lunedì, Luglio 15, 2024

Danske Bank ha rischiato requisiti più severi in Norvegia – E24

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Le autorità norvegesi hanno dato il via libera anche alle banche estere per stanziare altro capitale. Gli esperti ritengono che ciò possa avere conseguenze anche per la grande banca danese.

Danske Bank ha annunciato due settimane fa che la banca si ritirerà dal mercato privato norvegese.
pubblicato: pubblicato:

Le banche straniere in Norvegia hanno requisiti inferiori per la quantità di fondi che devono avere a disposizione rispetto alle banche norvegesi.

Tuttavia, l’organo dell’Unione Europea che sovrintende al sistema finanziario ha raccomandato ad aprile che le banche straniere dovrebbero destinare più capitale ai prestiti in Norvegia, come avrebbero dovuto fare le banche norvegesi.

Secondo gli esperti, anche Danske Bank, che ha annunciato la sua uscita dal mercato privato norvegese, dovrebbe ricevere requisiti patrimoniali più severi.

Alla domanda sull’importanza dei requisiti patrimoniali più severi della Norvegia per la decisione, il Country Director Erlind Angelos ha risposto come segue:

– La decisione del Gruppo di uscire dal mercato privato norvegese segue una revisione strategica più lunga in cui una serie di elementi sono stati considerati collettivamente e in cui le condizioni normative in ciascun mercato e le differenze ad esse associate hanno svolto un ruolo minore ma complementare.

Leggi anche

Cliente Danske Bank: – Vai oltre il sonno notturno

Danske Bank ha contratto mutui per circa 200 miliardi di corone norvegesi in Norvegia, ma ora è in procinto di svendersi dal mercato privato norvegese.

READ  Bomba Taco: -Triste

In una presentazione, Danske Bank ha definito la Norvegia “un mercato con grandi concorrenti locali e un diverso contesto normativo”.

– Potenzialmente meno concorrenza

– Tuttavia, la valutazione generale in generale ruotava attorno a come investire al meglio i soldi della banca a lungo termine, sia in termini di capitale ma anche in termini di lavoro. Su quest’unica formulazione del materiale trasmesso mercoledì non vogliamo soffermarci, dice l’Angelus.

Il requisito in questione è chiamato “barriera di rischio sistemico” e dovrebbe garantire che il sistema bancario sia più solido.

Thomas Etzen, analista senior presso SEB, si chiede se l’introduzione di requisiti patrimoniali potrebbe portare a una concorrenza più debole per i clienti immobiliari in Norvegia.

Lo scopo del sistema di protezione dai rischi del sistema, afferma Itzen, è quello di poter aumentare e diminuire la velocità di prestito della banca, a seconda di quanto rischio il Tesoro ritiene ci sia nel sistema finanziario.

– Se ritengono che la temperatura sia troppo alta nel mercato dei prestiti, possono aumentare i requisiti. Allora sarebbe stupido e strano per gli stranieri poterci fare una passeggiata.

Ma il sottoprodotto è che probabilmente ci sarà meno concorrenza per i clienti ipotecari.

In attesa di entrare nella condizione

Gli analisti di SEB si aspettano che le autorità danesi seguano la raccomandazione che inasprisce i requisiti patrimoniali per le banche straniere in Norvegia.

– L’autorità di vigilanza finanziaria danese probabilmente non lo farà da sola, dice Itzen.

Eitzen è supportato da Malin Gustavi, responsabile dei servizi legali all’interno di Risk & Regulatory di KPMG.

Dice che l’accordo nordico significa che anche la Danimarca rispetterà i requisiti.

Il segretario di Stato Jakob Byland (Sp) presso il ministero delle Finanze osserva che la raccomandazione, “particolarmente rilevante per le banche scandinave con operazioni in Norvegia”, significa che altri paesi SEE devono presentare i requisiti norvegesi entro il 4 agosto.

Secondo Eitzen, il rischio sistemico massimo è di 3 punti percentuali in Danimarca e di 4,5 punti percentuali in Norvegia, il che significa che costerebbe un ulteriore punto e mezzo di capitale nel caso di un mutuo norvegese se la Danimarca lo facesse Requisiti.

Può persino rompere le differenze competitive

La Norvegia era all’inizio con severi requisiti patrimoniali per le banche norvegesi, afferma Erik Johansen, direttore del settore bancario e dei mercati dei capitali presso Finans Norge.

Le banche estere che operano come cosiddette banche sussidiarie nel mercato norvegese generalmente operano con requisiti patrimoniali nel loro paese d’origine. A causa delle regole più severe in Norvegia rispetto ad altri paesi, i requisiti patrimoniali per le banche norvegesi erano più elevati rispetto alle banche sussidiarie. Ciò ha reso le banche sussidiarie più competitive delle banche norvegesi nel mercato norvegese.

Johansen afferma che l’accordo delle autorità norvegesi nell’UE secondo cui i severi requisiti norvegesi dovrebbero essere applicati anche alle filiali estere contribuisce a creare condizioni di parità nel mercato norvegese.

– Ma finora le autorità svedesi hanno accettato solo la soluzione con l’aumento della precauzione del rischio sistemico per cui ha lavorato il ministero delle Finanze norvegese. Le autorità danesi responsabili di Danske Bank e le autorità finlandesi responsabili di Nordea non hanno ancora seguito la raccomandazione relativa all’esposizione di queste banche in Norvegia.

READ  Il Nasdaq è salito per il quinto giorno consecutivo - E24

More articles

Latest article