Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Ciclismo e sport | Tobias Foss è 9 ° nel riepilogo del Giro: – Stanchi e stanchi

Nonostante il passo finale un po ‘deludente, Tobias Voss potrebbe tranquillamente garantire il nono posto nel riepilogo al Giro d’Italia, il miglior giocatore norvegese di sempre.

Il 10 ° posto di Dag Erik Pedersen del 1984 è stato il miglior risultato per il norvegese in vista dell’edizione 2021 della gara. Il punteggio complessivo di Foss è anche il secondo miglior risultato per il norvegese al Giro d’Italia, Tour de France o Vuelta a España, Grand Tour del ciclismo. Carl Fredrik Hagen è stato il numero 8 di Vuelta nel 2019.

– Adesso sono stanco e stanco, va bene farlo. Sono passate tre settimane meravigliose, passate velocemente. Ho mangiato molto, dice Voss a NTB dopo la gara.

Foss è arrivato 13 ° nel round finale, a 58 secondi dal vincitore Filippo Jana.

Oggi ero anche mentalmente stanco. Se ti confronti con gli specialisti delle percussioni, che hanno risparmiato negli ultimi giorni, non avrai l’ultimo da offrire. Se guardi gli altri motociclisti in generale, va bene. Non è stata una giornata d’oro, ma neanche male.

Bernal: – Una sensazione incredibile

Egan Bernal si è allontanato dall’ultima tappa e generalmente ha vinto la gara. È stata la seconda vittoria del colombiano in un Grand Tour. Ha vinto il Tour de France nel 2019.

– Oggi era solo il fulcro della gara. Ho pensato che non avrei dovuto perdere anche Jiro. Ho guidato forte ovunque potessi, ma non ho mai rischiato le curve. Bernal ha detto all’organizzatore dopo la gara che questa era la prima velocità di cui aveva goduto.

READ  - Molto sfortunato - VG

– Il corso è stato privato fino alla fine. Ho visto molte bandiere colombiane. Bernal ha detto che vincere è stata una sensazione incredibile.

L’italiano Damiano Caruso è arrivato secondo, perdendo 1,29 minuti, mentre il britannico Simone Yates è arrivato terzo.

Ha iniziato come assistente pilota

Ha entusiasmato Tobias Foss con quello che è stato il suo primo vero Grand Tour. Anche il Giro d’Italia è iniziato lo scorso anno, ma poi la sua squadra olandese Jumbo-Visma ha scelto di ritirarsi dopo essere risultata positiva al virus.

L’uomo di Vingrom ha iniziato la gara terzo al ritmo di apertura a Torino, ma poi è stato assegnato il ruolo di assistente concorrente a George Bennett. Con il neozelandese che sta già attraversando un periodo difficile nella prima fase di arrampicata, Voss ha ottenuto il ruolo di capitano.

Con una guida forte in molte delle fasi più pesanti, scalando il roundup e la scorsa settimana, la top ten sembrava relativamente sicura. D’altra parte, doveva passare senza grosse crepe o incidenti.

Credi nel futuro

Per lui, il trekking di quest’anno è stata una conferma delle sue capacità di combattimento tra i corridori senior in generale.

– Il sogno è diventare un tale cavaliere. Questa è una buona conferma che posso essere l’uomo della squadra e che posso continuare a crescere, dice il 23enne.

Pensa di poter arrivare molto più in là nella partita generale.

Penso che il podio sia in un grande tour al suo interno. Sono motivato e vedo che c’è molto da guadagnare. Mi aspetto di essere un professionista per altri dieci anni, durante i quali la piattaforma sarà realizzabile.

READ  Gianluigi Buffon combatterà al top con il vecchio club

Domenica, Voss avrebbe dovuto godersi una cena a base di pizza con il team, prima che il volo tornasse a casa sua in Norvegia. Il 20 giugno sono in programma i campionati nazionali a Kristiansand, in vista della gara olimpica a Tokyo il 24 luglio.

Vittoria in casa

Speranza in casa Ganna è stato il primo sul palco prima della partenza e, nonostante la buca e il cambio di moto, ha dato il tempo che nessuno poteva disciplinarlo.

Il francese Remy Kavagna ha preso il comando a grandi passi. È stato in grado di minacciare il timeout di Ganna, ma ha girato per circa 500 metri fino alla fine. Alla fine era in ritardo di 12 secondi.

Così, il concorrente Ineos ha fatto come era al ritmo inaugurale a Torino tre settimane fa e ha vinto la tappa. Cavagna si è classificato secondo, mentre Edoardo Affini è arrivato terzo.

(© NTB)

Pubblicità

Questo salva l’estate: una guida ai giochi per bambini e adulti