giovedì, Giugno 20, 2024

“Det norske” cambia ancora

Must read

Ernesto Conti
Ernesto Conti
"Scrittore. Comunicatore. Drogato di cibo pluripremiato. Ninja di Internet. Fanatico della pancetta incurabile."




© Foto: Xueqi Pang / VG
Dibattito “norvegese”: – Per molti anni, sono stato soggetto a un processo dal voler vedere me stesso come un norvegese, all’abbraccio da parte di mia madre. Allo stesso tempo vorrei fare una domanda, scrive Monica Goscoir, se ci sia davvero una contraddizione tra l’essere norvegese qui e avere radici straniere.

“Det norske” cambia ancora

È concepibile che noi in Norvegia in futuro avremo una visione diversa di cosa significa essere norvegese e chiederci liberamente e apertamente da dove vieni.

Inserito: 01.02.22 alle 13:31 Aggiornato: 01.02.22 alle 17:48

Monica Coxier, Esperto legale

Questo fine settimana Possiamo studiare in VG Quattro giovani multiculturali sono interessati a definirsi non norvegesi. Sebastian, che ha una madre norvegese e un padre messicano, si identifica come brasiliano. Nora Adele, padre norvegese e madre lituana, dice: “La gente deve sapere che sono lituana”. Edin con genitori bosniaci non ha bisogno di essere accettato dai norvegesi. Arizona, che ha una madre albanese e un padre macedone in Kosovo, dice: “È meraviglioso dire che vengo da un altro paese.

La differenza nelle voci che ha caratterizzato il dibattito come “norvegese abbastanza” è piacevole. Tra gli altri medici, Kaveh Rashidi ha detto: “Mi rifiuto di accettare di non essere norvegese”. L’ex ministro della Cultura Abid Raja ha chiesto quando posso dire che la Norvegia. La giornalista Sophia Storehawk scrive: “Da dove vieni davvero?” Battere come un pugno nello stomaco le fa pensare: “Non sono con te, non sono come te”.

Devo dire che in questa discussione ho l’atteggiamento spettrale e il nuovo respiro che rappresentano i quattro orgogliosi giovani uomini di Viji. I loro rapporti ricordano un sedicenne che è venuto in California per un trasferimento; Quando mi sono presentato come norvegese, ho detto: “Sei norvegese? Anche io!” Poi abbiamo cambiato e abbiamo iniziato a parlare norvegese, perché quando gli americani si dichiarano norvegesi, sono spesso tre o quattro generazioni indietro. Un’altra cosa che ho notato è stata: “Di che paese vieni?” È abitudine degli americani chiedersi questo. Dove si dichiarano italiani, irlandesi, messicani, cambogiani, ecc. È stato meraviglioso vedere gli americani parlare liberamente e con sicurezza di un argomento molto turbolento in Norvegia.

READ  TVIDS - Notizie - Gli F-35B iniziano i test navali sulla portaerei navale italiana

Il report di questo fine settimana mi ha fatto chiedere se anche noi siamo in procinto di affermarci come una comunità veramente multiculturale, ma c’è una cosa che scuote il quadro; C’è una differenza significativa tra i giovani di VG e altri dibattiti “abbastanza norvegesi”: il colore della pelle. La convivenza dei giovani in VG ha un aspetto simile “norvegese”.

Ci possono essere una serie di ragioni per cui i giovani vogliono interagire con le loro altre nazionalità, ma mi chiedo se la loro “origine norvegese” sia un modello per abbracciare con fiducia la loro identità di minoranza nell’affrontare altre condizioni. Perché penso che il modo in cui esprimiamo la nostra identità sia influenzato dalla reazione che riceviamo al nostro aspetto dal mondo esterno. Alcuni giudizi della mia educazione di metà Norvegia, metà madre:

Un ricordo della scuola giovanile: abbiamo una conoscenza di casa, i ragazzi della classe corrono nell’aula della cucina e si prendono in giro a vicenda. Uno dei ragazzi prende il maglione dall’altro e lo infila nella mia borsa di scuola; Il ragazzo che tiene il maglione si comporta con odio istintivo: strappa il maglione dalla borsa e grida “Aw, ora è n***r” (sì, questa affermazione non è solo moralmente sbagliata, è storica e geografica). La partita è continuata, tutti l’hanno ascoltata e non c’è stata vittoria.

