Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Consumatori ed Economia | Buone notizie dalla grande banca: si ritiene che il picco dei prezzi arriverà presto

(Giornale Internet) Il tasso di inflazione della Norvegia è ora del 6,3 per cento, il livello più alto dal 1988. In effetti, l’aumento reale dei prezzi – l’inflazione – è dell’8,2 per cento senza sussidi per l’elettricità.

Le famiglie stanno ora sopportando il peso maggiore dei prezzi elevati dei generi alimentari e dei prezzi costantemente elevati di carburante ed elettricità. Inoltre, i tassi di interesse stanno aumentando.

L’inflazione a giugno è molto più alta di quanto le parti si aspettassero nella vita reale (vedi sotto). Ma Cekov ha anche buone notizie per le famiglie: Nordea ritiene che la crescita totale delle entrate dal 2021 al 2022 sarà ben al di sopra del limite salariale di quest’anno del 3,7%.

RB: Il carrello della spesa è diventato molto più costoso da febbraio ad oggi

fino al 4,5 per cento

Sì, crediamo in una crescita salariale aggregata dal 4 al 4,5 per cento e potrebbe essere maggiore. Una cosa è la struttura centrale per i temi in prima linea, ma abbiamo anche supplementi locali sul posto di lavoro e molti lavori stanno cambiando. C’è una buona domanda di manodopera.

– Penso che ora il 4,5 per cento sia una stima ragionevole. Nella migliore delle ipotesi, le famiglie norvegesi possono avere una svolta laterale nel potere d’acquisto, ma c’è il potenziale per un calo, dice.

La diminuzione del potere d’acquisto di quest’anno avrà qualche effetto sulla liquidazione dei salari l’anno prossimo?

– Stabilire lo stipendio un po’ “fatto”. Cechov risponde, e stiamo ancora ipotizzando una crescita salariale del 4% l’anno prossimo e un aumento dei prezzi del 3%. In altre parole, un taglio salariale reale dell’1% quest’anno potrebbe presto essere compensato per il prossimo anno.

autunno in autunno

L’altra buona notizia per le famiglie è che Nordea e Cechov ritengono che l’inflazione elevata rallenterà nel corso dell’anno. A luglio potrebbe salire al 6,5%, ma ora le previsioni approssimative sono di circa il 5% come crescita media dal 2021 al 2022.

READ  Tempi nazisti, Arte | Da Hitler timorato di Dio agli artisti democratici

– I prezzi dell’elettricità e dell’energia hanno iniziato a salire soprattutto dopo l’estate dello scorso anno e riteniamo che la crescita complessiva dei prezzi comincerà a rallentare da agosto. Ma nonostante il sussidio per l’energia, i prezzi rimarranno a un livello elevato, afferma Cechov.

Le parti nella vita lavorativa pongono grande enfasi sulle stime fatte dal Comitato per i conti tecnici (TBU). Il campione di marzo prevedeva un aumento del prezzo medio dall’anno scorso all’anno in corso del 3,3%. Questo ha dato un limite dei cosiddetti fili anteriori del 3,7 per cento.

Sorpreso

I dati di giugno sull’inflazione hanno sorpreso gli esperti. Nordea Markets prevede una crescita annuale a giugno del 6%, leggermente superiore ai suoi concorrenti nei mercati DNB (5,7%). I prezzi dei generi alimentari sono aumentati a giugno, il che è insolito.

– Siamo rimasti un po’ sorpresi dal significativo aumento dei prezzi del carburante. Abbiamo pensato che ci fosse un aumento del 6 percento qui, ma il risultato è stato di circa il 13 percento. I prezzi dell’elettricità oscillano molto e il risultato è stato un aumento marginale da giugno a luglio.

– E poi i prezzi dei generi alimentari hanno sorpreso con uno straordinario aumento a giugno, e sicuramente continueranno a salire il mese prossimo, ha detto a Nettavisen l’analista macro Dane Cekov di Nordea Markets.

Un aumento significativo

Il carrello di Nettavisen mostra un aumento completo del 16-17% per circa 30 alimenti selezionati, ma può diminuire nel corso del mese.

Di quanto pensi che aumenteranno i prezzi del cibo?

