Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Ciò significa che l’Ucraina non entrerà a far parte della NATO – NRK Oryx – Notizie e documentari esteri

In un’intervista con giornalisti russi su un possibile accordo di pace, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha parlato della possibilità che l’Ucraina Può diventare neutrale.

– Garanzie di sicurezza, neutralità e il nostro status di paese libero da armi nucleari. Siamo disposti ad accettarlo, e questo è il punto più importante.

L’intervista è stata condotta prima che Ucraina e Russia si incontrassero in Turchia Trattative questa settimana.

Ciò significa che l’Ucraina non entrerà a far parte della NATO, o di qualsiasi altra alleanza di difesa, afferma Camilla Cooper, professore associato al Norwegian Defense College.

Si riferisce alla Svizzera che era un paese neutrale. Finora, sono stati chiari sul fatto che non vogliono essere parte in nessuna controversia.

Neutralità significa anche che l’Ucraina non può avere forze straniere nel paese, come ha fatto la Norvegia in Lituania.

– Cooper dice che riguarda l’adesione ufficiale, ma anche il modo in cui l’Ucraina si collegherà ai paesi della NATO in futuro.

NATO: il presidente Zelensky e il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg nel dicembre 2021.

Foto: Olivier Matthys/AP

Mancanza di fiducia tra le due parti

Ciò soddisferebbe una delle richieste del presidente russo Vladimir Putin; L’Ucraina sta abbandonando l’obiettivo di diventare un membro della NATO.

Se torniamo alla citazione del presidente Zelensky, non è così semplice. Il presidente ha chiarito che l’Ucraina non accetterà la neutralità senza di essa Garanzie di sicurezza da paesi terzi

Non c’è fiducia tra Russia e Ucraina, afferma Marianne Riedervold, ricercatrice presso l’Istituto norvegese per la politica estera (Nupi) e Høgskolen i Innlandet.

La ricercatrice Marian Riedervold è fuori dalla NRK.

Ricercatrice: Marian Riedervold è ricercatrice presso l’Istituto norvegese per la politica estera.

Foto: Håkon Benjaminsen/NRK

Nel 1994, Russia, Gran Bretagna e Stati Uniti si sono impegnati a rispettare l’indipendenza, la sovranità e i confini dell’Ucraina. La condizione era che l’Ucraina si liberasse delle sue armi nucleari.

– Sappiamo che non possiamo fidarci di ciò che dice la Russia. Quando non hai fiducia, è molto difficile negoziare, perché si basa su una certa fiducia. mSi deve credere che l’altra parte seguirà effettivamente ciò che è stato concordato.

Dal momento che non hai la fiducia, stai cercando modi per compensarla.

La proposta ucraina è che altri paesi vengano a garantire la sicurezza dell’Ucraina in cambio dell’accettazione dell’Ucraina di essere neutrale e quindi di non diventare un membro della NATO.

Riedervold afferma che la proposta di neutralità in cambio di garanzie di sicurezza si basa sull’idea che se la Russia attaccherà l’Ucraina, i paesi terzi, con citati Canada, Turchia e Israele, forniranno assistenza militare all’Ucraina in breve tempo.

viola la costituzione

Anche la neutralità non è qualcosa che l’Ucraina può promettere. nel 2019 Si è verificato L’allora presidente Petro Poroshenko ha cambiato la costituzione obbligando l’Ucraina ad aderire alla NATO e all’Unione Europea.

Leopoli, Ucraina

Persone: Ucraini a Leopoli il 19 febbraio 2022, cinque giorni prima dell’inizio della guerra.

Foto: Pavlo Palamarchuk/Reuters

La neutralità annullerà questo obbligo. Le garanzie di sicurezza devono essere seguite da un referendum nel Paese.

– Come mai? Perché abbiamo una legge sui referendum. Zelensky ha detto ai giornalisti russi quando hanno sottolineato che le garanzie di sicurezza presuppongono modifiche alla costituzione.

Mentre la Russia impone regole severe sulla censura e arresta i russi che protestano contro la guerra, l’Ucraina sta andando nella direzione opposta. La voce degli ucraini deve essere ascoltata. La decisione di essere neutrali spetta a loro.

Putin e Zelensky dicembre 2019

Colloqui: il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, l’ex cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Emmanuel Macron e il presidente russo Vladimir Putin nel dicembre 2019. Putin e Zelensky non si parlano da quando la Russia ha invaso l’Ucraina.

Foto: Ludovic Marin/AFP

Lunga strada verso la pace

Sebbene le due parti parlino insieme e l’Ucraina si dichiari pronta a diventare neutrale a determinate condizioni, Riedervold ritiene che la strada verso la pace sia lunga.

Ci sono parecchi passi da fare prima di un possibile accordo di pace. Finora, si sono incontrati solo a un livello inferiore.

Entrambi dovrebbero essere disposti a offrire qualcosa per trovare dei compromessi. Secondo Riedervold, le parti non ci sono ancora.

Crede che dobbiamo prendere con le pinze quello che esce dalle conversazioni.

Il Pentagono, ad esempio, afferma di sospettare che il Cremlino stia usando i colloqui per allocare il tempo per muovere le sue forze.

READ  Sebastian Kurz, Politica | Il miracolo della sua innocenza