Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Continuiamo a finanziare la guerra di Putin – VG

Abbandona i prezzi elevati dell’energia: carbone, petrolio e gas sono stati costosi dallo scorso autunno. Ed è esattamente ciò che la Russia di Vladimir Putin ci sta vendendo.

L’Unione Europea vieta l’importazione di carbone russo. Ma mandiamo comunque miliardi di corone in Russia.

Inserito:

Questo è un commento. Il commento riflette la posizione dell’autore

Politiche che non erano state pianificate fino a poco tempo fa sono in linea con il diventare realtà dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

giovedi L’Unione Europea ha deciso Per vietare l’importazione di carbone russo.

Si dice che il petrolio sia il prossimo. Ora ci stiamo avvicinando a ciò che sta davvero colpendo la Russia.

Per le autorità ucraine lo è “denaro insanguinato”. Dall’inizio della guerra internazionale UE comprata Energia russa di oltre 330 miliardi di corone.


L’Europa chiede di fermare gli scambi con la Russia: una madre russa ha postato questa foto su Instagram. Dice di aver scritto le sue informazioni di contatto sulla schiena di sua figlia quando è scoppiata la guerra.

Su Instagram Una madre ucraina ha pubblicato una foto della sua giovane figlia dei primi giorni di guerra. Sul retro ci sono nomi e informazioni di contatto scritti a penna a sfera. La madre ha scritto nel caso in cui i genitori fossero stati uccisi e il bambino fosse sopravvissuto.

– E l’Europa sta ancora discutendo di gas, ha scritto ironicamente la giornalista Anastasia Lapatina sul Kyiv Independent. La foto è stata pubblicata su Twitter.

Il giornalista ha ragione. Questo commercio deve finire.

Ma l’Europa parte dal più semplice.

READ  Ricongiungimento familiare: - - Abbiamo perso quattro anni

Il divieto di acquisto di carbone non entrerà in vigore fino ad agosto. E il carbone, l’Europa ne ha grandi quantità. La Russia, dal canto suo, può vendere carbone (e petrolio) ad altri paesi, come Cina e India.

Esportazioni di gas in Europa: Putin ha firmato qui un gasdotto nel 2009. Il gas russo è utilizzato in Europa per il riscaldamento, è alimentato da energia ed è richiesto nell’industria.

D’altra parte, il gas russo è il mercato più importante in Europa. Perché questo gas va principalmente in enormi gasdotti a ovest.

Allo stesso tempo, l’Europa ne ha un disperato bisogno. Le vendite di gas russe sono aumentate dallo scoppio della guerra. I paesi riempiranno le loro scorte prima dell’inverno. Il bisogno è grande. I prezzi dovrebbero rimanere elevati durante tutto l’anno.

In buona compagnia: Putin con la tedesca Angela Merkel, che ora ha rassegnato le dimissioni, e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Per molto tempo, l’opinione prevalente in Germania e in Europa era che l’interdipendenza attraverso il commercio avrebbe impedito atti di guerra.

L’Europa è così dipendente che non può permettersi di penalizzare il gas, ha detto giovedì Carlos Torres Diaz di Rystad Energy in un webinar sponsorizzato da Montel.

Sui social media, gli europei sono descritti come animali lussuosi che non possono vivere senza condizionatori d’aria o riscaldatori per tablet anche se i bambini ucraini vengono violentati e uccisi.

Ma non è facile. Senza il gas russo, l’Europa potrebbe diventare fredda e oscura. Ora, i governi di molti paesi si sono sentiti in dovere di aiutare i cittadini con bollette energetiche esorbitanti.

READ  Da solo in autostrada, un tassista ha fotografato Depanhe Escobar, 18 anni. Due settimane dopo, è stata trovata uccisa nelle vicinanze.

E sarebbe peggio se l’Europa non potesse comprare il gas di Putin.

Preparato come arma: Vladimir Putin si allena con un modello di mitragliatrice, 2012.

I paesi meno dipendenti dall’energia russa sono i più difficili da chiedere un boicottaggio. La Polonia e gli stati baltici tagliano le importazioni dalla Russia. Il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno deciso presto di boicottare il petrolio russo.

Ma questi paesi sono stati abbastanza intelligenti da non fare affidamento su un dittatore per poter cucinare le patate.

Rimozione della cera di Putin: un dipendente del Museo Griffin di Parigi ha smantellato una statua di cera di Putin il 1 marzo di quest’anno dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

Lo stesso non vale per Germania, Italia e paesi dell’Europa centrale e orientale. Dipendono dal gas russo.

La Danimarca, che è essa stessa un paese del gas, dipende anche dal gas importato attraverso la Germania. Ora hanno elaborato un piano di emergenza per cosa accadrà se il gas dalla Russia si fermasse.

secondo ritzao Hanno elencato 50 aziende che sono in prima fila a dover sacrificare se il gas viene soffocato.

Quindi, significa fermare o limitare il lavoro.

OCCUPATO DI GUERRA: la narrativa unificata della Russia è la Grande Guerra Patriottica, che è la Seconda Guerra Mondiale. Qui Putin celebra il 75° anniversario della vittoria dell’Unione Sovietica nella battaglia di Stalingrado.

Questo non è chiaro nemmeno per l’Ucraina. L’acquisto di carbone e petrolio è senza dubbio qualcosa che vogliono fermare. Ma il paese ha entrate significative dalla spedizione di gas russo in Europa tramite gasdotti.

READ  Regno Unito: - Punito prima della riapertura:

È dura anche in Germania. Senza il gas russo, ne avrebbero uno Regressione nella creazione di valore e chiudendo nel settore. I lavori scompaiono, le persone diventano disoccupate, i tedeschi ricevono consigli peggiori e più si bloccano.

Dietro c’è una politica energetica fallita. Non facevano affidamento esclusivamente sull’alimentazione della dittatura. Anche la Germania ha chiuso il nucleare.

L’energia del carbone ora funziona a piena velocità. La Germania ha enormi riserve di carbone. Ciò comporterà un aumento delle emissioni climatiche.

Inoltre, saranno costruite più fonti di energia rinnovabile. La temperatura interna dovrebbe essere abbassata. Gli Stati Uniti venderanno più gas all’Europa. Anche la Norvegia ha fatto del suo meglio per aumentare la produzione.

Quindi per la sua rapida vittoria: qui Putin e i suoi colleghi celebrano la Giornata dell’esercito il 23 febbraio. Molti si aspettavano che la Russia avrebbe rapidamente rovesciato il regime di Kiev dopo l’invasione del 24 febbraio. Non è andata così.

Le autorità tedesche si oppongono all’asfissia del gas russo, poiché li danneggerebbe gravemente quanto i russi.

È più probabile che immaginiamo uno svezzamento graduale che una pausa, afferma Carlos Torres Diaz a Rystad.

Più del GNL: il gas russo viene trasportato principalmente in Europa. Ma ora l’Europa vuole tagliare quanto più possibile questo gas e sostituirlo con GNL (congelato, liquido) dall’America, tra gli altri paesi.

Ma non è detto che l’Europa avrà scelta. Perché nello stesso momento in cui l’Unione Europea smette di comprare energia da Putin, il dittatore minaccia di chiudere i rubinetti se non viene pagato in rubli.

Poi chiede se osa. Si tratta in ogni caso dell’eventuale chiusura delle gru russe.

La maggior parte delle persone ora lo capisce. Non puoi commerciare con un uomo simile. È solo questione di tempo.

È davvero assurdo che l’Europa stia ancora pagando il prezzo del naufragio dell’Ucraina operato da Putin.