Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Chiaro in Europa – con problemi

Molti vedono Lucit come la Tesla degli anni ’20. Ci sono ambizioni. Ci sono costruzioni avanzate. Sogni – in pieno svolgimento. Come si riconoscono obiettivi irrealistici e piani impraticabili.

Inoltre, puoi trovare molti ex leader di Tesla nel team Lucid di oggi.

Il boss, Peter Rawlinson, è considerato uno dei veri padri di Tesla.

Il prezzo delle azioni è sceso del 20 per cento quando ha lasciato la nave. – Quando le cose non erano più fredde, ci ha lasciato privi di sensi, ma è diventato davvero difficile, ha detto Elon Musk dell’ex dipendente.

Erich Bach è stato l’ingegnere capo alla Volkswagen per diversi anni e poi alla Tesla per tre anni. A basso peso è molto maniacale e ha persino ricostruito le luci per ridurre il peso. Sembra costoso per una start-up.

Peter Hossholdinger era il Production Manager di Tesla e ha lanciato la Model 3. Musk lo ha incolpato quando si è lamentato dell’inferno della produzione in Arizona. Ora è responsabile dell’aumento del tasso di produzione presso Lucid.

Leggi anche: 800 km + con una sola carica

Presenta sicuramente problemi.

Certo, sono riusciti “più del previsto” nel primo trimestre. 360 auto, divenne. Ma l’obiettivo di quest’anno di 20.000 auto è stato abbandonato da tempo. 12-14.000 dice Rawlinson ora.

Massimo Gli spettatori esterni dicono 9-11.000.

La prima versione, chiamata Air Dream Edition, sembra molto futuristica e costa 218.000 euro, più della più costosa Tesla.

Le specifiche sono 1111 cavalli e gamma da 2,7 a 100, con un’autonomia di 800 chilometri.

In ambito Bach si discutono altre figure: ad esempio 143 brevetti e 8 pendenti. (Alla Tesla – ma sono passati più di dieci anni – 509 brevetti e 258 in attesa!).

READ  Leggenda del calcio italiano sulla rosa dei Mondiali: - Calunniosa e pazza

Peter Rawlinson è un freddo investitore molto preoccupato per il clima.

A novembre, il prezzo era di quasi $ 46. Adesso ha meno di 20 anni.

Sono uno dei principali investitori nel “fondo petrolifero” dell’Arabia Saudita e hanno ordinato un gran numero di 100.000 auto nei prossimi dieci anni.

Si parla persino di costruire una fabbrica separata lì, cosa che la maggior parte delle persone considera una cattiva idea. Nessuna tradizione professionale. Nessuna rete di subappaltatori. Mercato davvero molto piccolo.

Il prossimo capitolo viene ora scritto dai primi clienti europei di alta qualità. Sarà emozionante da leggere.