Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Com’era visitare un ricco romano 2000 anni fa?

Com’è stata la visita di un ricco romano? Un nuovo progetto di ricerca ha tentato di rimodellare gli interni di una delle tante dimore di lusso della città romana di Pompei.

Pompei ed Ercolano furono sepolte nel 79 d.C. A causa della massiccia eruzione del Vesuvio, vicino all’odierna Napoli in Italia.

L’eruzione vulcanica ha chiuso la città in uno sguardo sulla vita quotidiana romana quasi 2000 anni fa. Questa vita quotidiana è ben documentata, tra l’altro, dai graffiti, che è insieme politica e vivace allo stesso tempo.

Pompei era chiaramente una città prospera e molte case lussuose e oggetti di valore sono stati scoperti qui dopo più di cento anni di scavi.

Una di queste case di lusso si chiama Casa greca degli epigrammi, o “la casa che contiene la parola greca”. Una vignetta è una breve poesia che spesso descrive una persona.

La casa è stata ricreata in realtà virtuale, tra le altre cose per indagare su come gli ospiti vivono la casa quando la visitano.

La ricerca è stata descritta sulla rivista Antiquity.

Ecco come appariva la casa ricostruita dall’esterno.

iscrizioni greche

I ricercatori dietro il progetto lavorano all’Università di Lund in Svezia. Hanno lavorato a lungo a un progetto di ricerca su vari aspetti di Pompei e della cultura romana.

I ricercatori hanno costruito la casa nel motore di gioco Unity e i partecipanti possono muoversi per la casa utilizzando occhiali per realtà virtuale.

Allo stesso tempo, gli occhi dei soggetti sono stati monitorati in modo che i ricercatori potessero misurare dove i soggetti fissavano i loro occhi all’interno della casa. Lo studio dell’antichità è una descrizione tecnica del sistema, ma l’obiettivo è quello di rivelare maggiori conoscenze sul motivo per cui i romani costruirono le loro case come facevano.

Pianta della casa ricostruita.

Pianta della casa ricostruita.

Digert

La casa ricostruita in VR è composta da circa 30 stanze e un corridoio, e la casa stessa potrebbe essere stata realizzata da diversi condomini che furono uniti una volta prima dell’eruzione del vulcano nell’anno 79. La casa fa parte di quella che viene chiamata un’insula. È un quartiere romano con appartamenti e palazzi.

READ  Le affermazioni della Russia di distruggere deliberatamente l'arte ucraina - VG

La casa dovrebbe essere ricca di murales in diverse stanze e giardini all’interno delle mura. I ricercatori non conoscono lo scopo per cui tutte le stanze sono state utilizzate, ma menzionano diverse sale da pranzo e stanze per la servitù.

La casa aveva anche un grande atrio, una stanza aperta riccamente decorata. Ha anche una piscina nel mezzo che raccoglie l’acqua piovana dal buco nel tetto.

La casa è stata scavata per la prima volta alla fine del XIX secolo e da allora gli archeologi hanno scoperto molti stili diversi e modifiche apportate nei secoli precedenti l’eruzione.

L'atrio della casa come appare ora.

L’atrio della casa come appare adesso.

Riferimenti:

Campanero et al: Rimodellamento dello spazio pompeiano locale combinando il tracciamento oculare basato sulla realtà virtuale e un GIS 3D. Antichità, 2022. DOI:

Ci piacerebbe sentirti!

Si prega di contattare qui
Hai feedback, domande, lodi o critiche? O consigli su qualcosa di cui scrivere?