Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Crollo dei mercati azionari in Asia dopo le turbolenze in Medio Oriente – E24

Crollo dei mercati azionari in Asia dopo le turbolenze in Medio Oriente – E24

C'è nervosismo sui mercati azionari asiatici dopo l'attacco iraniano a Israele nel fine settimana.

Pubblicato:

Durante il fine settimana, c'è stata tensione su cosa accadrà alla riapertura dei mercati in seguito all'attacco di ritorsione dell'Iran contro Israele e ai successivi disordini in Medio Oriente.

Tra i possibili scenari, il prezzo del petrolio potrebbe salire, i principali indici del mercato azionario come S&P e Nasdaq potrebbero scendere e i tassi di interesse a breve termine potrebbero aumentare.

Lunedì mattina si è registrato un calo generale del mercato azionario delle borse asiatiche, mentre i prezzi del petrolio sono rimasti stabili. Nel frattempo, il prezzo dell’oro continua a salire.

I principali rischi per l’economia globale sono che questa situazione si stia ora trasformando in un conflitto regionale più ampio e quale sarà la risposta nei mercati energetici, afferma all’agenzia di stampa Neil Shearing, capo economista di Capital Economics. Reuters.

Ecco come si presenta la situazione su alcune delle borse più importanti della regione Asia-Pacifico lunedì intorno alle 6:00:

  • La Borsa di Tokyo è scesa dello 0,99%.
  • L'indice Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,73%.
  • L'indice Kospi a Seul è sceso dello 0,76%.
  • L'indice composito di Shanghai è salito dell'1,21%.
  • L'indice ASX 200 di Sydney è sceso dello 0,41%.
  • L'indice FTSE Straits Times di Singapore è sceso dell'1,07%.

Continua a leggere E24+

Gli investitori nel paese non possono ignorarlo

– più complicato

Il prezzo del petrolio del Mare del Nord (la zona bruciata) ha raggiunto circa 90 dollari al barile nelle ore mattutine di lunedì, rimanendo relativamente invariato dalla mezzanotte.

READ  Uno degli imputati trovato morto - VG

– Un aumento dei prezzi del petrolio renderà più complicati i tentativi di ridurre l’inflazione al livello target nelle economie avanzate, ma non avrà un impatto significativo sulle decisioni delle banche centrali a meno che gli alti prezzi dell’energia non si estendano all’inflazione core, dice Shearing.

Israele non ha ancora risposto all’attacco iraniano. Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato la necessità di impedire l'escalation del conflitto in Medio Oriente.

L'indice Nikkei 225 di Tokyo ha registrato uno dei ribassi maggiori, perdendo circa l'1% alle 6.30 ora norvegese.

– Il mercato di Tokyo è sotto pressione a causa dell'escalation delle tensioni in Medio Oriente, secondo un commento di mercato dell'intermediario finanziario Monex, secondo NTB.

Ascesa cinese

Lunedì mattina i mercati azionari cinesi rappresentano un'eccezione, poiché secondo Bloomberg i mercati azionari stanno registrando un rialzo a seguito di una serie di misure adottate dalle autorità prima del fine settimana. Tra le altre cose, le autorità hanno inasprito gli standard di quotazione in borsa e hanno represso le vendite illegali di azioni.

Martedì le autorità cinesi presenteranno i dati sull'attività dell'economia cinese.

– Il mercato sarà probabilmente teso per tutta la settimana e ci saranno pressioni sul mercato petrolifero. Se i numeri provenienti dalla Cina dovessero sorprendere al rialzo, ciò potrebbe avere un impatto sul mercato petrolifero, ha detto a E24 nel fine settimana l’analista petrolifero Helgi Andre Martinsen di DNB Markets.