Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Delusione – E24

– Delusione – E24

Il CEO di Aker Øyvind Eriksen non specula sull’opportunità di ritirare il progetto di energia rinnovabile Aker Horizons dal mercato azionario dopo il crollo del valore.

Pubblicato: Pubblicato:

– In termini di valore, Aker Horizons è stata una delusione per Aker e altri azionisti. Nel frattempo, Aker Horizons ha lavorato bene con le sfide chiave, dice Øyvind Eriksen a E24.

Il rapporto trimestrale di Aker è stato presentato venerdì. Mostra che i valori hanno continuato a diminuire presso la società di investimenti verdi Aker Horizons, mentre i valori di Aker Oil presso Aker BP sono aumentati nel trimestre.

Continua a leggere E24+

Acker deve affrontare un’orgia di potenziali profitti

Kjell Inge Røkkes Aker ha quotato diverse società rinnovabili durante l’euforia verde sull’Oslo Bors, ma da allora l’interesse degli investitori è rallentato.

  • Solo quest’anno il prezzo di Acre Horizons è sceso del 69%, mentre negli ultimi due anni il calo si è avvicinato al 90%.
  • Mentre due anni fa la quota del 67% di Aker nella società valeva più di 15 miliardi di corone norvegesi, il valore ora si è ridotto a poco più di 2 miliardi di corone norvegesi.

Leggi anche

Gli attori della Norvegia settentrionale ottengono più elettricità: – Aspettatevi una maggiore produzione di energia

– Potrebbe essere opportuno che Aker rilevi gli azionisti di minoranza di Aker Horizons e tolga nuovamente la società dalla borsa?

– Non voglio speculare su questo. In questo trimestre, l’obiettivo di Aker è stato quello di aiutare Aker Horizons con i cambiamenti implementati e in questo modo ristabilire un punto di partenza più solido per ripristinare il valore per gli azionisti nel tempo, afferma Eriksen.

READ  Ciò influenzerà l'Oslo Borse martedì

La decisione sull’idrogeno potrebbe subire ritardi

Eriksen punta alla ristrutturazione delle attività della società di energie rinnovabili Mainstream in Cile con il sostegno dei creditori.

Il progetto in Cile con Mainstream Renewable Power, di cui Aker Horizons detiene una quota di maggioranza, è stato una sfida per l’azienda.

I piani di ristrutturazione della società in Cile sono stati approvati dai finanziatori di progetti finanziari il 2 ottobre di quest’anno, soggetti a “alcune condizioni di chiusura”. La riorganizzazione dovrebbe essere completata nel mese di novembre.

– Per Aker Horizons era importante anche ridurre i costi e concentrare l’attività, tra gli altri, nel campo dell’idrogeno e dell’ammoniaca, in modo che in futuro la parte dell’attività si concentrerà principalmente su un piccolo numero di progetti in Norvegia, afferma Eriksen.

In Norvegia, Aker Horizons ha, tra gli altri, un progetto sull’idrogeno verde a Rjukan e progetti sull’ammoniaca a Narvik e Berlevåg.

Aker Horizons ha precedentemente riferito che la decisione di investimento sul progetto Rjukan dovrebbe essere presa entro la fine dell’anno. Ma questa decisione potrebbe essere ritardata, secondo Eriksen.

– Aker Horizons sta ancora lavorando al progetto Rjukan, un progetto prioritario sull’idrogeno verde.

– A quanto ho capito, la decisione di investimento potrebbe essere leggermente ritardata per garantire la massima solidità della base di investimento. Dice che un accordo di vendita di idrogeno a lungo termine sarà una parte importante del business case.

– Grandi perdite

Sul mercato azionario, le società di energia rinnovabile con grandi piani di crescita hanno dovuto affrontare forti difficoltà a causa del forte aumento dei tassi di interesse e delle sfide della catena di approvvigionamento.

READ  Tutti gli occhi sono puntati sul fratellino di Bitcoin - E24

Ørsted, Equinor e BP hanno tutte investito miliardi nell’energia eolica offshore negli Stati Uniti e Ørsted ha recentemente ridotto i loro valori di 45 miliardi di NOK.

– Dal punto di vista del mercato dei capitali, la situazione nel campo delle energie rinnovabili è desolante. Ma nei mercati principali ci sono ancora differenze individuali significative, sia tra i settori che tra le regioni geografiche, afferma il CEO di Aker.

La situazione dell’eolico offshore è impegnativa per molte ragioni, afferma Eriksen.

Ci sono perdite significative sia per gli operatori che per i fornitori, reti e infrastrutture deboli che richiederanno grandi investimenti e richiederanno tempo per essere messe in atto, prezzi variabili dell’elettricità e modelli di cooperazione poco chiari tra attori del settore pubblico e privato.

– Si tratta di una serie di temi che, nel loro insieme, ricordano che il settore eolico offshore è ancora immaturo. Ma ci saranno sicuramente anche opportunità per investire in imprese e progetti esistenti e per sviluppare nuovi progetti in collaborazione con altri attori, ha spiegato.