Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dibattito, dame d’onore |  Come un profumo dal grande mondo, Doris Locke è arrivata a Bodo

Dibattito, dame d’onore | Come un profumo dal grande mondo, Doris Locke è arrivata a Bodo

Cronaca Questa è una cronaca scritta da un collaboratore esterno. Le cronache rivelano l’atteggiamento dello scrittore.

È possibile? È possibile? Non c’è un ufficio turistico a Bodo? Come può Bodo andare oltre i confini della città per mostrare ai turisti cosa abbiamo da offrire?

Come un profumo dal grande mondo: l’internazionale Doris Locke arriva a Bodo (1957). Curioso di quello che la città aveva da offrire a un migrante come lui, ha contattato l’Associazione Turismo di Bodo (BOT). Sapeva che la Società (fondata nel 1890) aveva tutti questi anni di esperienza nel portare le persone in viaggio nella nostra bellissima natura.

Ma cosa attirerà la città per il turista che sta solo visitando o vuole fermarsi qui per un po’?

Foto di donne rispettabili

Nell’autunno 2021 è nata l’organizzazione “Hederschwinner Nordland” con l’obiettivo generale di onorare le donne che, in vari modi, hanno compiuto sforzi significativi nel loro comune o nel nostro distretto.

Ad oggi, 12 donne della squadra locale di Bodo sono state selezionate come modelli. Insieme, questi saranno un’ispirazione per noi e la nostra famiglia in crescita. Le donne vengono poste su “rosette” che ora sono in mostra nell’atrio della Stormmen Concert Hall. Qui puoi fermarti e leggerli uno per uno, in una versione breve. Nelle prossime settimane, Avisa Nordland fornirà una presentazione approfondita di ogni individuo.

Alcune donne sono state menzionate in precedenza, ma i casi vengono facilmente dimenticati a meno che non vengano ripetuti.

Presentazioni precedenti:

Continuare a leggere

La protagonista è Hildur Rordam

Continuare a leggere

La dama d’onore era Sigrid Bucke

READ  Fiat 500: opera italiana

Continuare a leggere

Onorevole Lady Sophie Jackeln: La vita culturale gli deve un grande debito di gratitudine

Suo padre era un manager del turismo a Berna, in Svizzera. È rimasta colpita. Dall’idea all’azione: Bodø Come punto di partenza, l’associazione dovrebbe avere sicuramente un manager del turismo. Come consigliere comunale del Partito conservatore, ha colto ogni occasione per far sentire le sue idee. Posizione creata – pubblicità e molti candidati. Doris fece domanda e fu assunta nel 1961. L’anno successivo è diventata mamma del suo 5° figlio!

Il primo tour manager di Bodo! Ha accettato il lavoro “a testa alta”. Aveva tutti i prerequisiti per questo lavoro pionieristico. Nato a Lisbona, Portogallo (1923) e fluente in sei lingue del mondo. Liv e Kai Franzen Brevol nel loro necrologio per Doris Locke:

“Oltre alla sua lingua già dotata, imparò presto il norvegese e alla fine parlò un perfetto Bodowing oltre a tedesco, portoghese, francese, italiano e, naturalmente, inglese. La famiglia era a Kobe, in Giappone, quando i giapponesi attaccarono Pearl Harbor. Sono andati il ​​più velocemente possibile e hanno raggiunto l’ultima barca. Sono finiti in Brasile, dove alla fine ha incontrato suo marito, Ragnar Lokke, un esportatore norvegese di pesci clipper”.

Dopo l’ultima guerra mondiale, si stabilirono in Norvegia, prima a Christiansund nel 1947 e poi a Bodø nel 1957.

Ora è la prima tour manager di Bodo! Aveva un’enorme capacità di lavoro, era consapevole di sé e paziente e aveva grandi visioni: Bodo doveva avere una stretta collaborazione non solo con il resto del Nordland e della Norvegia settentrionale, ma anche al di fuori dell’Europa. Ha viaggiato innumerevoli volte in patria e all’estero per parlare e vendere Bodo e Nordland. Era sempre a tutta velocità; Storgata veniva spesso visto andare in giro con il trench leggermente abbottonato.

READ  Probabilmente la verdura più bella sul violino

Ha organizzato viaggi e turismo professionalmente. esternamente. La sua idea era quella di stabilire voli diretti tra Bodo e Parigi in modo che i turisti potessero godersi il sole di mezzanotte. Visita di un giorno. Ho soggiornato al SAS Hotel e ho preso l’autobus per l’altopiano turistico. Chi di noi conosce le diverse condizioni meteorologiche di Bodo sa che questo può essere uno sport pericoloso. Ma per alcuni anni è stata una caratteristica del paese. Bodo è posizionato sulla mappa!

“Con la sua natura aperta e inclusiva, il suo fascino e le sue notevoli capacità comunicative e, in definitiva, il suo peso professionale, è diventato un tour manager molto popolare”, Si legge anche nel necrologio.

Secondo la famiglia, era attiva in città anche in altre zone: Miesmore è una Girl Scout con le sue figlie, una Soroptimista, un’insegnante di lingue al Kvelds- e Militærgymnaset e attiva nella congregazione cattolica della città. Da bambini, Locke era sempre il benvenuto a casa di famiglia, gli amici dicono: “È stata una gioia essere lì”.

Raiseliv Norge ha osservato questa donna e il suo lavoro come tour manager. Vogliono mantenerla come manager del turismo in Europa, con la responsabilità di creare destinazioni conosciute per la Norvegia, soprattutto nordica. Lei era d’accordo. Ora Francia, Germania e Italia aspettano da 30 anni.

Dopo 11 anni come tour manager a Bodo, la famiglia si trasferì per la prima volta a Parigi. Ad amici di tutte le età manca. Tutte belle conversazioni: vita da viaggio – coniglietti nel seminterrato, briciole sul pavimento della cucina, la “via storta del mondo” Papa a Roma, caos negli archivi, famiglia e amici in molti paesi. Era informata e preoccupata per la maggior parte delle cose. Sempre alla ricerca di qualcuno con cui discutere o contro. Era spesso infastidita da persone pompose e autocelebrative (leggi uomini), ma riusciva a separare bene la questione dalla persona.

READ  Moyes conferma di aver lavorato duramente per ottenere il miglior gol del Jurgen Globe

In Francia, è stato responsabile del turismo norvegese con particolare attenzione al Nordland fino al suo ritiro nel 1993.

Sapevamo che nel 1975 è stato insignito della Medaglia di Sant’Olav per i suoi sforzi?

Anche con la sua rete internazionale, è stata una bodøværing e una nordlander per tutti i suoi giorni. La famiglia ha acquistato un resort a Beyern chiamato “Kikibu” dove si recavano spesso per ricaricare le batterie. La voce le era anche vicina al cuore. Doveva andarci ogni estate.

Doris è morta il 14 agosto 2014 a Lillehammer.

Noi di Hederschwinner Nordland Bodo siamo interessati ad aiutare i residenti di Bodo a comprendere meglio la storia della città attraverso iniziative femminili. Alza il tuo nome alla luce! Desiderava tanto un visibile omaggio a Doris dalla città: fuori Bodo lasciava in piedi il suo banco d’onore…