Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Ci sono molti che non ne parlano. Chi non dice com’è

Il calcio non è uno sport facile, asino. È un gioco mentale che può stancare. Immagino che sia per questo che apprezzo molto tornare a casa per una piccola vacanza, rilassarmi e stare lontano.

Parla del 2021 che suona come “molto più di un anno”.

Ora è finalmente il momento di respirare.

I vecchi coni e le gomme sicure lasciano spesso spazio alla riflessione. Guardare indietro. Cosa è stato elaborato.

Anche per Aron Leonard Donnum.

TV 2 incontra il file di calcio a casa durante una breve visita alla loro casa d’infanzia a Eidsvoll.

– Questa è la mia prima intervista con il norvegese da quando me ne sono andato, dice Dunnum. Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

Cosa successe veramente?

Contraddizioni

Il 23enne era il colore gioioso della palla sull’ala del Vålerenga che ha fatto proprio come voleva alle Elite Series questa primavera.

Piaciuto e odiato.

È stato il catalizzatore che ha fatto il suo debutto per il suo paese a giugno e solo un mese dopo ha realizzato il suo sogno di suonare professionalmente all’estero.

Sono passati circa sei mesi troppo belli per essere veri. Poi è arrivata la caduta.

Volo: Aron Dønnum con il cane di famiglia, Doffen.  Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

Volo: Aron Dønnum con il cane di famiglia, Doffen. Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

L’autunno avrebbe potuto essere più impegnativo di quanto avesse immaginato.

Ci sono molte persone che non parlano di cosa significhi entrare in un nuovo club in un nuovo paese. Ci sono molti che non dicono com’è, dice Dønnum.

Trucco Rolex: – Mi spingo

Riportiamo l’orologio a maggio.

Poco prima dell’inizio della serie, Dønnum è apparso in un’intervista con VG con i compagni di squadra Amor Layouni e Vidar Örn Kjartansson.

L’attenzione si è concentrata sugli orologi Rolex molto costosi prodotti da Vålerenga, e ha attirato molta attenzione – nel bene e nel male – nel prossimo.

– Lo vedo come qualcosa di divertente, Dønnum inizia con un sorriso.

Vincere: Dønnum ha distrutto Vålerenga all'inizio dell'estate.  Qui nella partita contro il Bran, dove ha segnato due dei tre gol della capitale.  Foto: Marit Humidal/NTP

Vincere: Dønnum ha distrutto Vålerenga all’inizio dell’estate. Qui nella partita contro il Bran, dove ha segnato due dei tre gol della capitale. Foto: Marit Humidal/NTP

Io prospero e ottengo il meglio quando le aspettative sono alte e quando c’è un po’ di pressione intorno a me. Quando faccio piccole cose, questo a sua volta porta allo stress.

Ha risposto rapidamente all’accusa con due gol contro Bran nel secondo turno della serie. Nella celebrazione che seguì, ovviamente, continuò a dipingere un Rolex su un cinturino al polso.

È stato creato il profilo più grande della serie Elite.

Il grande gioco è continuato per tutta la primavera.

E dopo quello che pensava fosse un addestramento perfettamente normale, all’improvviso ha ricevuto il messaggio che in precedenza aveva sognato solo una volta:

Qui Dønnum riceve il messaggio: – L’uomo grasso è stato eliminato!

“È il momento più importante della mia carriera fino ad ora”, dice seriamente, quando gli viene chiesto della selezione della squadra nazionale.

– Sono rimasto colpito. Mi sono concentrato un po’ sulle aspettative della squadra nazionale, ma quando succede per la prima volta, è incredibilmente grande – e diventi così mediocre.

– Volevo mantenere il mio posto

Il sogno della nazionale si è avverato quando è stato sostituito dal Lussemburgo all’inizio di giugno.

E solo sei settimane dopo, il prossimo sogno d’infanzia stava aspettando. Il club belga Standard Liege ha reso Dønnum l’accordo di trasferimento più costoso nel 2021.

Infine, ha dovuto mettere alla prova la sua vita come professionista straniero. Doveva essere celebrato, ovviamente con il nuovo Rolex.

– Ora l’avventura all’estero era in corso, ricordò Dunnum.

