Avari Internacional.

READ  Il più grande trivsel av alle videregående skoler i byen

Mario Draghi è stato anche menzionato come un candidato caldo alle prossime elezioni presidenziali di gennaio. Molto dipenderà da come l’attuale presidente Sergio Mattarella (80) riuscirà ad attuare il piano di ricostruzione dell’UE.

– Pirosi ha osservato che le elezioni presidenziali italiane di gennaio potrebbero cambiare radicalmente il quadro principale poiché Draghi è stato identificato come uno dei potenziali candidati più credibili.

Una visione forte dell’Europa

Il francese Emmanuel Macron assumerà la presidenza dell’Unione europea dal nuovo anno. Disse che l’obiettivo era governare il mondo come un’Europa forte, completamente indipendente e libera di decidere del proprio destino.

Le dimissioni della Merkel potrebbero portare il presidente francese a realizzare la visione di sviluppare un’Europa forte. Macron ha avuto questa visione da quando ha preso il potere, afferma Alexandre Robine Burgomanu dell’Institut Montaigne.

Macron affronterà una sfida in una nuova elezione presidenziale questa primavera poiché l’estrema destra presenta una sfida. Indipendentemente dall’esito di queste elezioni, la Francia sarà probabilmente preoccupata per molto tempo dalla politica interna. Limita la capacità del paese di sviluppare una visione grandiosa per l’Europa.

Alla guida del G7 tedesco

Il primo ministro socialdemocratico tedesco Olaf Schulz potrebbe cogliere l’opportunità di diventare il successore de facto della Merkel in Europa ora che la Germania ha assunto la presidenza del Gruppo dei Sette principali nazioni industrializzate. Ma secondo le analisi, Scholz non poteva copiare il metodo di governo e successo del suo predecessore.

Nel nuovo mondo, la Merkle non è la risposta. Una politica di neutralità e di evitare soluzioni dure alle sfide dell’Europa non sembra essere un buon approccio alle sfide che dobbiamo affrontare, affermano Pjotr ​​​​Buras e Jana Puglerin presso il Centro di ricerca ECFR.

READ  - Haaland sceglie il Real Madrid - VG