Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Comunità delle Energie Rinnovabili – Opportunità e Ostacoli

Inserito il 12/6/2021

L’interesse a contribuire alla transizione verde, l’impegno personale e la redditività a lungo termine sono fattori importanti per la creazione di comunità energetiche locali. Presenta recenti interviste a società civile, aziende e comuni sul progetto COME RES.

La Renewable Energy Local Energy Community è un’entità legale in cui cittadini, imprese e autorità locali si riuniscono per produrre e vendere energia rinnovabile. Potrebbe anche esserci collaborazione tra questi (o alcuni di essi) per fornire servizi di efficienza energetica o per influenzare il consumo di elettricità in altri modi.

Attualmente ci sono alcune comunità energetiche in Norvegia. Tuttavia, è una soluzione che è stata evidenziata come un importante contributo alla transizione verde, in particolare alla luce delle proteste contro i grandi sviluppi delle energie rinnovabili. Ciò si riflette, tra le altre cose, nel fatto che le comunità energetiche locali sono al centro della Direttiva UE sulle energie rinnovabili, afferma Karina Stendhal, direttrice del progetto COME RES. Il progetto è finanziato dall’Unione Europea e sta esaminando le condizioni per la creazione di comunità energetiche locali oggi. Esamina sia le leggi che i regolamenti, nonché i diversi modelli di business.

Insieme ai colleghi di CICERO, Stine Aakre e Merethe Dotterud Leiren, questo autunno Standal ha intervistato diverse aziende, organizzazioni e comuni norvegesi interessati alla produzione di energia locale. L’obiettivo era identificare le opportunità e gli ostacoli che hanno dovuto affrontare.

I ricercatori evidenziano tre punti chiave che sono alla base della motivazione a lavorare con le comunità energetiche locali:

  • Vogliono essere parte della trasformazione verde
  • Lo vedono ripagare finanziariamente nel lungo periodo
  • L’ormeggio locale ha un valore in sé

Motivati ​​a contribuire alla trasformazione verde

Per aziende e comuni è importante contribuire e assumersi la responsabilità della massiccia ristrutturazione che la trasformazione verde rappresenta. Tutti quelli con cui abbiamo parlato l’hanno menzionata come una motivazione importante. Si tratta di ridurre le emissioni, ma anche di utilizzare le risorse locali per non stressare la rete elettrica o non dover costruire così tanto nuove reti elettriche, afferma Standal. Diversi informatori con cui ho parlato hanno anche indicato che conviene investire nella produzione nazionale di energia. È stato anche espresso come avente un valore in sé dalla comunità che rappresenta.

READ  Divisi da immigrati poveri per arricchire il loro nuovo paese

Benefici economici e sociali

Le comunità energetiche locali si dimostrano particolarmente importanti per le società abitative più anziane con scarso isolamento, dove l’elettricità autoprodotta offre opportunità di risparmio sui costi.

“Poiché le associazioni abitative più anziane, vulnerabili e isolate si trovano spesso in aree che le persone possono permettersi, le comunità energetiche locali rappresentano opportunità per creare una transizione verde inclusiva ed equa”, afferma Stendhal.

Molti informatori esprimono anche che la prevedibilità è importante. Quando le cooperative edilizie sapranno che a un certo punto dovranno investire, ad esempio, in infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, contribuirà a facilitare la decisione di investire in soluzioni energetiche.

Pertanto, la politica prevedibile è il motore di tali decisioni. Riteniamo che i prezzi della tecnologia siano importanti per molti. Le fonti energetiche come il solare e le batterie stanno diventando più economiche, offrendo un nuovo campo di opportunità, afferma Stendhal.

Il valore dello spirito focoso

Aker mette in evidenza un altro aspetto, che i whistleblower ritengono molto importante per la creazione di comunità energetiche locali:

Gli appassionati locali, impegnati e spesso tecnici, ne fanno un investimento. Queste persone hanno la motivazione necessaria, ad esempio, per orientarsi nella quantità di informazioni, per conoscere leggi e regolamenti e per iniziare a collaborare con gli altri. Se manca quell’entusiasmo, improvvisamente le barriere ci sono, e sono importanti, dice Aker, spiegando che un’associazione abitativa, ad esempio, dipende dalla capacità di qualcuno di giustificare un investimento nella produzione di energia in modo che la maggioranza sia d’accordo con una decisione.

D’altra parte, molti evidenziano la mancanza di efficienza come un handicap nell’azione per le comunità energetiche locali, afferma Aker.

Collaborazione utile

Le interviste mostrano che c’è molto impegno e competenza in alcune società. Molti attori stanno lavorando attivamente per ottenere informazioni, condurre un dialogo con le autorità e scrivere input durante le audizioni per evidenziare l’importanza della produzione energetica locale nella transizione verde.

Un tale ruolo trainante è importante perché offre anche l’opportunità alle autorità locali di lavorare prima con coloro che desiderano di più, afferma Leiren. Un altro fattore importante, aggiunge, è la cooperazione con altri attori. Potrebbero esserci società di rete, che vedono che le misure energetiche locali possono essere una soluzione migliore rispetto allo sviluppo di reti energetiche, o da collegare a progetti di ricerca, che possono fornire maggiore efficienza, sostegno finanziario e legittimità.