Grandi aspettative: Dønnum ha conquistato la prima pagina della più grande rivista di calcio del Belgio dopo essersi trasferito allo Standard Liège.  Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

Grandi aspettative: Dønnum ha conquistato la prima pagina della più grande rivista di calcio del Belgio dopo essersi trasferito allo Standard Liège. Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

La scelta del club è stata ben ponderata. Voleva continuare a crescere ad un livello più alto, ma allo stesso tempo non era quello che descrive come un “progetto a lungo termine”, visto che ha dovuto mettersi in panchina senza tempo per giocare.

Volevo andare da qualche parte dove potevo mantenere la stessa posizione che avevo costruito qui in Norvegia.

Il primo incontro con il Belgio è stato grandioso. Racconta di quanto fosse “ubriaco” quando è arrivato, e si è convinto presto che la scelta fosse giusta.

– Sto arrivando, il posto è lì. La promessa era che avrei potuto giocare tutte le partite.

– Era tutto diverso, ma io e il direttore sportivo e il mio agente (Jim Solbakken, riviste. NB) abbiamo parlato molto del mio ruolo quando si trattava del mio tempo di gioco e della mia posizione nella squadra. Sono stato la loro più grande trasformazione quest’anno, quindi era tutto pronto per essere molto buono.

Nella prima settimana di allenamento, Danum si è sentito davvero bene. Pieno di energia, pieno di fiducia e di bocca aperta, come una volta. Allo stesso tempo, era qualcosa di completamente diverso da quello a cui era abituato.

Bandiera sul petto: esordio di Dunum in Norvegia contro il Lussemburgo a giugno.  Foto: Geir Olsen / NTB

Bandiera sul petto: esordio di Dunum in Norvegia contro il Lussemburgo a giugno. Foto: Geir Olsen / NTB

Ha sottovalutato quelle che pensava fossero differenze culturali marginali dalla Norvegia al Belgio, ma tutto era sconosciuto.

– Ho scoperto presto che il ritmo era più alto e dovevo resettare le cose molto più velocemente di prima.

Ha perso molta fiducia in se stesso

Tuttavia, il debutto non poteva essere migliore. A un quarto d’ora dalla fine, viene sostituito, prendendo il secondo posto nel punteggio che regala allo Standard Liegi la vittoria ai tempi supplementari. Inizierà le prossime tre partite. Descrive i suoi successi come “assolutamente buoni”.

Rende le cose facili. Non sbaglieremo.

Ma lungo la strada, ha scoperto che l’allenatore e il direttore sportivo non condividevano la stessa opinione sul costoso acquisto dalla Norvegia.

Separazione: – Non mi sveglio quando sono a casa, Danum sorride. Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

Per me, una buona comunicazione è molto importante e cruciale in tutte le relazioni, non ultime con il coach e il datore di lavoro. Quando la comunicazione era scarsa, le cose diventavano molto frustranti. Se non era personale da parte dell’allenatore, era abbastanza ovvio che qualcosa non andava.

Inoltre, è stato offerto in panchina in diverse partite. E quando ha anche saputo prima della partita di essere stato completamente espulso dalla squadra, la frustrazione ha raggiunto un nuovo livello.

Donnum prese il telefono.

– Ho chiamato Jim ei miei genitori. “che cosa sta succedendo?” Ricorda la domanda.

Il tempo che seguì fu duro.

 Foto: insegnante A. Midtmageli

Foto: insegnante A. Midtmageli

Ho sbagliato i passaggi dei due metri. Le cose semplici non hanno funzionato del tutto, perché la testa è piena di altre cose oltre a cosa fare in campo

Aaron Dunnum

Capisce perché: – Comfort

Dopo un po’, è stato riferito che l’allenatore era stato licenziato. La notizia è arrivata all’improvviso, ma non è stata del tutto sorprendente, ha detto.

Ha gradualmente capito sempre di più cosa stava succedendo dietro le quinte.

– Ho capito che il direttore sportivo e l’allenatore non erano d’accordo sui dettagli del mio trasferimento. Era confortante in molti modi, diventando un’affermazione che le cose intorno a me erano piene di conflitto. Non era personale, ma era qualcosa tra il direttore sportivo e l’allenatore dell’epoca.

