Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dietro l’attuale crisi c’è una lotta più profonda nell’Unione europea

Dietro l’attuale crisi c’è una lotta più profonda nell’Unione europea

È insolito che due fondatori dell’Unione europea si impegnino in un conflitto così aperto.

Francia e Italia sono testimoni di una crisi diplomatica innescata dal recente incontro tra il vice primo ministro italiano Luigi Di Maio e rappresentanti francesi. Movimento dei Gilet Gialli.

Di Maio ha espresso il suo sostegno ai Gilet Gialli e al loro piano di presentare candidati per le elezioni del Parlamento Europeo di quest'anno. Ha risposto il presidente francese Emmanuel Macron Riportate il loro ambasciatore da RomaHa criticato il governo italiano per quello che credeva fosse un attacco verbale alla Francia “senza precedenti dalla seconda guerra mondiale”.

Le dichiarazioni di Di Maio sono state la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Le tensioni tra i due paesi – per le acquisizioni aziendali, la politica libica e la mostra su Leonardo – sono aumentate da quando un nuovo “governo del cambiamento” populista è salito al potere in Italia a giugno. Il conflitto scoppiato la scorsa settimana ha messo a dura prova le relazioni a un livello senza precedenti. Nel breve termine, è difficile vedere come il rapporto possa essere migliorato.

Due visioni dell'Europa

È insolito che due fondatori dell’Unione europea si impegnino in un conflitto così aperto. Ma è molto insolito che l’Italia abbia un governo così apertamente anti-UE. Ciò rivela che dietro la crisi si nasconde un conflitto più profondo sull’Unione Europea.

Macron Movimento in avanti della Repubblica È un nuovo arrivato nella politica francese, ma rappresenta comunque il centro liberale ed europeista tradizionale. Macron è riuscito a portare persone della destra e della sinistra moderata nel suo nuovo governo. La sinistra populista (France Insoumise) e la destra (Raggruppamento Nazionale di estrema destra) sono all’opposizione in Francia. In Italia ci sono le forze opposte – Movimento Cinque Stelle e Lega – al governo. C’è un ambiente filo-europeo tradizionale all’opposizione.

READ  La ricerca mostra che l’immigrazione in generale non porta ad un aumento della criminalità

I governi francese e italiano hanno quindi visioni molto diverse sull’Unione Europea. Macron aspira a una cooperazione più profonda nei settori della difesa, dell’economia e della politica estera. D’altro canto, la Liga e il Movimento Cinque Stelle erano fianco a fianco con i loro amici populisti nei governi austriaco, polacco e ungherese, i quali sostenevano le politiche euroscettiche o erano in aperto conflitto con Bruxelles.

Le elezioni sono all'orizzonte

Gli ultimi due governi devono chiarire le loro diverse opinioni sull’Unione europea, perché le elezioni del Parlamento europeo sono ormai all’orizzonte.

Ha dato agli elettori uno sguardo sulla prossima campagna elettorale, che si concentrerà sulle differenze in tutta Europa alla luce della natura fondamentale, dello scopo e della struttura istituzionale dell’Unione Europea. In altre parole, gli attacchi regolari lanciati dal governo italiano contro il governo francese sono attacchi indiretti all’agenda di integrazione europea di quest’ultimo, e attacchi indiretti alla stessa Unione Europea.

Luigi Di Maio. Foto: Presidenza della Repubblica

I partiti populisti nei governi italiani si affrontano su piattaforme indipendenti durante le elezioni del Parlamento europeo. Stanno cercando potenziali alleati nel Parlamento europeo. La Lega è già iscritta L’Europa delle nazioni e della libertàÈ il gruppo parlamentare di destra a cui appartiene anche il Raggruppamento Nazionale. Ma il Movimento Cinque Stelle ha il vantaggio di trovare una sede politica adeguata. Stanno quindi cercando di dare coraggio ai movimenti di altri paesi – come i Gilet Gialli – che abbracciano elementi populisti sia di sinistra che di destra.

Le riforme di Macron

Queste diverse opinioni sull’Unione europea hanno conseguenze dirette anche sulla politica interna. Il tentativo del presidente francese di rafforzare l'Europa ha creato un conflitto con la sinistra gialla, mentre il tentativo del governo italiano di compiacere la propria base elettorale ha creato un conflitto con l'Unione Europea.

