Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Crollo della civiltà nel cuore dell’Europa?

  • Nina Witousek

    Ricercatore senior, Centro per lo sviluppo e l’ambiente, Università di Oslo

Bambini, migranti e guardie di frontiera polacche stanno su entrambi i lati del recinto spinato tra Polonia e Bielorussia. La foto è stata scattata il 17 novembre, vicino a Grodno in Bielorussia.

L’Unione europea dovrebbe essere invitata al confine polacco-bielorusso per diversi motivi.

Cronaca
Questa è storia. Le opinioni espresse nel testo sono a carico dell’autore.

Molti resoconti della stampa sulle schermaglie in corso al confine polacco-bielorusso sono eccessivamente semplificati. È spesso citato dai giornalisti che scrivono più velocemente di quanto pensano.

Mancano di contesto. Il grande sfondo su cui è scoppiato il conflitto. Qui stiamo parlando di un possibile crollo della civiltà in Europa, pianificato dal duo Vladimir Putin e Alexander Lukashenko.

Il sogno di Putin

Il piano ha avuto finora tanto successo quanto diabolico, almeno secondo il famoso storico dell’Europa orientale Timothy D. Snyder. In “The Road to No Freedom” (2018), Snyder suggerisce che quando Putin si rese conto che la Russia non poteva diventare come l’Occidente, iniziò a sognare che l’Occidente sarebbe diventato come la Russia: sia disumano che barbaro. Indifferente alla sofferenza umana.

Oggi, migliaia di profughi sfiniti e morenti al confine polacco-bielorusso esprimono il trionfo di quel sogno di Putin.

Le autorità polacche, e sempre più i governi dell’Unione Europea, nelle loro risposte brutali alla crisi dei confini, hanno iniziato a pensare, sentire e agire secondo la logica cinica di Putin. Si basa sul vedere la vita umana come “il fertilizzante della storia”.

L’apparente “ovulazione” dell’Europa orientale è solo la metà di un quadro più complesso

Sorprendentemente pochi commentatori hanno notato che negli ultimi anni Putin non è solo sul punto di destabilizzare l’Europa, ma ha anche l’ambizione di demoralizzare gli europei.

READ  La Cina ha inviato un equipaggio alla stazione spaziale - VG

Ma ha ragione Snyder quando scrive che “l’Occidente si sta trasformando in ciò che Putin vuole che sia”?

Se guardi il Padiglione dell’Europa dell’Est, ci sono molte indicazioni al riguardo. Bulgaria, Ungheria, Slovacchia e Polonia flirtano con la tirannia illiberale della maggioranza che abolisce i tribunali liberi e una stampa indipendente e viola i diritti delle minoranze. L’Ucraina è già parzialmente occupata.

Immagine più complessa

Ma l’apparente “progenie” dell’Europa orientale è solo la metà di un quadro più complesso.

Prendiamo la Polonia come esempio: ci sono centinaia di organizzazioni, gruppi e iniziative che combattono contro l’anarchia, la nazionalizzazione dell’istruzione, l’oppressione delle donne, la liquidazione dei media indipendenti e le vessazioni dei giudici disobbedienti.

Secondo quanto recentemente pubblicato Rapporto Dal Comitato giudiziario, sono stati documentati 26 casi di giudici sospesi, perseguitati o molestati per aver rispettato la costituzione e giudici rispettati della Corte di giustizia europea.

I gruppi sfidano il governo polacco

Ciò che anche i media occidentali ignorano è un graduale risveglio morale nei villaggi e nei villaggi polacchi, che sono spesso dominati dal PiS (partito di governo polacco) lungo il confine con la Bielorussia.

Molti piccoli gruppi sociali, come Granica, Ocalenie e Caritas, sfidano la leadership del governo polacco. Cercano rifugiati, danno loro da mangiare e forniscono assistenza medica.

I membri del gruppo Granica monitorano la situazione dei migranti al confine polacco-bielorusso. La foto è stata scattata il 12 novembre.

Innumerevoli iniziative spontanee, comprese le zuppe per le casalinghe, i droghieri e i regali dei farmacisti per i rifugiati, hanno salvato la vita a fuggitivi morenti e congelati.

