Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

dibattito, calcio | Jens Petter Hauge non è stato ceduto perché stava male, ma perché il Milan voleva fare soldi in una vittoria veloce

Jens Petter Hauge ha venduto per circa 200 milioni di NOK in meno di un anno; 50 milioni per trasferirsi da Bodo al Milan, altri 120 milioni per trasferirsi a Francoforte.

opinioni Questo è l’argomento di discussione. La pubblicazione esprime le posizioni dell’autore.

Lì potrebbe già questo fine settimana fare la sua prima partita per l’Eintracht Francoforte fuori casa contro il Borussia Dortmund. Hanno un altro norvegese in squadra, e rispetto al valore stimato di Erling Braut Haaland, anche Hauge è un ragazzino. È pari al 99,9 per cento di tutti gli altri calciatori del mondo.

Ma come giocatore di Bodø/Glimt, Jens Petter Hauge ha stabilito un nuovo grande record: nessuno è andato vicino a essere scambiato molto.

Che questo sia successo prima che Jens Peter compisse 22 anni non rende la situazione meno speciale. L’unica cosa che può essere paragonata nel contesto di Glimt è la vendita di Trond Fredrik Ludvigsen all’Hertha Berlino nel 2001 per 20 milioni di NOK.

Era una cifra colossale per un diciottenne in un momento in cui il calciatore più costoso del mondo costava “solo” 460 milioni. Il record di trasferimenti di oggi supera i due miliardi. Ma Ludvigsen non è mai arrivato all’Hertha, e questo è stato con la milionesima mossa.

Molti probabilmente penserebbero che il passaggio dal Milan all’Eintracht dimostri che Hauge non ha funzionato bene nemmeno nel suo primo club straniero.

Del resto il Milan è uno dei più grandi club del mondo, con sette vittorie in Champions League e 18 scudetti. Mentre l’Eintracht ha giocato una finale nella Winners’ Cup Series – una sconfitta fino al 1960 – e ha un titolo in Bundesliga.

READ  Media: altro affare in bacino per il Tottenham

Per capire perché questa è un’idea completamente sbagliata, bisogna andare alla storia recente del Milan. Nel 2017, Silvio Berlusconi ha venduto il club all’imprenditore cinese Li Yonghong per 830 milioni di euro.

Dopo diversi tentativi di raccogliere fondi sufficienti per l’acquisto, Yonghong ha ottenuto un enorme prestito dalla società di investimento americana Elliott Management Corporation (EMC).

Ciò significava che i problemi finanziari di Younghong non erano ancora finiti e, dopo un sacco di avanti e indietro, tutto si è concluso con EMC che è subentrato come unico proprietario dell’AC Milan nel luglio 2018 per coprire i suoi debiti.

Elliott Management Corporation è uno dei fondi aquile più famosi al mondo e una volta è stato paragonato a un hacker dall’amministrazione Obama negli Stati Uniti.

E non c’è dubbio che l’acquisizione del Milan da parte di EMC sia stata un’operazione puramente finanziaria: l’obiettivo è solo quello di fare soldi, comprando a buon mercato una società incline al debito e poi vendendola a un prezzo esorbitante.

Il coinvolgimento di questa particolare società nel calcio è del tutto secondario, è tutta una questione di soldi. A lungo e a breve termine.

Vendendo Jens Petter Hauge ora, hanno guadagnato 75 milioni di dollari in meno di un anno, e questa speranza ha superato la speranza che potesse aiutare la squadra a portare il successo sportivo un po’ più avanti.

Questa non è la storia completa. Il Milan avrebbe potuto optare per la cessione di un altro giocatore, ma non può tenersi tutti i giocatori che l’allenatore vuole. Poi Jens Petter è finito dalla parte sbagliata dell’equilibrio tra prezzo attuale e potenziale futuro.

READ  Corona, Ministero dell'Interno | Le più grandi aziende norvegesi: ecco come diventa il lavoro quotidiano dopo Corona

L’allenatore Stefano Pioli è ora sotto tiro dai tifosi del Milan, che hanno preso sul serio Haig all’inizio e credevano che l’allenatore non gli avesse dato una vera possibilità.

È anche un dato di fatto che Hauge abbia giocato chiaramente di più nel periodo in cui il Milan giocava un buon calcio e guidava la serie. Dopo che è finito per lo più in panchina, la qualità del gioco è calata e il Milan è caduto dal tavolo.

Invece di preoccuparci di un breve soggiorno a Milano, dovremmo invece rallegrarci che Jens Petter Hauge stia facendo un passo avanti. Bodo/Glimt sta regalando milioni in contanti.

Dopotutto, per il suo 19esimo compleanno, Jens Peter Hauge è rimasto al freddo al Color Line Stadium. Lì, B-Aalesund ha incontrato Godøy in una partita nella quarta divisione. Meno di tre anni dopo, è andato per 120 milioni di corone tra due grandi squadre europee.

È una corsa pazzesca in pochissimo tempo e non c’è alcuna indicazione che si fermi ora.

Il successo a Francoforte renderà Jens Petter di nuovo adatto a club più grandi, quindi tra qualche anno potrei dover aumentare di nuovo l’importo all’inizio del caso…