domenica, Giugno 16, 2024

dibattito, leader | Dobbiamo fare spazio anche per l’appuntamento difficile

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Impara Questo è un leader. Il leader esprime la posizione del giornale.

Quando la storia è scritta, è molto più facile parlare di eroi coraggiosi, solidarietà e resistenza piuttosto che di odio, soprusi ed esilio. In molte comunità e città rurali, nei decenni successivi alla guerra, è stato messo un coperchio su storie che non si adattano alle storie eroiche che risuonano quando si costruisce insieme una nazione o una comunità. La società deve andare avanti.

Leggi anche

La famiglia Salomon ha ricevuto scuse sia dal direttore della banca che dal sindaco

Storie di abuso, odio ed esclusione che non rientravano nella narrativa collettiva della società sono state messe da parte, trascurate e dimenticate. E quando l’abuso viene dimenticato, la guarigione è quasi impossibile.

Anche dopo 80 anni è necessario e importante che gli enti pubblici diano ragione. Il sindaco Vidar Elton e il direttore della banca Arnfinn-Helge Kvam lo hanno fatto giovedì alla Valdres Sparebank di Vangshallen, durante un incontro sul libro “L’ebreo e la terra – Espulsi dalla fattoria e dalla terra dai nazisti norvegesi e dai buoni norvegesi” che parla di Hans Salomon e della famiglia che acquistò la fattoria a Vangs prima della seconda guerra mondiale.

Leggi anche

È quasi come leggere dentro le infradito

La storia di ciò che accadde a Hans e Gunvor Salomon sarebbe ancora sconosciuta alle nuove generazioni se non fosse per la scrittrice Ingeborg Solbrekken di Etnedal. È potente quando i nipoti di Hans e Gunnvor Salomon partecipano a un incontro che si riferisce esattamente alla storia della loro famiglia e incontrano un raduno più che pronto a portare con sé i lati oscuri della società rurale e trasformarlo in una questione di come possiamo usare storia per plasmare una comunità basata sul rispetto reciproco e sull’inclusione.

READ  Sport, Slettibaken | Sblocca la prima stanza nella sua "seconda casa"

Leggi anche

“È triste che la banca locale non riesca a vedere più apertura”.

Perché le nuove generazioni dimenticano, se non raccontano le storie ancora e ancora. Non ultimo per poter creare una società inclusiva per tutti oggi e in futuro. Di recente, il quotidiano Valdres ha pubblicato resoconti di incidenti e uso della lingua tra gli alunni di alcune scuole di Valdres. È frustrante che la parola “ebreo” sia usata come un insulto. È così grave che due comuni hanno inviato lettere ai vigili.

Combattere il razzismo, l’omofobia e le molestie verbali è importante per creare sicurezza, fiducia e spazio per tutti nel villaggio.

Leggi anche

Ingeborg (61) ha una forte opinione sulla società di Valdres: – Sfortunatamente, questa è la verità. Deve farsi avanti.

More articles

Latest article