Un altro promemoria: abbiamo studi sociali; L’insegnante ha posto la domanda, cosa pensano dell’immigrazione? Gli studenti della mia classe rispondono che è innaturale per persone provenienti da culture emergenti vivere in una comunità norvegese. Ma che dire di Monica e X, chiede la mia insegnante (X è una ragazza con genitori cinesi nella mia classe), l’insegnante mi indica, ma non soddisfa la mia visione. I miei compagni di classe ce l’hanno fatta e hanno risposto: “Sì, ma sono norvegesi”.

READ  Butcher Pizza: - Non è niente

Potresti aspettarti che ti sia grato per questa affermazione, ma ero arrabbiato. Ero infastidito dal fatto che in classe si fosse discusso del fatto che fossi norvegese senza essere incluso nella conversazione; Sono quelli che, a causa della loro pelle bianca, siedono con il potere della definizione, ed erano infastiditi dal fatto che pensassero che avessi ragione a dire quello che ho fatto. Un giorno ero marrone puzzolente e l’altro giorno avrebbero potuto ammettere che ero norvegese.

È quindi naturale che i pittoreschi norvegesi, che hanno perso il controllo della propria identità, sperimentino disumani e alienazioni a lungo termine, reagiscano a suggerimenti che non si è norvegesi. È immaginario che sia facile abbracciare il torto quando il torto non viene usato contro di te? Qualcuno – dopo aver visto la tua faccia – ti ha chiesto perché sei sul suolo norvegese?

Quando i giovani in VG dicono che non hanno bisogno di vedersi come norvegesi, è davvero un prerequisito che abbiano una scelta?

Ora ci sono certamente molti esempi di razzismo contro gli europei dell’Est in Norvegia, ma non è così; Adele dice “Non provo razzismo o odio perché sono completamente norvegese”. Sebastian dice: “Fortunatamente, sono norvegese al cento per cento. Questo potrebbe avermi protetto da ciò che posso effettivamente ottenere.

Nel corso degli anni, sono stata sottoposta a un processo dal volermi considerare norvegese, all’abbracciare la parte materna. Allo stesso tempo, vorrei porre una domanda, c’è davvero una contraddizione tra l’essere norvegese qui e avere radici straniere? Possiamo agire con una comprensione leggermente più ristretta di ciò che significa norvegese.

READ  Quale meta culturale scegliere quando si viaggia?

Ora esporrò un’affermazione controversa, vale a dire che la “Norvegia” non è una categoria fissa, ma un concetto dinamico, un costrutto sociale in costante cambiamento. Harald Hårfagre ha conquistato la Norvegia attraverso saccheggi e omicidi, ma la violenza non è ancora considerata la norma oggi?

Quando Adele dice che non vuole usare il suo nome Nora, sembra molto norvegese, probabilmente si riferisce alla stessa idea sui maglioni e gli sci di Marius che indossano le gambe. Ma allo stesso tempo, quando si ritira da questo stereotipo, ridefinisce il contenuto della parola “norvegese”, è concepibile che tutti noi che partecipiamo quotidianamente alla società norvegese, alla nostra diversità, esprimiamo la Norvegia? In tal caso, di solito è norvegese discutere di cosa sia norvegese.

Il mio amico britannico una volta ha detto che la Norvegia è uno dei pochi paesi in cui è andato, dove il norvegese è ancora associato al bianco. Segna una spaccatura storica tra la Norvegia e, ad esempio, gli Stati Uniti. Potrebbe anche spiegare perché la questione del background (avanti) è così provocatoria in Norvegia.

In California nel 2008, i miei amici potevano parlare liberamente della loro origine etnica, indipendentemente dal fatto che i tuoi genitori o i tuoi antenati provenissero dal Messico, dall’Italia, dall’Africa occidentale o dalla Norvegia, ma nessuno metteva in dubbio la tua identità di americano. Per essere americano devi essere un immigrato.

Tra 20, 50 o 100 anni in Norvegia, avremo una visione diversa di cosa sia un norvegese e immaginiamo che possiate chiedervi liberamente e apertamente da dove venite.

Inserito: 01.02.22 alle 13:31 Aggiornato: 01.02.22 KL 17:48

More articles

Latest article