Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Controcultura, discussione |  Dal power pooling al tetto di potere contro la fame

Controcultura, discussione | Dal power pooling al tetto di potere contro la fame

Postazione di discussione Questa è un’introduzione alla discussione, scritta da un collaboratore esterno. La pubblicazione esprime le opinioni di chi scrive.

All’ombra degli orrori A Gaza, in Israele e nella brutale guerra della Russia contro l’Ucraina, il mondo è testimone di una crisi alimentare di proporzioni spaventose. 258 milioni di persone vivono sull’orlo della carestia e necessitano di assistenza immediata. Ogni sera 735 milioni di persone vanno a letto affamate.

Numero di persone affamate È aumentato negli ultimi dieci anni a causa del cambiamento climatico, della crescente disuguaglianza e del numero sempre crescente di conflitti armati. Tuttavia, gli sforzi internazionali per invertire questa tendenza stanno rallentando. Nel 2024, il Programma Alimentare Mondiale dovrà affrontare la più grande riduzione della portata delle sue attività nei sessant’anni di storia delle Nazioni Unite.

Leggi anche

La Norvegia non ha un piano alimentare se il commercio fallisce: – Non siamo abbastanza preparati

Lo stava predicando Due anni fa, il governo ha posto gli sforzi per rafforzare la sicurezza alimentare e l’adattamento climatico nei paesi poveri come priorità politiche principali nella politica di sviluppo norvegese. La strategia Raccogliere le forze contro la carestia: una politica per aumentare l’autosufficienza Ciò è avvenuto esattamente un anno fa e ha evidenziato che l’attuale governo ha grandi ambizioni e buone priorità.

Continuano anche La Strategia per il clima, la fame e la vulnerabilità, lanciata dal precedente governo per aumentare gli sforzi di adattamento climatico nel Sud del mondo, in particolare nella produzione alimentare. Il principale gruppo target per entrambi questi gruppi sono i produttori alimentari su piccola scala nei paesi in via di sviluppo perché sono spesso tra i più poveri e più colpiti dal cambiamento climatico, dalla disuguaglianza e dai conflitti, ma anche perché forniscono la maggior parte della produzione alimentare locale.

READ  Ascolta le voci opposte delle Dolomiti! | steigan.n

Sempre più di questi Sfollati a causa della siccità e delle inondazioni, soffrono di estrema povertà e vivono sull’orlo della carestia. Paradossalmente, molti dei 3,1 milioni di bambini che muoiono di fame ogni anno sono figli di agricoltori.

La buona notizia è La scienza e tutte le nostre esperienze dimostrano che esistono buone misure che possono invertire questo sviluppo. La cosa più efficace che possiamo fare per porre fine alla fame, alla malnutrizione e alla povertà estrema entro il 2030 è garantire che i produttori alimentari su piccola scala possano lavorare insieme attraverso organizzazioni, imprese o cooperative di proprietà degli agricoltori, in modo che possano produrre più cibo e di migliore qualità, al tempo stesso. un costo inferiore. Allo stesso tempo sviluppare un sistema alimentare locale sostenibile.

Significa locale Una produzione alimentare in cui l’agricoltore riceva una congrua quota di reddito, che le donne e i giovani siano trattati allo stesso modo degli uomini e che la produzione alimentare rafforzi la base delle risorse naturali, anziché indebolirla.

Economista norvegese Concentrarsi sulla sicurezza alimentare e sull’adattamento climatico ha perfettamente senso in un mondo di crescente incertezza. Pertanto, ci sentiamo a disagio quando l’impegno finanziario per la sicurezza alimentare e l’adattamento climatico non è incluso nella proposta del governo per il bilancio statale per il 2024. Nonostante il fatto che il governo dichiari che la sicurezza alimentare è la sua massima priorità nella politica di sviluppo, gli stanziamenti e i costi come il livello di attività è diminuito drasticamente, notevolmente rispetto al bilancio modificato per il 2023.

Una forza economica norvegese nella sicurezza alimentare e nell’adattamento climatico ha perfettamente senso in un mondo di crescente incertezza.

Con un aumento da zero a Adattamento climatico nei paesi poveri Il governo sta inoltre venendo meno alla promessa di triplicare i sussidi entro il 2026.

READ  Dibattito norvegese, Egil Drillo Olsen

È particolarmente pericoloso Alla luce del rapporto delle Nazioni Unite sull’Adaptation Gap 2023: Mancanza di finanziamenti. non pronto. È stato lanciato il 2 novembre. Sembra che il ritmo dell’adattamento climatico globale stia ora rallentando a causa dell’ampio e crescente divario tra le esigenze di adattamento climatico dei paesi poveri e il contributo dei paesi ricchi. I bisogni sono ora tra 10 e 18 volte superiori alla disponibilità dei paesi ricchi a finanziare, e più alti del 50% rispetto a quanto stimato in precedenza (da 194 a 366 miliardi di dollari all’anno fino al 2030).

Soprattutto i poveri lo fanno I paesi e i gruppi vulnerabili come gli agricoltori sono più vulnerabili ai cambiamenti climatici di quanto lo sarebbero se i paesi ricchi come la Norvegia si assumessero la responsabilità.

Purtroppo simili Negoziati sul bilancio quest’anno per il 2022. È stato solo dopo la revisione dei negoziati sul bilancio nell’aprile di quest’anno che il Parlamento ha finalmente garantito maggiori sforzi norvegesi per la sicurezza alimentare, ma solo per coloro che sono colpiti dall’aumento dei prezzi alimentari a seguito della guerra contro l’Ucraina.

Leggi anche

Rapporti riservati sulla schiavitù moderna nelle piantagioni britanniche

Quest’anno lo Storting è un must Pertanto, dobbiamo garantire che il bilancio 2024 contenga fin dall’inizio un impegno adeguato a favore della sicurezza alimentare. Proponiamo un aumento di 2 miliardi di dollari per la sicurezza alimentare e di 500 milioni di dollari per l’adattamento climatico.

Questo dovrebbe aumentare Si tratta di una parte del bilancio statale stesso e non di una sovvenzione aggiuntiva, poiché è difficile ottenere soluzioni sostenibili e permanenti in queste aree con investimenti a breve termine. Un tale aumento rientrerebbe nei fondi disponibili nel bilancio se il Parlamento manterrà la sua promessa di spendere l’1% del reddito nazionale lordo in aiuti allo sviluppo (la proposta del governo è dello 0,94%).

READ  Scavo di insediamenti dai tempi antichi a Fuerteventura-Spagna-Posten-Alicante, Malaga, Gran Canaria