Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Contro le accuse: – Hårreisende

Contro le accuse: – Hårreisende

Il ministro israeliano delle comunicazioni Shlomo Karhe ha formulato le sue accuse giovedì in un post x/twitterSotto forma di lettera aperta al New York Times, alla CNN, all’Associated Press e alla Reuters.

I quattro media hanno negato fermamente queste accuse.

– Le accuse sono false e vergognose. Promuovere tali affermazioni, che mettono a rischio i nostri giornalisti sul campo in Israele e a Gaza, è del tutto indifendibile, ha scritto in un articolo il New York Times. dichiarazione.

La guerra nascosta di Israele


È necessaria una revisione completa

Il messaggio del Ministro israeliano delle Comunicazioni affermava quanto segue:

“Abbiamo appreso che alcune persone nella vostra organizzazione, inclusi fotografi e altri, erano a conoscenza di questi atti orribili e potrebbero aver mantenuto un rapporto inquietante con gli autori”.

Chiede quindi una revisione completa del caso.

Il messaggio arriva dopo l’uno un report Dall’organizzazione filo-israeliana Honest Reporting, vengono poste le domande chiave su come i media potrebbero catturare foto per la stampa relative all’attacco, senza preavviso ai fotoreporter.

Questo è il rapporto sul quale hanno commentato i suddetti esponenti dei media, i quali hanno tutti negato di essere a conoscenza dei piani di Hamas.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu va oltre nelle sue accuse.

– Questi giornalisti sono complici di crimini contro l’umanità – Le loro azioni sono contrarie all’etica professionale, afferma in A dichiarazione.

Il giornalista di Al Jazeera Wael Al-Dahdouh stava coprendo il conflitto da Gaza ed era nel bel mezzo di una trasmissione in diretta quando gli è stato detto che sua moglie, suo figlio e sua figlia erano stati uccisi in un attacco aereo israeliano. Video: Associated Press/Reuters
Mostra di più

I media stanno rispondendo a questo

Reuters Ha dichiarato di aver ottenuto le foto da due fotografi indipendenti residenti a Gaza, con cui l’agenzia di stampa non aveva alcun rapporto precedente, e che le loro foto sono state scattate due ore dopo l’inizio dell’attacco.

I nostri giornalisti non erano presenti sul posto nei luoghi indicati da Honest Reporting, ha scritto l’agenzia di stampa.

Agenzia di stampa Ha affermato che le prime immagini, scattate anche da fotografi indipendenti, sono state scattate più di un’ora dopo l’inizio dell’attacco.

– Non c’era personale di frontiera durante l’attacco, e nessun personale ha attraversato il confine in nessun momento, ha scritto l’agenzia di stampa.

Sia AP che CNN Allo stesso tempo, lo Stato ha interrotto la collaborazione con un giornalista indipendente, dopo che il rapporto indicava che era presente con i combattenti di Hamas durante l’attacco.

Il New York Times sta difendendo il suo fotografo freelance, che ha fornito l’AP quando ha coperto l’attacco.

– Sebbene non lavorasse con noi il giorno dell’attacco, da allora ha svolto un lavoro importante per noi. Il giornale ha scritto che non ci sono prove di ciò a cui allude Honest Reporting.

- Dovrebbe essere più chiaro

– Dovrebbe essere più chiaro


Almeno 39 giornalisti sono stati uccisi

Dall’inizio della guerra, il 7 ottobre, sono stati uccisi finora almeno 39 giornalisti, tra cui 34 palestinesi, quattro israeliani e un libanese.

Mostra una panoramica di Comitato per la tutela dei giornalisti.

Rappresenta il periodo più mortale per i giornalisti coinvolti nel conflitto da quando l’organizzazione ha iniziato a monitorare le morti nel 1992.

Ci sono state anche segnalazioni di giornalisti uccisi, feriti, scomparsi o detenuti, su cui l’organizzazione sta indagando.

I giornalisti nella Striscia di Gaza sono particolarmente vulnerabili, poiché vivono come tutti gli altri con continui attentati dinamitardi, blackout delle comunicazioni e mancanza di forniture di base di cibo, acqua e medicine.

Il fotoreporter palestinese Ashraf Amra è l’opposto VG Ha accusato l’esercito di occupazione israeliano di prendere di mira i giornalisti palestinesi per impedire loro di lavorare. L’esercito israeliano ha negato ciò e allo stesso tempo ha informato molti media al riguardo Non può garantire la sicurezza dei suoi giornalisti.

READ  - È molto pericoloso - VG