Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Credere nelle parole magiche – adressa.no

Credere nelle parole magiche – adressa.no

I bambini dovrebbero essere “digitalmente competenti”, si dice per difendere il posto dello smartphone in classe. Ma qualcuno sa cosa significa realmente?

Giocato una volta Io sono per la squadra di calcio retrocessa. La retrocessione implicava la necessità di valutazione e autoesame, e abbiamo dovuto scavare in profondità per trovare risposte sul motivo per cui le cose sono andate come sono andate. La conclusione raggiunta da un gruppo omogeneo di giocatori è stata la seguente: La squadra allenatrice era troppo concentrata sui risultati.

C'è qualcosa di un po' ironico nella battaglia per la retrocessione che ha avuto luogo A Preoccupato per i risultati, ma il punto importante per i giocatori è la necessità di enfatizzare lo sviluppo delle prestazioni. Lo sviluppo deve portare a risultati e non il contrario. Per gli allenatori, il feedback era un semplice ordine di marcia. Erano pronti a cambiare e hanno agito fin dall’inizio: ora dovevano farlo Qualunque cosa A proposito di sviluppo. La domanda era: come procedere per raggiungere questo obiettivo?

Tutto era meglio prima

Dovrebbe apparire Essere eccezionalmente leggeri. Tutto quello che devi fare è pronunciare la parola sviluppo in qualsiasi momento. La parola era racchiusa in tutti i tipi di contesti e frasi e all'amministrazione sportiva sembrava di essere liberata da tutto il clamore sui risultati. Lo sviluppo era un vino nuovo. Se vinciamo le partite significa miglioramento, se perdiamo partite non significa miglioramento. Era così semplice.

L'allenatore avrebbe potuto gridare dopo la sconfitta: “Questo non è progresso, ragazzi!”, e su questo tutti erano d'accordo. Nessuno aveva dubbi. Ci stavamo evolvendo, questo si ripercuoteva su tutto ciò che facevamo e le regole erano chiare per i giocatori:

Se giochi bene, sostieni lo sviluppo, se giochi male sei contrario.

Chi vuole essere? contro sviluppo?

Dovresti pensare Ho scritto molto sullo sviluppo, ma sai come ci sentivamo in quello spogliatoio. La parola viene inserita in ogni frase valida con la convinzione che se la dici abbastanza volte, accadrà. E la fede, si sa, è capace di far crescere le montagne e le squadre di calcio.

Stavo pensando alla parola magica “sviluppo”. E a tutte le altre parole ci aggrappiamo nella speranza che si avverino se le diciamo abbastanza. È un po’ come l’estrazione petrolifera rispettosa del clima. Oppure competenza digitale, la nuova parola d'ordine tra il pubblico norvegese.

Tuttavia, se vogliamo credere alle critiche mosse alle nuove raccomandazioni nazionali sull'uso del cellulare a scuola. Perché come possono i bambini e gli adolescenti sviluppare competenze digitali se i loro telefoni non sono sempre disponibili?

Nel progetto NRK “Avlogga” abbiamo incontrato un paio di settimane fa a Stoccolma il medico e psichiatra Anders Hansen. È l'uomo dietro il libro “The Screen Brain” e la serie SVT “Din härna” e pensa che sia una follia far entrare gli smartphone in classe. Ma coloro che si oppongono alla regolamentazione sostengono che stiamo rendendo un cattivo servizio ai bambini rimuovendoli nuovamente. “Devono imparare ad organizzarsi”. Secondo Hansen lo stesso argomento è ampiamente utilizzato anche in Svezia.

Ha poi raccontato la storia di Max Tegmark, fisico svedese del MIT di Boston e ricercatore del KI. Tegmark ha dovuto spegnere il wifi e mettere via lo smartphone per poter scrivere il suo libro precedente. Questo è uno dei fisici più importanti del mondo. Esperto in intelligenza artificiale. C’è addirittura chi afferma di possedere quella che viene chiamata “competenza digitale”. Ma finisce anche nell'angolo del divano mentre il suo pollice scorre una scorta infinita di cibo, a meno che non si allontani fisicamente dalla tecnologia.

Adesso il cellulare deve essere portato fuori dalla scuola

Ma qui in Norvegia Ci sono persone che credono che i ragazzi di 12-13 anni dovrebbero imparare a maneggiare la tecnologia comportamentale più avanzata del mondo mentre l'hanno in tasca. Le stesse persone accusano di panico morale coloro che mettono in dubbio il ruolo degli smartphone e dei social media nella vita dei bambini. Allo stesso tempo, credono che tutto andrà perduto in termini di competenza digitale dei bambini, se non sarà loro permesso di scorrere su Tiktok nelle aule norvegesi.

Dicono “sviluppare competenze digitali” nello stesso modo in cui la parola “sviluppo” è stata pronunciata nello spogliatoio in cui ero seduto. Le argomentazioni vengono fatte come se il futuro fosse un luogo a cui siamo appena arrivati. Dobbiamo abituarci alla nuova era. La nuova era in cui i bambini trascorrono sette ore al giorno sugli schermi. Oppure 100 giorni all'anno. Oppure 300 giorni lavorativi. Metà del suo tempo di veglia. Mezza infanzia.

Ma se osi chiederci se questo è ciò che vogliamo per i nostri figli, sai cosa diranno i critici:

Dimmi, sei favorevole o contrario allo sviluppo?

Cosa intendi? Invia il tuo testo a [email protected] o partecipa alla discussione nel campo dei commenti qui sotto – e ricorda il tuo nome completo!

READ  Giugno è stato il mese più caldo di sempre in Nord America - VG