Sì, come scrive la giornalista dell’Aftenposten Ingrid Prieke, la crisi dei confini potrebbe essere un vantaggio per l’immagine di sé del Partito della Legge Polacco come eroico difensore dei polacchi contro le “legioni invasori dell’Asia”.

READ  L'auto è andata alla parata di Natale in Wisconsin - NRK Urix - Notizie e documentari stranieri

Ma il ritorno della nuova filantropia è anche un segno che molti cittadini polacchi stanno rispolverando i loro valori cristiani e si affannano a difendere la “comune decenza umana” (nelle parole di un negoziante del villaggio di Kozno).

L’Unione Europea come garanzia

Per i gruppi democratici e umanitari in Polonia e nell’Europa orientale in generale, l’esistenza dell’Unione europea è l’unica garanzia che un giorno il processo in corso di destabilizzazione politica e di crollo della civiltà, che Putin ha così abilmente esagerato, potrà scongiurare. Non importa quanto l’UE sembri lenta e incompetente nel rispondere alle sfide attuali.

Quando parli al Movimento polacco per i tribunali liberi o a un gruppo di 14 donne del Ponte, che ha recentemente sfidato la marcia dei nazionalisti e dell’antisemitismo, ascolti lo stesso argomento: “Non importa cosa pensiamo dell’Unione europea, per la prima volta nella storia europea del paese, possiamo citare in giudizio il governo polacco in un’organizzazione sovranazionale riuscita a raggiungere una pace stabile per più di 60 anni. ”

L’Unione Europea dovrebbe essere invitata

Nel complesso contesto, la situazione al confine polacco-bielorusso è ridicola fino al dolore atroce.

Il governo PiS è davvero molto anti-russo. Ma ha imitato instancabilmente Putin in molte aree. Ora è nella trappola di Putin.

Chiedere aiuto all’Unione Europea (o NATO) è come perdere la verginità genitoriale e muscolare. È una vera umiliazione per le meschine autorità di Putin, che si fingeva un abile difensore degli interessi del Paese. Lo ha fatto riuscendo a ottenere denaro dall’UE senza seguire le regole dell’UE, quindi corteggiando Polexit. Ora diventa chiaro quanto fossero arroganti, deboli e isolati.

Ma la situazione è troppo pericolosa per la Polonia e l’UE per perseguire vecchie divergenze. L’Unione europea dovrebbe essere invitata al confine polacco-bielorusso per diversi motivi.

READ  Nordcoreani: - Preoccupati per la perdita di peso

Primo, gli europei hanno molta più esperienza della Polonia nel trattare con i rifugiati. Nel solo 2015, Frontex ha contato 181.000 casi di attraversamenti illegali delle frontiere tra la sola Libia e l’Italia. Per non parlare delle migrazioni di massa tra Turchia e Grecia o Marocco e Spagna. L’Unione europea può fornire l’assistenza umanitaria più urgente.

Inoltre, l’UE ha strumenti di una classe completamente diversa dalla Polonia per contrastare le provocazioni di Lukashenko e Putin. L’Unione Europea potrebbe bloccare il passaggio dei rifugiati attraverso la Bielorussia attraverso il controllo del traffico aereo. Oppure l’UE potrebbe rallentare Lukashenko eliminando la Bielorussia dal sistema di transazioni finanziarie SWIFT, che è fondamentale per le industrie chiave della Bielorussia.

Non può lasciare che Putin provi

L’Unione Europea, la Polonia, la Norvegia o l’Inghilterra post-Brexit non possono permettere che i tentativi di Putin di provocare un crollo liberaldemocratico nel cuore dell’Europa. Ha già avuto abbastanza successo in Ucraina.

Non possiamo tollerare il suo successo nello smantellare l’unica “pace europea”.

Inoltre, non possiamo fidarci che gli americani ci salveranno ancora una volta dal crollo della civiltà. Come spiegano Hilda Rystad e Hilmar McGildy in un articolo su Aftenposten, è molto probabile che gli Stati Uniti riescano a ottenere un nuovo presidente Trump in carica. Uno sarebbe semplicemente ingannato.