Macron sta cercando di presentare un programma di riforme economiche molto ambizioso. Questo è un tipo di progetto che ha fallito più di un governo negli ultimi decenni. La maggior parte di questi cambiamenti sono variazioni di aggiustamenti strutturali liberali, che avevano lo scopo di risolvere i problemi di disoccupazione e aumentare la competitività dell’economia francese – mantenendo il bilancio in pareggio.

READ  I bambini (40 e 42 anni) si sono rifiutati di uscire di casa. Poi la madre ne ebbe abbastanza e andò in tribunale - Dagsavisen
Gilet gialli. Foto: Thomas Bryson

Le riforme sono state elogiate da Bruxelles, ma sono controverse in Francia. Macron è riuscito a cambiare il sistema educativo, il mercato del lavoro e le pensioni, ma su quelle questioni in cui l’opposizione corre lungo la linea emergente di conflitto tra liberalismo e populismo, tra la cosiddetta “élite” liberale urbana cosmopolita e quella nazionalista-conservatrice. “gente” in campagna, aveva problemi. .

Il movimento Goal Fester è nato come opposizione alla tassa sulla benzina, soprattutto tra gli abitanti della regione, che dipendono dalle auto per la loro vita quotidiana. Ma ora è stato trasformato in uno solo Movimento di protesta Si compone di diverse parti della destra e della sinistra francese. Per rispondere alle loro richieste di innalzare il tenore di vita, Macron ha promesso sovvenzioni e tagli fiscali ai pensionati e ai gruppi a basso reddito, mettendo a rischio i bilanci pubblici.

Roma-Bruxelles

Il governo italiano, in particolare il Movimento Cinque Stelle, adotta un approccio completamente opposto alla politica economica. Promettono una rete di sicurezza sociale più forte: preservare i diritti alla pensione, garantire il salario cittadino ai disoccupati e spendere di più per il welfare pubblico. Lo fanno nonostante il fatto che lo Stato italiano abbia dovuto fare i conti per decenni con stagnazione economica, deficit di bilancio e debito. Dall’inizio della crisi dell’euro, l’Unione Europea ha vietato deficit e debito. Di conseguenza, il governo italiano e l’Unione Europea hanno avviato una controversia sulla proposta di bilancio italiano, che doveva essere risolta. È stato rivisto più volte Per soddisfare gli standard di sostenibilità economica dell’UE.

le notizie

Oppure guardiamo alla politica dell’immigrazione, che è particolarmente in cima all’agenda in Italia – principalmente a causa del gran numero di immigrati clandestini che sbarcano nel Sud Italia. Gli italiani si sentono giustamente soli di fronte all’afflusso di migranti. L’Unione Europea, in quanto organizzazione grande e ingombrante, è stata lenta nello sviluppare una pratica comune e nel dare all’Italia il sostegno di cui ha bisogno. Questa è una cosa dell'Italia – e Soprattutto la Liga – Sono stato arrabbiato per molto tempo. Questo, insieme ai problemi dell’euro, è alla base dell’insoddisfazione degli italiani nei confronti dell’Unione Europea. Il governo italiano ha rifiutato di consentire alle navi migranti di attraccare nei porti italiani, lasciando il problema ai suoi vicini francesi.

READ  Novità in Norvegia - Aggiorna iPhone a iOS 14.7 - Aggiornati anche tutti gli altri sistemi operativi

Anche il governo francese, con la sua opposizione populista all’immigrazione, ha avuto difficoltà a recuperare terreno. Su questo tema la linea europeista di Macron è sotto pressione.

Pragmatismo contro populismo

È possibile immaginare che la crisi franco-italiana si sia calmata dopo le elezioni del Parlamento europeo. Ma questo problema non sarà veramente risolto a meno che il governo italiano (o francese) non cambi il suo carattere ideologico, o se l’Unione Europea riesca a dare al governo italiano una maggiore flessibilità nella politica economica e un maggiore dinamismo nel campo delle migrazioni. All'inizio non è probabile.

L’unica speranza risiede nel pragmatismo mostrato dalla Commissione Europea e dal governo italiano nelle discussioni sul bilancio italiano per il 2019. Ma questa speranza dovrebbe essere mitigata dal riconoscimento che il populismo riguarda tanto l’apparenza quanto la sostanza politica. Questo look è provocatorio, conflittuale, spietato e… popolare.

Questo Articolo È stato anche stampato ConversazioneÈ qui ripubblicato sotto licenza Creative Commons. Tradotto dall'inglese da Axel Fjeldavli.

le notizie