venerdì, Luglio 19, 2024

Dibattito, Libertà di parola | Il sostegno di Snave ad Assange ha una reazione negativa

Must read

Ernesto Conti
Ernesto Conti
"Scrittore. Comunicatore. Drogato di cibo pluripremiato. Ninja di Internet. Fanatico della pancetta incurabile."

Lettera del lettore Questo è un post di discussione scritto da un collaboratore esterno. L’articolo esprime il punto di vista dello scrittore.

Steen Snave, in un commento su AN 11.9, affronta le questioni fondamentali sull’estradizione di Julian Assange e sottolinea chiaramente la serietà dei giornalisti norvegesi nel caso in cui venisse estradato negli Stati Uniti. Una possibile condanna all’ergastolo attende qui per la pubblicazione da parte di WikiLeaks di documenti che denunciano i crimini di guerra statunitensi in Iraq e Afghanistan.

Ora il sostegno di Sneave non è privo di riserve e la sua opinione è purtroppo viziata da numerosi errori ed inesattezze. Una caratteristica costante nell’articolo è che egli crede che “Julian Assange sembra essere un pezzo di merda”. Snay non aveva altra documentazione oltre alle ben note accuse mosse contro Assange nel corso degli anni senza prove. Consiglio il libro di Sneve potere segreto. Wikileaks e i suoi nemici Della giornalista italiana Stefania Maurizzi.

Ha avuto stretti legami con Assange da quando era un collaboratore italiano di WikiLeaks, che ha pubblicato contemporaneamente importanti casi di divulgazione nel 2010. Molti giornali che hanno stretto questa collaborazione hanno ottenuto premi e riconoscimenti. Il York Times e il Guardian hanno voltato le spalle ad Assange e ne hanno tradito la fonte. Contrariamente a questi giornali di alto profilo, Maurici si è schierato con Assange e lo ha incontrato più volte mentre era sotto asilo politico presso l’ambasciata ecuadoriana dal 2012 al 2019.

Dipinge un’immagine ricca di sfumature di un uomo composto, ma soprattutto guidato da un grande intelletto, coraggio e integrità. Descrive anche un uomo profondamente traumatizzato, indebolito mentalmente e fisicamente da anni di privazione della libertà. Un’altra fonte è il libro di Nils Melzer, ex relatore delle Nazioni Unite sulla tortura. Nel suo libro Giuliano caduto. Una storia di persecuzioni Mostra che Assange ha subito torture psicologiche. Ha anche documentato una cooperazione impropria tra i tribunali britannici e svedesi per consentire che le accuse di violenza sessuale contro due donne svedesi rimanessero impunite per anni prima che il caso venisse archiviato nel 2019.

READ  Tre incendi hanno fermato Folopanan. Questo potrebbe essere il motivo della truffa ferroviaria

Quindi quello che scrive Sneev è così disgustoso: “È stato accusato di abusi sessuali in Svezia, e si può dire che almeno un po’ di sostanza c’è”. Le accuse di abuso “dovrebbero essere gestite dalla magistratura svedese”, scrive Snave, che è sorprendentemente obsoleto. L’intero caso ruota attorno alle donne che vogliono imporre il test dell’HIV ad Assange dopo un rapporto sessuale consensuale. Il caso è trapelato alla stampa, dove sono state diffuse accuse di abusi sessuali. Certamente è atto a gettare Assange in una luce negativa.

Vale la pena ricordare che a presentare l’accusa e la richiesta di estradizione è stato il presidente Trump, segretario di Stato di Mike Pompeo ed ex direttore della CIA. Per coincidenza, lo stesso Pompeo era corresponsabile dei piani per rapire e uccidere Assange mentre era nell’ambasciata. Le affermazioni di Snave sul ruolo di Hillary Clinton nel caso sono false e fuorvianti. Quando Hillary Clinton era segretaria di stato sotto Obama, il caso è stato archiviato perché Obama ha ascoltato i suoi consulenti legali che dicevano che se Assange fosse stato incriminato, il New York Times e altri media avrebbero dovuto essere incriminati. Stessa cosa.

È vero che Hillary Clinton, nel periodo precedente la campagna elettorale negli Stati Uniti, si è espressa contro Assange in modo ostile dopo che le sue e-mail erano trapelate. La saggezza di questa pubblicazione nel bel mezzo di una campagna elettorale è discutibile. Ma Sneve non ha scritto nulla sul contenuto di queste e-mail e sul perché WikiLeaks ritenesse che fossero di interesse pubblico. Tra le altre cose, le e-mail rivelavano che la leadership democratica si opponeva al rivale di Clinton, Bernie Sanders. I democratici hanno fatto causa ad Assange e WikiLeaks dopo le rivelazioni.

READ  Solbagan su Ericsson: - I film per la TV sono molto forti

Come mostrano Kisyl Selnes e Frod Helmich Pedersen nel loro libro Persecuzione di Julian Assange Un giudice della corte distrettuale di New York, John G. Koeltl ha affermato che i giornalisti che si basano su tali informazioni si sentono obbligati a condividerle con il pubblico. La sentenza afferma: Le fughe di notizie “hanno dato agli elettori americani uno sguardo dietro le quinte di uno dei due principali partiti politici americani durante le elezioni presidenziali”. La sentenza afferma che le conseguenze politiche del partito non dovrebbero essere importanti per la decisione di rilasciare le e-mail.

Snave si è affidato a PEN International e a tutte le principali organizzazioni di stampa e libertà di espressione per mettere in guardia contro le conseguenze di una possibile condanna all’ergastolo per qualcuno dietro importanti rivelazioni. Siamo d’accordo con questo. Assange sta finendo i soldi. Un tribunale britannico può decidere in qualsiasi momento sulla sua estradizione.

More articles

Latest article