venerdì, Luglio 19, 2024

Christophe a pochi centimetri dalla vittoria: la corsa di massa si è conclusa con applausi e fanfare italiane nella zona del traguardo

Must read

Graziella Allesi
Graziella Allesi
"Pioniere della cultura pop impenitente. Piantagrane freelance. Guru del cibo. Fanatico dell'alcol. Giocatore. Esploratore. Pensatore."

Alexander Kristoff (32) ha disputato una gara di artiglieria, ma è arrivato secondo nella tappa di martedì.

Qui Alexander Kristoff precede l’italiano Elia Viviani di soli pochi centimetri.

Tappa 4 Reims-Nancy (213,5 km)

Alexander Kristoff è stata la grande speranza norvegese nella quarta tappa del Tour de France di quest’anno.

Sul palco piatto di Nancy, il breakout è stato stabilito presto. Tuttavia, verso la fine, la piazza principale ha mantenuto un ritmo elevato e ha raggiunto i separatisti a circa 16 chilometri dalla fine.

E così è diventata una gara a squadre. Christophe era in gran forma.

– Accetta, accetta! ha esclamato il commentatore di TV 2 Christian Pasch.

Ma per Christophe non ha funzionato. Il norvegese è arrivato secondo.

– Era quasi come se non ce l’avessi. Forse sono un po’ in ritardo, ma oggi ero vicino, dice Kristoff a TV 2 dopo il finale.

L’italiano Elia Viviani ha vinto la tappa. È stata la prima vittoria in assoluto del Tour de France per il trentenne.

– Sono molto contento. Ho vinto il Giro d’Italia e la Vuelta a España. Ora ho anche una vittoria al Tour de France. Questo significa molto per me, ha detto il vincitore in un’intervista televisiva su TV 2.

Alexander Kristoff ha dato il massimo, ma non è bastato per ottenere la vittoria.

Alexander Kristoff ha dato il massimo, ma non è bastato per ottenere la vittoria.

Rumore dopo il traguardo

Dopo l’arrivo c’è stato il caos in zona arrivo. Il danese Michael Murcoff è finito in una rissa con un fotografo.

-Stavo per essere ridicolizzato da molti fotografi. È una mancanza di rispetto nei confronti dei ciclisti che hanno appena percorso 215 chilometri in bicicletta, afferma Murkov. TV danese 2.

– Era la televisione francese. Per due volte ho avuto un’enorme macchina fotografica nella mia testa. Non so cosa pensi un fotografo del genere.

Quando TV 2 ha parlato con Christophe pochi secondi dopo essere arrivato secondo, hanno dovuto interrompere l’intervista. Kristoff era sul punto di cadere ed era chiaramente spinto nel caos generale.

– Stai tranquillo, dannazione! ha urlato Christophe ai fotografi che circondavano il vincitore Viviani a pochi metri di distanza.

– E’ il caos più totale. Il corrispondente di TV 2 Sindri Olsen, presente sulla scena, ha detto che il posto era troppo stretto per troppe persone e troppi ciclisti.

Edvald Boasson Hagen è stato il leader dello sprint per il suo compagno di squadra Giacomo Nizzolo. L’italiano è arrivato settimo.

Il resto dei norvegesi ha trascorso una giornata tranquilla e controllata nella piazza principale.

– A mezza ruota dalla vittoria

Il finale è stato molto frenetico. Christophe era in testa al suo compagno di squadra Jasper Philipsen prima che la gara iniziasse a poche centinaia di metri dal traguardo.

– Penso che fosse meno di mezza ruota. “Ho visto che ho perso, ma non è stato di molto”, dice Christophe.

-Jasper ha fatto un ottimo lavoro. Ha fatto tutto perfettamente e dipendeva tutto da me. “Sto correndo contro i piloti più veloci del mondo e so che sarà difficile batterli, ma oggi ero vicino”, dice.

Caleb Ewan era terzo.

Elia Viviani riceve la prova di aver vinto la quarta tappa del Tour de France di quest'anno.

Elia Viviani riceve la prova di aver vinto la quarta tappa del Tour de France di quest’anno.

Pronosticare la possibile vittoria di Kristoff

Negli ultimi anni, Christophe si è comportato meglio nelle tappe sprint con un finale più difficile rispetto alla tappa di martedì.

Tuttavia, prima della partenza si è parlato molto di una possibile vittoria di tappa norvegese.

-Ho fiducia che continuerò domani. Kristoff ha detto dopo il traguardo lunedì che c’era una reale possibilità di vincere.

A circa 15 chilometri dal traguardo i corridori dovevano salire sulla quarta categoria. L’allenatore e patrigno del norvegese, Stein Orne, ha pensato che fosse un traguardo adatto per Christoph.

– La tappa è simile alla tappa Milano-Sanremo, che Christophe ha vinto nel 2014. La velocità dei treni in arrivo aumenterà di nuovo, ma penso che abbia una possibilità. La sua più grande opportunità nelle corse, ha detto Orn all’Aftenposten prima dell’inizio del Tour de France.

Tuttavia, ciò non ha contribuito alla vittoria. Christophe alla fine è arrivato secondo.

READ  Mali Næss ha giocato all'RBK tutte le partite di campionato dal 2014 - NRK Trøndelag

More articles

Latest article