– Prevediamo un aumento abbastanza moderato del 5 per cento, ma potrebbe sorprendervi che diventi ancora più alto, risponde Cechov.

READ  Erling Braut Haaland - Rivela un piano di transizione

Sottolinea che i prezzi dei generi alimentari, dei servizi di trasporto e dei prezzi di hotel e ristoranti sono ciò che ha portato all’aumento dell’inflazione in particolare a giugno. Nordea ritiene che questi prezzi possano aumentare ulteriormente durante l’estate.

Cekov e i suoi colleghi credono anche in tariffe aeree più elevate il prossimo mese a causa dell’attività di viaggio estremamente elevata a luglio, del caos in Europa e di uno sciopero alla SAS. C’è anche una buona domanda di hotel e ristoranti, che rappresentano un totale del 6% del CPI norvegese.

aumento dei prezzi all’importazione

I prezzi norvegesi sono aumentati a giugno al di sotto dei prezzi di beni e servizi che acquistiamo dall’estero e dei prezzi all’importazione. È alquanto sorprendente, dice Cechov, che i prezzi all’importazione abbiano rallentato la crescita, soprattutto perché sono aumentate le merci prodotte in Norvegia.

– Ma crediamo che i prezzi all’importazione possano salire ancora di più. Ciò è dovuto alla debole corona norvegese e ai prezzi più elevati all’estero. L’inflazione importata aumenta l’inflazione core, così come la crescita salariale qui in patria.

– C’è pressione sui salari e un mercato del lavoro teso, che è uno dei motivi principali che ha spinto la Banca di Norvegia ad aumentare la sua previsione sui tassi di interesse a giugno. L’aumento dei prezzi non significa tutto, dice Cechov, ma è uno dei fattori più importanti nei tassi di interesse.

lontano

Norges Bank gestisce i tassi di interesse e la politica monetaria secondo l’inflazione core nella società: l’inflazione core. Qui si ignora la volatilità dei prezzi dell’energia e le modifiche fiscali. Maggiore è questa inflazione, maggiore è il rischio isolato dall’aumento dei tassi di interesse.

L’obiettivo di prezzo a lungo termine è del 2%. La stessa banca centrale prevede che l’inflazione core a giugno raggiungerà più del 3%, ma potrebbe salire a oltre il 4% ad agosto. Ciò potrebbe esercitare una maggiore pressione sui tassi di interesse.

READ  Media italiani: il Chelsea punta a 850 milioni di trasferimenti a gennaio

Riteniamo che Norges Bank sia impegnata nel piano e aumenti il ​​tasso di interesse chiave ad agosto all’1,5%. Sono stati molto chiari su questo durante la riunione sui tassi di giugno. Prima della riunione regolare sui tassi di interesse del 23 settembre, verranno effettuati nuovi calcoli e possiamo escludere che ciò eserciterà una maggiore pressione sui tassi di interesse, afferma Cechov.

Tuttavia, Nordea Markets ritiene che sia troppo presto per concludere se Norges Bank aggiungerà un altro aumento di 0,50 punti percentuali a settembre. Ma il primo aumento di 0,25 punti percentuali arriva ad agosto.

Tasso di mutuo del 5%.

Nordea Markets ritiene che il tasso di riferimento chiave entro la fine del 2023 sarà del 3,25%. In questo caso, il tasso di mutuo tipico sarebbe di circa il 5 per cento, in aumento di due punti percentuali rispetto a oggi. L’incertezza in Europa e la crisi energetica parlano a favore di tassi di interesse bassi e inflazione inaspettatamente alta qui in patria per tassi di interesse più alti

L’aumento del prezzo base da giugno 2021 a giugno 2022 è vicino al 3,6% dal valore più alto misurato (3,7%) dall’inizio di queste misurazioni nel 1995. Questo record potrebbe essere battuto a luglio e agosto.

Il comitato sui tassi di interesse della Banca di Norvegia sta ponendo fine al suo ancoraggio programmato per venerdì prima delle riunioni sui tassi di interesse, ovvero il 17 settembre. Poi la banca centrale ha ricevuto, tra l’altro, i dati sull’inflazione di agosto (pubblicati il ​​10 settembre).