venerdì, Giugno 21, 2024

“Così fan tutte” come un’opera IKEA è impacchettata in Operaen – Dagsavisen

Must read

Ernesto Conti
Ernesto Conti
"Scrittore. Comunicatore. Drogato di cibo pluripremiato. Ninja di Internet. Fanatico della pancetta incurabile."

4

musica lirica

“Koshi Fan Dutte”

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart

Libretto: Lorenzo da Ponte

Direzione musicale: Tobias Ringborg

Regia: Kathryn Whiteman

Con Frøy Hovland Holtbakk, Kari Dahl Nielsen, Magnus Ingemund Kjelstad, Eirik Grøtvedt, Audun Iversen, Eldrid Gorset, Opera Orchestra, Opera Choir

Opera e balletto norvegesi

Durante una riunione mattutina in un reparto marketing, ho fatto uno sforzo onesto per sopprimere le immagini nella mia testa quando qualcuno aveva una grande idea. Se ci aggiungiamo la buona volontà e guardiamo bene la grammatica italiana, rovinare gli scaffali di questo grande magazzino è “come fanno tutti”, Accidenti, Almeno in una certa parte della società. Può essere usato per dire qualcosa di importante o divertente.

Ma uno dei tanti strani anticlimax nella nuova direzione di Kathryn Wideman in “Kosi fan dutte” è che IKEA scompare dopo la prima scena. Lì, i cantanti si trovano di fronte a un grande fermo immagine di scaffali di magazzini familiari con borse della spesa gialle e blu sulle spalle, e il manipolatore direttore del magazzino Don Alfonso, interpretato da Autun Iverson, è sopraffatto dalla band. Molto presto. Lasciamo il grande magazzino di mobili fino a quando finalmente scende la stessa scena. Se non altro, riflette che nel frattempo è successo ben poco sul palco, a parte Iverson che canta in modo caldo e bello. Sul sito web dell’opera, il regista e il drammaturgo approfondiscono il ruolo dei grandi magazzini nel ruolo mutevole della classe media. Sul palco, IKEA è così cieco che sembra quasi uno spazio prodotto.

Potrebbe essere un’analogia arbitraria che la commedia in “Cosi fan dutte” (1790) sia spesso considerata piatta. Le due sorelle di Frøy Hovland Holtbakk e Kari Dahl Nielsen, Fiortiliki e Dorabella, sono ben cantate qui, ed è difficile comprare l’espediente che si lascino sedurre dagli amanti per ore travestite senza scoprirlo. L’architetto dietro è Dan Alfonso, che vuole dimostrare che le donne sono umane e non così leali come credono i loro uomini. Hedda Hogassen-Halsby scrive magnificamente sul sito web dell’opera su come la transizione dell’opera del 1790 all’Illuminismo e un nuovo modo di vedere sia le persone che l’amore siano più mutevoli ed eterni degli dei sul palco. Finora.

READ  Rispondi alle domande sulle organizzazioni che salvano vite nel Mediterraneo

Ma tale agilità non raggiunge il livello di pre-revisione in questo prodotto. Le immagini di sfondo scattate all’uscita dal grande magazzino sono ancora proiettate sulle due superfici inclinate che costituiscono il punto di vista centrale. La struttura chiude completamente lo spazio, e le foto sono fuori luogo: un soggiorno anonimo, un viale maestoso, strade cittadine piovose, luci al neon sonnolente e dai colori accesi, un colore grigio che ricorda il ponte di Øresund. Perché gridare all’IKEA se non lo userai per niente?

Tuttavia, la distanza tra il testo piatto e la musica giocosa e ambigua di Mozart può essere considerata produttiva. Personaggi che lo sanno ma fingono di non saperlo, artisti che sanno quando il personaggio è vuoto o la musica ne sa più del personaggio. Il baritono e solista Magnus Ingemund Kelstad nei panni di Guglielmo rivela immediatamente molte di queste sottigliezze musicali e teatrali. Come Kari Dahl Nielsen nei panni di Dorabella, è tecnicamente brillante sin dall’inizio. Guglielmo ed Eric Crotvedt nei panni di Ferrando raggiungono connessioni fisiche e musicali in uno spazio difficile. Alcuni dei solisti impiegano un po’ di tempo per affermarsi vocalmente. Alla fine tutti e sei cantano bene, ed Eldrid Corset, sostituendo Birgit Christensen, incanta la promessa Despina sul palco con brevissimo preavviso.

Ma intorno ai cantanti si è spento. La scenografia crea una rigida divisione dello spazio scenico in entrambe le direzioni. Potrebbe essere stato ispirato dalla simmetria del cast o dal budget limitato, ma la rigidità permea la musica e la musica da camera. I single lavorano duramente per convincerci che sono romantici, confusi e maledetti, ma sono costantemente in piedi e seduti in fila, spesso per lunghe distanze, senza veri e propri luoghi naturali. Atto. Ci vuole molto tempo prima che scoppi la scintilla tra il palco e la band.

READ  Dustat fino alla fine quando il miglior talento italiano ha subito un errore tecnico:

Il direttore d’orchestra Tobias Ringlund fa molto, ma l’energia è per lo più sulla scrivania del direttore d’orchestra. Per me è solo nelle grandi arie dopo l’intervallo che si verifica l’interazione imprevedibile e vivace tra i solisti e l’orchestra. Ma molte di queste scene sono praticamente da concerto e avrebbero funzionato bene in una stanza vuota.

Un altro strano e triste contributo alla natura piatta di questa produzione è la partecipazione del cantante lirico alle uniche registrazioni in un posto tramite una radio a transistor (!). Le cose non devono essere grandi e costose per funzionare, ma il movimento sembra completamente disinteressato nel lasciare spazio per far emergere gli elementi di base dell’opera, delle persone e della musica. Katrine Wiedemann e la scenografa Maja Ravn hanno già fatto insieme il “Don Giovanni” di Mozart, ma poi con un ensemble barocco, un esercizio strumentale che funziona in modo molto diverso da un’orchestra in un cimitero con un direttore.

La mia mancanza di scenografie raggiunge il picco quando due macchinisti in nero vengono mandati a raccogliere un bidone della spazzatura. Anche se non sono sicuro del motivo per cui Fiortiliki avesse bisogno del barattolo in primo luogo, il cestino è uno dei pochi extra che possono essere inviati ovunque senza rovinare alcun dramma. Ma i singoli hanno salvato la serata e hanno guadagnato più di quattro bulbi oculari individualmente. Meritano di essere ascoltati prima che un nuovo coro subentri per qualche motivo in autunno.

READ  Lamborghini per Le Mans il prossimo anno

More articles

Latest article