Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Clima estremo ed estremo – Dagsavisen

La risposta alla prima Una nuova ricerca svedese dice, una sorta di mascolinità che trova il suo posto in entrambi i luoghi, sia di destra che tra coloro che non credono nel cambiamento climatico causato dall’uomo. E la risposta all’altro? Se comprendiamo questo contesto, capiamo un po’ di più perché il drammatico cambiamento climatico può avvenire proprio davanti ai nostri nasi, qui e ora, senza fare grandi passi politici per fermarlo.

Poi VG giovedì In un importante rapporto scritto sul maltempo estivo in tutto il mondo, hanno commentato la Germania come segue:

“Molti politici europei si sono affrettati a incolpare il riscaldamento globale per il disastro. Ma il partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) sta accusando noti politici di usare l’alluvione come un modo per adottare una politica più verde”.

Quando l’alluvione non è un’alluvione catastrofica ma un punto di rottura per l’inverdimento nascosto. Cose che non potresti inventare se ci provassi. Tuttavia, il nazionalismo misto di destra e la negazione del clima sono un luogo in cui molte persone si sentono a proprio agio. Tra coloro che si trovano a proprio agio, gli individui non cercano solo un certo tipo di identità maschile.

Perché qui ne troviamo anche altri: l’industria del petrolio, del gas e del carbone. In qualche modo, questo non combacia per caso. Anche persone come l’ex presidente Donald Trump e il capo del disastro brasiliano Jair Bolsonaro rientrano in entrambe le categorie.

Ma come è successo?

Non c’è sempre stata la negazione del clima a destra. o da qualche parte.

Fino alla metà degli anni ’80, c’era un consenso abbastanza buono tra scienziati e politici di ogni tipo sul fatto che c’era davvero un grave cambiamento climatico per cui dovevamo fare qualcosa. Ronald Reagan degli Stati Uniti, Margaret Thatcher del Regno Unito e Mikhail Gorbaciov dell’Unione Sovietica hanno convenuto che ciò rappresentava una minaccia globale. Attraverso i paesi e le ideologie politiche, hanno concordato di integrare la scienza e gli strumenti politici per contrastare questa minaccia.

READ  Ecco come vivi quando non mendichi in Norvegia - Dagsavisen

In retrospettiva, ci si potrebbe chiedere se questo non fosse il concetto corretto dell’entità dei massicci cambiamenti che le conseguenze di questa conoscenza richiedevano. Dopotutto, era un salto in lungo dal radicale limiti di crescita nel 1972, all’ideologia neoliberista della crescita degli anni ’80, guidata da Thatcher e Reagan. Forse, come si potrebbe pensare in seguito, è stato più facile concordare sui cambiamenti operati dall’uomo purché non implicassero cambiamenti reali nella vita umana?

Non è stato prima che la questione climatica ricevesse un certo clamore che l’industria è arrivata alla ribalta, afferma lo svedese Martin Tolman, leader della ricerca sul progetto. “Perché la scienza del clima non viene presa sul serio? Studi sulla negazione del clima» che ora scadrà nel 2021. spiega come L’industria petrolifera e del carbone, con il progredire della questione climatica, ha investito nella ricerca sul negazionismo climatico per promuovere i propri interessi.

Ad esempio, hanno creato il centro di ricerca americano Heartland Institute. Da questo e da altri forum simili, la ricerca sul cambiamento climatico è stata attivamente contrastata e questo tipo di argomento ha trovato immediatamente sostenitori tanto nell’ala repubblicana quanto nel movimento del Tea Party.

Non possiamo più desiderare la crescita economica. Dobbiamo avere un modello economico diverso.

La ricerca di Tolman mostra anche che la maggior parte dei negazionisti del clima sono uomini bianchi conservatori. Perché come dice lui: è una specie di pacchetto qui. Un fascio di valori e un tipo di comportamento strettamente legato a una forma di mascolinità che il ricercatore chiama “virilità del fornitore industriale”. Da questo punto di vista, spiega, c’è una netta distinzione tra uomo e natura.

READ  Si è tenuta la Settimana del College of Science - UASLP

Non solo separazione, ma anche gerarchia: l’uomo è obbligato a servirsi della natura per ricavarne dei prodotti. Perché la natura tollera tutto! Vedere la natura come debole, qualcosa che può essere distrutto, non fa parte di questa forma di identità e visione del mondo maschili. In pratica, ciò significa che la crescita economica è considerata più importante del clima e dell’ambiente.

E come tutti sappiamo: oggi siamo qui. Non solo fuori dall’ala destra. Anche il centro politico sta lottando per spostare l’attenzione.

Ma dove l’estrema destra è chiaramente negatrice del clima, è il resto dello spettro politico, con poche onorevoli eccezioni, a negare il grande cambiamento che deve avvenire:

Non possiamo più desiderare la crescita economica. Dobbiamo avere un modello economico diverso.

Lo studio di Tolman mostra che la negazione del clima sta aumentando in linea con l’ascesa del nazionalismo di destra. Questa combinazione, ha scritto, rende la battaglia sulla questione climatica più drammatica che mai. Ora siamo in una corsa contro il tempo più spaventosa che mai.

Allo stesso tempo, sta crescendo l’opposizione che qui non c’è alcun problema. In Norvegia, il Partito Democratico grida dai suoi manifesti “Nessuna crisi climatica!”. I loro cugini più moderati, il Partito del progresso, affermano che questo non è evidente nella loro piattaforma, ma preferiscono mettere in discussione sia le azioni norvegesi che la crisi stessa:

“Il dibattito norvegese sul clima e l’ambiente è caratterizzato da molti simboli politici, una mancanza di valutazioni di impatto e Troppo debole nella fiducia nel mercato. Di conseguenza, molte parti vi hanno fatto ricorso Non ha senso Ordini, divieti e regolamenti che infastidiscono le persone nella vita di tutti i giorni e che impediscono la crescita e la creazione di valore in Norvegia.

READ  Premi per i migliori ricercatori presso l'ospedale universitario di Oslo

Il Partito del Progresso è l’unica alternativa a tale politica”.

(linea curva).

Poi arriva la vera paura:

“Allo stesso tempo, sarebbe sfortunato e scorretto associare qualsiasi inondazione, caldo, ondata di freddo, tempesta o altre forme di tempo con l’affermazione di un cambiamento climatico causato dall’uomo”.

Quando scrivono che “il Partito del progresso vuole stimolare una ricerca più ampia e aprire una discussione critica sulle cause e la portata del cambiamento climatico”, è precisamente una ricerca “alternativa” a ciò che, diciamo, le Nazioni Unite fanno, vogliono stimolare. Cioè: la ricerca nega il clima.

Circa l’80% dell’energia mondiale è ancora fossile: petrolio, carbone o gas. L’economia globale è fortemente legata a questo, che sta distruggendo le nostre condizioni di vita.

Il risultato di prendere sul serio la scienza sui cambiamenti climatici reali è che noi persone nella parte del mondo in cui viviamo dobbiamo cambiare il modo in cui viviamo. Le aziende globali devono cambiare il loro modello di business.

Queste sono richieste schiaccianti. Così grande che molti possono trovare conforto e redenzione proprio lì all’estrema destra dove non c’è un clima davvero estremo. Quindi la lotta contro entrambi è la stessa.

Tieniti informato. Ricevi la nostra newsletter quotidiana da Dagsavisen!