Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Condannato a 22 anni di carcere per l’omicidio di George Floyd

L’ex agente di polizia Derek Chauvin è stato condannato a 22 anni e sei mesi di carcere per l’omicidio di George Floyd.

Inserito:

C’è stata una significativa eccitazione associata alla storica sentenza di venerdì sera, ora norvegese. George Floyd è morto quando l’ex ufficiale di polizia Derek Chauvin si è premuto il ginocchio contro il collo e il collo per più di nove minuti durante il suo arresto a Minneapolis nel maggio dello scorso anno.

Le foto hanno scatenato un contraccolpo in tutto il mondo e la frase “Non riesco a respirare” è diventata uno slogan del movimento Black Lives Matter.

Ad aprile di quest’anno L’ex poliziotto è stato condannato per tutte le accuse, Il più pericoloso dei quali è l’omicidio premeditato. L’accusa ha intentato una causa per 30 anni di carcere, ma la condanna è stata di 22 anni e sei mesi.

Prima di leggere il verdetto in tribunale a Minneapolis, la figlia di George Floyd ha rilasciato una commovente dichiarazione video:

– Mi manca sempre.

Quando a Gianna Floyd (7 anni) è stato chiesto cosa avrebbe detto se avesse potuto dire una cosa a suo padre, ha risposto:

– Mi mancherai e ti amerò.

Guarda il video qui:

Anche il nipote di Brandon Williams ha testimoniato in tribunale prima che la sentenza cadesse.

“Chauvin ha ucciso George, non solo George ha ucciso, ma ha anche mostrato disprezzo per la vita umana”, ha detto Williams.

– L’ho visto, l’ho visto. Milioni di persone in tutto il paese e in tutto il mondo hanno assistito a questo atto aberrante.

Il nipote chiese che a Chauvin fosse data la punizione più dura. In teoria, ciò significa 40 anni di carcere, ma in pratica 30 anni, secondo le regole del Minnesota, per chi non ha precedenti penali, scrive New York Times.

READ  - Ci siamo sposati nella nostra ala - VG

Nei documenti del tribunale, ha definito il lavoro di Chauvin un “abuso dannoso” e “spaventoso” della posizione di un ufficiale di polizia.

La madre dell’ex agente di polizia Caroline Pawlenty ha insistito in tribunale venerdì che il figlio era un “bravo uomo”.

Quando lo giudichi, giudichi anche me, dice Pawlenty, con voce tremante.

Non potrò vedere Derek, parlargli al telefono o abbracciarlo come si deve.

Il giudice Peter Cahill ha stabilito che ci sono state diverse circostanze aggravanti nel caso, incluso il fatto che Chauvin non ha rimosso il ginocchio anche se Floyd ha ripetutamente affermato che non gli è stato permesso di respirare.

All’arresto hanno partecipato in totale quattro agenti di polizia, e tutti e quattro sono stati espulsi e accusati. Gli altri tre verranno processati in un secondo momento.

Pubblico ministero al processo: “Era come se respirasse con una cannuccia”

Quando Chauvin è stato condannato ad aprile, molti americani hanno celebrato la decisione combattendo contro il razzismo e la violenza della polizia.

– Se fossimo noi, se i ruoli fossero invertiti, non ci sarebbe nessun caso, dice il fratello di Floyd, Terence, in aula venerdì.

Terence, che chiedeva la massima punizione, diceva che se fosse stato un negro a uccidere un bianco, e non il contrario, non ci sarebbero stati dubbi sulla punizione.

– Siamo stati imprigionati per aver ucciso qualcuno. Quindi chiediamo la stessa punizione per Derek Chauvin, dice.

Floyd non è né il primo né l’ultimo nero americano ad essere ucciso a causa del brutale uso della forza della polizia dopo essere stato arrestato con l’accusa di reati minori.

READ  Avvertenze su una terza ondata di infezione:

La famiglia Floyd di VG un anno dopo l’omicidio: ‘Stiamo ancora combattendo’

Ma quando la lotta alla morte di Floyd è stata filmata dalla diciassettenne Darnella Frazier e il video pubblicato sui social media, l’incidente ha portato a proteste di massa non solo nelle città americane, ma anche in altre parti del mondo.

Frazier è stato poi insignito del Premio Pulitzer per il video.

– Mi hai cambiato. Ha cambiato il modo in cui vedo la vita. Mi ha fatto capire quanto sia pericoloso essere neri negli Stati Uniti, ha scritto Frazier su Facebook nell’anniversario della morte di Floyd.

A seguito delle proteste di massa, il movimento “Black Lives Matter” è diventato noto in tutto il mondo e le parole di Floyd, “Non riesco a respirare”, sono diventate uno slogan contro il razzismo e la violenza della polizia.