READ  - Non sappiamo come andrà a finire - E24

– Nel settore agricolo si sta lavorando, tra l’altro, per collegare le aziende agricole in gruppi. Attraverso la collaborazione, i partecipanti possono acquisire esperienza, di cui altre aziende agricole e aziende possono beneficiare, spiega Leiren.

I ricercatori affermano che esistono molti progetti pilota, ma la mancanza di conoscenza di buoni modelli e la mancanza di apprendimento sistematico dalle iniziative esistenti possono rendere difficile l’avvio di altri.

nuove normative

Tra gli ostacoli alla creazione di comunità energetiche locali, diversi informatori hanno citato gli attuali ostacoli normativi. In particolare, queste sono legate alla condivisione di opportunità e limitazioni per la produzione di energia elettrica negli edifici commerciali, negli immobili comunali, nelle cooperative edilizie e nei condomini. Nuove normative sono attese nel 2022 e NVE ha recentemente inviato proposte al Ministero del Petrolio e dell’Energia. Tuttavia, molti degli intervistati ritenevano che questo non sarebbe stato sufficiente.

Uno degli attori del settore comunale dice:

“In precedenza, avevamo la misurazione comune dell’elettricità. Con questa soluzione, possiamo inviare elettricità dalla produzione di energia solare nella sala polivalente per la ventilazione della scuola, se necessario. Ma non possiamo farlo ora, e non sarà possibile con il nuovi regolamenti proposti che arriveranno nel 2022, perché l’NVE raccomanda di non dividere oltre il numero di aziende agricole e aziende agricole”.

Molte persone sono preoccupate per la quantità massima di elettricità che possono produrre prima che sia considerata una risorsa energetica e tutto ciò che ciò comporta. Il limite è attualmente di 100 kW, ma è previsto un aumento a 500 kW. Per i giocatori più anziani, è ancora troppo poco, afferma Stendhal. Hai bisogno di una frase in più come spiegazione qui?

Si scontra anche con la mancanza di efficienza e l’interesse delle persone per la produzione di energia domestica come barriere che emergono tra gli attori con cui hanno parlato.

————————

Fatti sul progetto COME RES:

Nome completo del progetto: COME RES – Comunità Energia per l’Utilizzo delle Fonti Energetiche Rinnovabili nel Settore Elettrico. Connetti visioni a lungo termine con azioni a breve termine.

READ  Incendi boschivi in ​​Spagna, Sardegna e Grecia:

Finanziamento e durata: Il progetto COME RES guidato da Freie Universität Berlin e finanziato dal programma di ricerca e innovazione dell’Unione europea Horizon 2020. La durata del progetto è di 2,5 anni, dal 1 settembre 2020 al 28 febbraio 2023.

Scopo del progetto: Il progetto COME RES mira a promuovere la transizione alle energie rinnovabili nel settore elettrico sostenendo lo sviluppo delle comunità energetiche locali di energia verde nei nove paesi europei a cui appartengono i partner del progetto. Alcuni di questi paesi hanno già una vasta esperienza con le comunità energetiche locali, mentre altri sono nelle fasi iniziali e si sono recentemente interessati a questa forma di proprietà delle energie rinnovabili.

Considerando diverse tecnologie per la produzione di energia rinnovabile, come i pannelli solari e l’eolico onshore, nonché i sistemi di accumulo di energia, COME RES analizzerà gli aspetti legali, sociali, economici, spaziali e ambientali delle comunità energetiche locali. Il progetto studierà anche le ragioni del rallentamento nello sviluppo delle comunità energetiche nei nove paesi del progetto. Il progetto identificherà gli ostacoli ei fattori trainanti per la creazione di comunità energetiche locali in questi paesi e fornirà consigli su come aumentare il numero di comunità energetiche in Europa.

Partner: Sedici partner di nove paesi in Europa che lavorano insieme al progetto COME RES:

Belgio: Istituto fiammingo per la ricerca tecnologica (VITO), REScoop.eu (Federazione europea delle cooperative energetiche di proprietà dei cittadini)

Italia: Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (ENEA), Ecoazioni società di consulenza

Lettonia: Ministero dell’energia fisica (FEI), Fondo lettone per gli investimenti ambientali

Paesi Bassi: Università della tecnologia di Eindhoven

Norvegia: Centro CICERO per la ricerca sul clima, Direzione norvegese delle risorse idriche e dell’energia (NVE)

Germania: Freie Universität Berlin (a capo del progetto), studio legale Becker Büttner Held, ICLEI – Local Governments for Sustainability (una rete di autorità locali e regionali che lavorano per lo sviluppo sostenibile)

Polonia: Agenzia nazionale polacca per la conservazione dell’energia (KAPE)

Portogallo: INEGI (Istituto di scienza e innovazione in ingegneria meccanica e industriale)

Spagna: società di consulenza ECORYS, Asociación Canaria de Energías Renovables (ACER, associazione industriale per le energie rinnovabili)