– era difficile. Quando sono arrivato, ero me stesso. Lascio andare le persone e ho una fiducia in me stessa completamente diversa. Mentre in quel periodo le cose non vanno, esce ogni canna al posto della canna dentro. Ho sbagliato i passaggi dei due metri. Le cose semplici non hanno funzionato del tutto, perché la testa è piena di cose diverse da quelle che si devono fare in campo.

La mancanza di tempo per giocare è stata anche la ragione della sua esclusione dalla nazionale in questo periodo. Era pesante.

Fortunatamente, ha immediatamente testato l’armonia con il nuovo staff tecnico in Belgio come molto buona.

EROI LOCALI: Nel mezzo dell'intervista di TV 2, una macchina si ferma.  Uno spirito focoso esce dalla squadra sportiva per salutare - e abbracciare - il professionista straniero di Eidsvoll.  Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

EROI LOCALI: Nel mezzo dell’intervista di TV 2, una macchina si ferma. Uno spirito focoso esce dalla squadra sportiva per salutare – e abbracciare – il professionista straniero di Eidsvoll. Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

La conversazione che ha fatto girare le cose

Una conversazione in particolare ha cambiato tutto.

Ero così annoiato, sconvolto e sconvolto dentro da così tante emozioni, che ho persino iniziato una conversazione con il nuovo allenatore. L’ho preso da parte e ho spiegato la mia esperienza negli ultimi mesi. È stata una conversazione molto positiva e la base per un buon rapporto.

Non passò molto tempo prima che aspettassi un accordo contro il gigante Club Brugge. Dunnum l’ha vista come un’opportunità unica per distinguersi.

Ha iniziato la partita, ha segnato un gol e ha fatto un calcio di rigore. 2-2 sentito contro la capolista in trasferta.

– È stata la partita che ha fatto cambiare tutto.

Da allora, la buona curva è continuata. Ora è diventato una parte importante della squadra.

Nelle sue ultime dieci partite, è stato nominato come i quattro migliori in campo e ha segnato tre gol.

È felice». Infine.

– Gli ultimi mesi sono stati un grande boom, sorridendo.

L’autunno ha stravolto molto. Guardando alle nuove prospettive su come realizzare il sogno della maggior parte dei calciatori, vale a dire, i giochi professionistici all’estero.

Non è solo divertente.

 Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

Grazie per l’esperienza

– Sappiamo che sei un duro in campo, ma in che modo l’autunno ti ha influenzato come persona? È facile immaginare che molti professionisti stranieri si sentano soli?

– Posso essere duro con la mia faccia. Fa parte della mia personalità. Ma sento che l’onestà è ciò che mi distingue. Questo vale anche per cose di cui non è facile parlare. E aggiunge: “Solo una persona è colpita dalle cose che sono successe lì, prima di continuare:

La fiducia in se stessi, dalla quale si dipende completamente, scompare. Inizi a guardare gli errori che stai facendo e probabilmente non lo fai. Ma fortunatamente impari molto anche durante questi periodi. E questo è l’apprendimento che voglio portare con me.

Ha lavorato molto su se stesso per tutto questo tempo, ma non ha mai pensato all’idea di tornare a casa.

– Pensavo che il mio orologio stesse arrivando. Questo è l’atteggiamento che ho sempre avuto, dice Dunnum, ora chiaramente fiorente in Belgio.

– Ha circa un mese o due o tre mesi, e quanto si tratta di fare le scelte giuste e resistere a quella che potremmo vedere come una tempesta. Ma le tempeste passano. Se avessi preso le mie decisioni quando ero stanco e triste e le cose non andavano per il verso giusto, me ne sarei pentito oggi. Come giocatore di calcio, sei un po’ viziato e a volte perdi la prospettiva della vita. Ma sono molto fortunato, non molte persone sono fortunate come me. Ed è importante ricordare a te stesso, quando le cose si fanno difficili a volte.

Happy: Ora Dønnum sta finalmente prosperando in Belgio.

Happy: Ora Dønnum sta finalmente prosperando in Belgio. “Sono un allenatore migliore che mai”, afferma il 23enne. Foto: Guro Asdøl Midtmageli / TV 2

READ  Sport, combinata | Ebbene Westvold Hansen, il primo vincitore della Coppa del Mondo combinato in terra norvegese