Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Commento: lo sport merita di meglio – VG

Commento: lo sport merita di meglio – VG

Candidati: Beret Kajol (TV) e Zainab Al-Samarrai sono in competizione per la presidenza dello sport.

Chi guiderà lo sport norvegese non è una domanda semplice. Quindi, dobbiamo essere in grado di anticipare che i candidati otterranno risposte appropriate per il motivo per loro più rilevante.

pubblicato:

iconaQuesto è un commento. Il commento esprime la posizione dello scrittore

La lotta per il potere infuria ai vertici dello sport norvegese e tra meno di un mese il Bergen Sports Council farà una scelta importante.

Altri quattro anni con Beret Keul? O sostituirlo con Zainab Al-Samarrai, che ora è membro del consiglio di amministrazione di Kajol?

Speriamo che le prossime settimane ci forniscano una campagna istruttiva. È assolutamente essenziale se questa storia deve finire bene per lo sport norvegese.

Sven Mollcliff deve essere un po’ infastidito dal fatto che questa volta non sia stato lui a candidarsi alle elezioni, perché qui avrebbe potuto fare tabula rasa, a giudicare da come entrambi i candidati sono usciti male dai loro blocchi di partenza.

Dobbiamo avere certe aspettative dal leader supremo dello sport norvegese, come una visione autorevole e un’opinione convincente di un re sul motivo per cui questa persona è la persona giusta per guidare il più grande movimento di base del paese.

Può darsi benissimo che avremo qualcosa del genere nelle prossime settimane, ma fino ad allora è difficile vedere un leader visionario nell’operatore storico o nel concorrente. Dopo essersi incontrati più volte per discutere in formato ridotto, sia Samurai che Keul hanno avuto spazio libero in prima serata sul canale statale, prima su Dagsnytt18 e poi con Fredrik Solvang su “Debatten”.

READ  In risposta a ciò che ha detto Odegaard: - Le persone dovrebbero prendere una piccola ciotola
Intervista: Beret Kajol (TV) e Zainab Al Samri giovedì sera.

Ci sono state sessioni sorprendentemente vuote.

Nessuno nello sport norvegese è in disaccordo con il motto “tutti devono unirsi”. Né vi è alcun dubbio sul fatto che “i costi devono diminuire” se si vuole raggiungere l’obiettivo generale.

Ma la politica sportiva è molto di più.

Diventa ristretto se la campagna elettorale presidenziale sarà ridotta al fattore naso ea quelli con un passato.

Zainab Al-Samarrai ha il punto che il suo background significa che era più vicina alla base rispetto a Kajol, ma dovremmo poterci aspettare che abbia più carte in mano quando deve giustificare il motivo per cui è la migliore a sedersi. alla fine del tavolo.

Può farlo – e può ancora farlo – affrontando questioni su cui c’è già disaccordo, se c’è.

Zainab Al-Samarrai.

Se non altro, il pubblico dovrebbe ottenere risposte più chiare su dove si trovano i candidati su questioni urgenti. Ecco alcuni esempi di argomenti di cui possiamo beneficiare:

1) Rapporti con il Comitato Olimpico Internazionale
Il rappresentante del CIO in Norvegia è stato al centro della campagna elettorale di Beret Keul e il presidente non sembrava interessato a limitare il ruolo di Kristin Kloster-Assen nel Consiglio sportivo.

Il cambiamento comporterà una linea uniforme verso il CIO come una volta? O cambiare il presidente porterà a confini più chiari?

Quanto saranno pronti i candidati se il piano del CIO per restituire i russi durante la guerra continua a pieno regime?

2) Cosa si può eliminare?

“Più soldi dal settore pubblico” è sempre stata una risposta dello sport, qualunque sia il problema.
Il nuovo capo sarà più chiaro sulle priorità interne e su cosa può rinunciare lo sport?

READ  Wayne Rooney e José Mourinho | Rooney fa quello che fa Mourinho: usa "Football Manager" per trovare giocatori

Hai il coraggio, ad esempio, di essere schietto su un progetto olimpico che sembra poco musicale e irrealistico per il prossimo futuro?

3) E le bolle?

L’afflusso di minori è un problema di principio, in cui sono forti le contraddizioni interne. Un nuovo presidente direbbe la sua su un argomento così difficile? E lei, a differenza di Keul, si concentrerebbe maggiormente sulla genuina diversità di opinioni se il NIF formasse più comitati in casi difficili?

4) Medicina Interna al NIF

La concentrazione del potere e la politica di fondo caratterizzano qualsiasi organizzazione che affronti significative sfide democratiche. In che modo un nuovo capo attaccherà la cultura organizzativa?

In tutte queste aree è possibile discutere le scelte fatte dall’amministrazione Kjøll, ed è del tutto possibile avere buone discussioni su queste e altre questioni. Ma poi l’attenzione deve spostarsi dal trattare quasi esclusivamente questioni che sono state concordate.

Forse Beret Kajol merita più tempo, o Zeynep Al-Samarrai sarebbe un grande capo sportivo. Ma per ora, entrambi hanno molto da dimostrare.

Il pubblico merita risposte migliori Perché Lui o lei deve gestire gli sport norvegesi.

Va bene se vuoi riunire la squadra.

Ma di cosa?

pubblicato: