Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dibattito Romerics, Personaggi | Istruzione e requisiti


Lettera del lettore Questo è un post di discussione, scritto da un collaboratore esterno. La pubblicazione esprime le posizioni dell’autore.

In questi giorni, molti giovani stanno ricevendo risposte sull’opportunità di iscriversi agli istituti di istruzione superiore. Naturalmente, spero che la maggior parte delle persone realizzi il proprio desiderio e acceda allo studio per cui ha fatto domanda.

Lo sfondo di questo post è un articolo su RB del 29 luglio con il politico dell’AUF Ramjar Latifi che crede che i voti siano il modo sbagliato per valutare la competenza dei candidati e che crede che sia sbagliato basare le ammissioni sui voti. Ciò si adatta a molte proposte dei politici di sinistra che credono che i voti a scuola dovrebbero essere gradualmente eliminati. Ci si potrebbe chiedere cosa c’è dietro questa visione del mondo.

Quali sono i voti?

Quando Latif ha detto nello stesso caso “Il sistema di ammissione di oggi crea una cultura malsana nelle scuole superiori, in cui gli studenti sono più interessati a prendere buoni voti che a imparare”, mostra che non si vuole capire quali siano effettivamente i voti. I punteggi sono specificamente un metodo di valutazione formale per descrivere il rendimento scolastico degli studenti dell’istruzione secondaria superiore, della scuola elementare e della scuola media dall’ottavo al decimo anno. Passi e con studenti universitari e universitari. Lo scopo e lo scopo dei gradi è documentare che gli studenti hanno già imparato qualcosa – l’intero scopo dell’insegnamento. Quando il lato sinistro esprime costantemente questi punteggi, e quindi la valutazione della competenza acquisita non è necessaria, vale la pena fermarsi a riflettere un po’. Dal modo in cui si esprimono e discutono della scuola, sembra che la scuola dovrebbe essere un’arena sociale in cui dovrebbero essere solo gli studenti, senza imparare o acquisire conoscenze e competere con gli altri. È una situazione strana perché la competizione e l’apprendimento ci rendono tutti attrezzati per affrontare le sfide della vita – e le sfide che la maggior parte delle persone affronta nel corso della propria vita.

READ  Chiediamo tempo, luogo, risorse e supporto

Parla e dì

Non avanzando pretese, non valutando la competenza e la comprensione dell’insegnamento e riducendo la conoscenza a qualcosa di dipendente, la sinistra rende la società dannosa. Cosa c’è di sbagliato nell’avere studenti che mettono alla prova se stessi nell’incontrare altri studenti, sviluppando la conoscenza e la loro capacità di apprendere e valutando questo usando i voti? Quando ho letto l’articolo con Latifi, era come se credesse che gli studenti non dovrebbero essere a scuola neanche quando dice “Gli studenti dovrebbero avere l’opportunità di trascorrere il loro tempo libero acquisendo conoscenze in altri modi, sia attraverso il lavoro che attraverso varie organizzazioni. Lui stesso crede di aver imparato molto lavorando all’AUF e come assistente infermieristico.

Sì, c’è apprendimento nel lavoro e nel lavoro organizzativo, ma è proprio attraverso la scuola e l’istruzione che arriva la capacità di riflettere, fornendo all’individuo e alla società i requisiti necessari per il benessere futuro, la creazione di valore e lo sviluppo sostenibile. Tutti gli studenti devono acquisire competenze di base e sperimentare padronanza e sfida. È essenziale che tu impari a scrivere, leggere e pensare, qualcosa a cui la scuola contribuisce sicuramente. Se si spiegasse l’eterna lotta della sinistra contro i voti e la valutazione delle competenze, si lascerebbe l’impressione che la sua società ottimale sia quella in cui tutti sono mediocri, e l’iniziativa e la conoscenza fanno paura.

Anche la stanza dei praticanti

Detto questo, è importante per me dire che credo anche che dovrebbe esserci un posto per coloro che non sono puramente teorici, ma anche praticanti nelle scuole norvegesi. Non tutti gli studenti trovano il rapporto con la teoria pura il più eccitante. Le scuole norvegesi devono anche trovare spazio per coloro che adottano un approccio più pratico, assicurandosi di educare e fare spazio anche a quegli studenti. Anche per questi studenti, secondo me, è naturale giudicare la loro capacità di apprendimento sotto forma di voti. Il fatto che ci siano requisiti diversi per l’accesso all’istruzione superiore offre un’opportunità per coloro che hanno i migliori prerequisiti nelle varie discipline. Qui, i voti sono il modo migliore per giudicare se hai imparato qualcosa, avere i prerequisiti per il successo negli studi successivi e confermare che hai effettivamente imparato qualcosa nella tua precedente carriera educativa.

READ  I BlackRocks verden er det ikke mye rom for fagbevegelsen

Tom Staahle, membro del consiglio comunale Ullensaker Frp